Il portafoglio semplice che ti fa guadagnare con i crolli

Non è un buon momento per le borse mondiali. Strette tra la crisi bancaria americana, il rialzo dei tassi da parte delle banche centrali e un’inflazione che proprio non si riesce a mettere sotto controllo (soprattutto negli Usa), i mercati azionari globali sono tornati ad arrancare. I segnali arrivati nella primissima parte del 2023 iniziano ad essere un ricordo mentre torna lo spettro che le borse possano mettere di nuovo in fila mesi e mesi di ribassi consecutivi come avvenne nel 2022.

Cosa fare in una situazione simile?

In questo articolo parleremo di un portafoglio che consente di guadagnare quando ci sono crolli di mercato. Il riferimento al termine “portafoglio” potrebbe già indurre qualcuno alla preoccupazione. Solitamente quando si parla di portafogli il pensiero va alla complessità, alla necessità di attuare una diversificazione capillare tra i vari asset e in ultimo a meccanismo di scelta che non sono per niente facili.

Nulla di tutto questo è presente in questo articolo. Parleremo si del portafoglio che consente di guadagnare con i crolli dei mercati ma faremo riferimento ad un portafoglio statico e quindi molto semplice da maneggiare.

Il portafoglio in questione non è una nostra invenzione ma è stato ideato da Harry Browne. Il principio alla base di questo portafoglio è molto semplice: a prescindere dalla direzione dei mercati, i soldi da qualche parte devono pur finire. Si tratta di un assunto che a volte si tende a dare per scontato ma in realtà è uno dei postulati più importanti del mondo degli investimenti. I soldi non stanno mai fermi e quindi, anche nei crolli, da qualche parte devono andare.

Forse può anche interessarti — Come investire su un mercato al ribasso con i CFD?

Senza andare troppo a ritroso vediamo cosa è successo nell’ultima settimana sui mercati. Da un lato c’è stato il crollo dei mercati azionari (il sell-off delle borse ha occupato tutte le prime pagine dei media) ma dall’altro c’è stato l’apprezzamento dei bond e il rialzo della quotazione oro (e in questo caso la visibilità dei due eventi è stata meno evidente).

Stiamo parlando di asset che sono molto diversi tra loro ma che presentano delle correlazioni. Nel prossimo paragrafo spiegheremo come funziona il portafoglio statico che consente di guadagnare sui crolli. Prima però una precisazione pratica: stiamo parlando (e parleremo) di mercati completamente diversi tra loro (ad esempio l’oro e gli indici di borsa). Questo però non è un problema visto che con broker affidabili come eToro (qui la recensione e le opinioni aggiornate) è possibile speculare su tantissimi mercati diversi da una sola piattaforma. La tabella in basso riporta le caratteristiche della piattaforma eToro. Cliccandoci su e completando la procedura di registrazione, potrai avere subito un conto demo gratuito da 100 mila euro virtuali.

–REGISTRATI GRATIS SU ETORO E INVESTI SU TANTI MERCATI DA UNA SOLA PIATTAFORMA>>

piattaforma etoro

Come funziona il portafoglio che permette di guadagnare sui crolli

Il meccanismo di funzionamento del portafoglio statico per guadagnare dai crolli di borsa è semplice ma soprattutto presenta un rapporto eccezionale tra il rischio e il rendimento.

Operativamente se 100 è l’ammontare totale del capitale che si ha a disposizione, esso va diviso in 4 parti uguali ossia:

  • Azionario (sia Wall Street che globale)
  • Obbligazionario a Medio-Lungo Termine
  • Oro
  • Monetario e Liquidità

Ovviamente è sempre possibile effettuare dei ribilanciamenti che possono essere annuali o al massimo semestrali. Ribilanciamenti fatti ogni 3 mesi o peggio ancora addirittura ogni mese possono rivelarsi controproducenti perchè comunque le posizioni vanno tenute aperte per un intervallo medio lungo (quindi i trader che si lasciano facilmente condizionare dai movimenti repentini che durano anche poche sedute dovrebbero lasciar perdere questo portafoglio).

Detto questo, questo portafoglio si può rilevare molto utile in quei giorni in cui le borse registrano ribassi anche molto ampi. Punto di forza di un portafoglio simile è la sua quasi automaticità nel senso che è sufficiente rivederlo 1 volta all’anno (se l’orizzonte è annuale) o 2 volte all’anno (se l’orizzonte è invece semestrale) per i necessari adeguamenti.

Un portafoglio di questo tipo si è mostrato particolarmente resiliente nelle fasi di crisi più acuta dei mercati globali. Ad esempio durante l’anno del covid il rendimento è stato superiore al 10 per cento e mediamente ogni anno si possono avere rendimenti interessanti. Ancora una volta quindi una buona soluzione per chi cerca di investire ma senza esagerare.

Il portafoglio di investimento statico è molto semplice e per questo è adatto anche a chi si affaccia per la prima volta sui mercati. E’ comprensibile che le fasi di crollo tendino a scoraggiare, tuttavia con un portafoglio simile si può avere una migliore gestione del rischio. I tempi però sono lunghi. E chi non ha un orizzonte temporale lungo?

In questo caso più che a portafogli si dovrebbe guardare a strategie trading di tipo ribassista. Con lo short trading, infatti, si può trarre vantaggio dal ribasso dei mercati. Investire con questo approccio non è però semplice ed è per questo che è consigliabile sempre fare prima pratica con un conto demo gratuito come quello che eToro mette sempre a disposizione dei suoi clienti.

–APRI GRATIS IL CONTO DEMO ETORO (SITO UFFICIALE)>>

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram

Migliori Piattaforme di Trading

Deposito minimo 50$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
* Avviso di rischio
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.

Regolamentazione Trading