moneta Bitcoin e logo della SEC
Si avvicina il via libera della SEC all'ETF su Bitcoin Spot - Borsainside

Che fine ha fatto il dossier relativo all’approvazione degli ETF su Bitcoin Spot da parte della SEC?

Contrariamente a quello che potrebbero aver pensato molti investitori, la pratica non è nuovamente finita nel cassetto dopo la fiammata dei rumors delle scorse settimane. In realtà il via libera agli ETF su Bitcoin Spot potrebbe invece essere dietro l’angolo. Ad affermarlo sono stati due analisti di Bloomberg, James Seyffart ed Eric Balchunas, secondo i quali tra il 9 novembre (ieri) e il 17 dello stesso mese si potrebbe essere creata una finestra di otto giorni durante i quali la SEC potrebbe approvare ben 12 richieste su ETF Bitcoin spot che sono da tempo in giacenza.

Ovviamente questa è solo una possibilità e quindi non sta scritto da nessuna parte che si possa effettivamente arrivare a questo punto di svolta. Tuttavia il solo fatto che degli analisti di Bloomberg abbiamo avanzato un’ipotesi così precisa, impensabile fino a pochi mesi fa, sta a significare che i tempi sono davvero maturi per questo passaggio decisivo che potrebbe dare ulteriore visibilità al Bitcoin (e, a cascata, anche a tutte le altre criptovalute).

Ma da dove nasce questa finestra temporale così stretta? A spiegarlo sono stati gli stessi analisti con dei tweet su X (ex Twitter). E’ proprio su questi messaggi brevi che è necessario concentrare l’attenzione anche perchè, calendario alla mano, se i 12 ETF su Bitcoin Spot potrebbero essere approvati dal 9 al 17 novembre, allora è lecito attendersi delle novità anche nel fine settimana 11-12 novembre.

Meglio stare sul pezzo visto che Bitcoin ha spesso abituato a novità proprio durante il week-end che hanno poi infiammato i prezzi.

etoro crypto trading

Perchè la SEC potrebbe approvare 12 ETF su Bitcoin Spot entro il 17 novembre 2023?

In un tweet su X di — James Seyffart (@JSeyff) viene spiegato per quale motivo la finestra 9-17 novembre 2023 potrebbe riservare una svolta al dossier ETF Bitcoin Spot.

Scrive l’analista di Bloomberg che ci sono ancora ben il 90 per cento di possibilità che si possa arrivare all’approvazione di un ETF su Bitcoin Spot entro il 10 Gennaio 2023 aggiungendo poi, che se il via libera dovesse arrivare prima di questa data, allora proprio adesso c’è finestra in cui si potrebbe verificare un’ondata di approvazioni per tutti gli attuali richiedenti (12 lo ricordiamo).

Nell’immagine in basso c’è il Tweet originale.

Sulla stessa lunghezza d’onda è anche l’altro analista Bloomberg: Seyffart che in un post dell’8 Novembre su X ha ricordato come la SEC abbia rinviato le decisioni sulle richieste di BlackRock, Bitwise, VanEck, WisdomTree, Invesco, Fidelity e Valkyrie, aggiungendo che se l’autorità di controllo degli scambi fosse intenzionato a dare il suo via libera a tutte le richieste assieme (in modo tale da non avvantaggiare nessuno), proprio il periodo tra il 9 e il 17 novembre sarebbe quello utile visto che viene dopo la conferma della vittoria di Grayscale in tribunale. Di conseguenza, aggiungiamo noi, novità ci potrebbero essere anche nel week-endo. ù

E allora ecco la spiegazione alla curiosità sul perchè i 12 ETF su Bitcoin Spot potrebbero avere il via libera della SEC da qui al 17 novembre 2023.

In pratica, come chi è solito investire in criptovalute certamente ricorderà, quando la SEC decise di prorogare la scadenza per alcuni ETF su Bitcoin Spot, indicò proprio l’8 novembre come termine ultimo per la presentazione di osservazioni.

A partire dal 17 novembre, il periodo per l’esame di 3 richieste, quella di Global X Bitcoin Trust, quella di Hashdex Bitcoin ETF e quella Franklin Bitcoin ETF, riprenderà e di conseguenza esse non potranno essere approvate o rifiutate prima del 23 novembre.

Vero è che il periodo per accettare tutte e 12 le domande che giacciono negli uffici della SEC si concluderà il prossimo 17 novembre, tuttavia l’analista Seyffart ha affermato che non è da escludere che la SEC possa adottare decisioni su 9 delle 12 domande in ogni momento prima del 10 gennaio prossimo.

Fin qui i fatti. Passando all’operatività dobbiamo ricordare come sia opinione diffusa che il via libera al primo ETF Bitcoin Spot (e nell’ipotesi degli analisti di Bloomberg si parla di autorizzazione a ben 12 fondi tutti assieme), possa dare slancio alla quotazione del BTC.

Insomma il passaggio sarebbe decisivo per la crypto e soprattutto potrebbe essere sfruttato in ottica trading.

Ecco due piattaforme che, dal nostro punto di vista, si prestano molto per speculare su questo scenario.

eToro logo piccolo
  • eToro: consente di fare trading attraverso i CFD su tantissime crypto e di comprare ETF frazionati reali. Operando con gli ETF si può beneficiare dell’effetto della leva che incrementa il guadagno in caso di successo del trading. Punto di forza di eToro è il copy trading per copiare le strategie dei crypto traders migliori.

Scegli di incrementare le tue conoscenze di trading sulle crypto con il conto demo eToro da 100.000 euro virtuali >più informazioni sul sito eToro<

Fineco logo piccolo
  • Fineco: non tutti lo sanno ma la celebre banca con conto trading permette di investire con strumenti derivati che hanno come sottostante le criptovalute più conosciute, come Bitcoin ed Ethereum. Si può operare direttamente dal conto conto e senza alcun portafoglio secondario. Per fare trading sulle cripto con Fineco ci sono tre modalità: CFD, Knock Out Options con sottostante CFD sui Futures su Bitcoin ed Ethereum, ETP con sottostante Bitcoin, Ethereum e Ripple.

Inizia a fare trading con la piattaforma NR 1 in Italia >Clicca qui per iniziare a fare trading su Ethereum con Fineco>

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.