Ripple: una "profezia" spinge ad andare long nel lungo termine ma c'è da fidarsi?

Ripple: una

Il Ceo di Ripple Brad Garlinghouse prevede una diffusione di massa di XRP e una serie di problemi per la rivale Bitcoin

CONDIVIDI

Ripple conviene più del Bitcoin. Ripple è destinata ad avere una diffusione di massa tra le banche entro il la fine dell'anno in corso. Sono questi i due capisaldi delle dichiarazioni rilasciate dal Ceo di Ripple Brad Garlinghouse durante una intervista alla CNBC. Le parole del manager, uno degli alfieri del successo di Ripple, hanno immediatamente fatto il giro del mondo. Molti investitori e traders si sono chiesti se le parole di Garlinghouse siano state dettate da obiettività o siano invece di parte come lascia suggerire la carica che il manager ricopre. C'è quindi chi parla di profezia a proposito delle dichiarazioni di Brad Garlinghouse e chi di previsioni da cogliere al volo. Quello che è certo è che la quotazione Ripple oggi non è sembrata euforica dopo le parole del Ceo di XRP. Secondo i dati in tempo reale di CoinMarketCap il prezzo di Ripple avanza dello 0,8% posizionandosi in area 0,68 dollari. 

Ma in cosa consiste la profezia del Ceo di Ripple? Brad Garlinghouse ha affermato di essere convinto che da oggi alla fine del 2018 saranno dozzine le banche che adotteranno XRP come strumento per la gestione della liquidità. Quella che alcuni siti hanno ribattezzato come espansione potenziale di Ripple non rappresenta comunque una previsione del tutto campata in aria. Già oggi Ripple è la criptovaluta più usata tra le banche e i money trasfer. Gli accordi siglati tra la stessa XRP e una serie di enti finanziari sparsi in tutto il mondo sono la migliore dimostrazione del successo che Ripple ha fino ad oggi riscosso. E' lo stesso Ceo Brad Garlinghouse a ricordare quelli che sono i punti di forza della criptovaluta ossia la velocità della transazioni e i costi di trasferimento molto contenuti. Ma allora se Ripple possiede tutte queste qualità si può ritenere che in un futuro prossimo il primato attuale del Bitcoin possa essere messo in discussione? La domanda che il giornalista della CNBC è insidiosa ma Brad Garlinghouse su questa questione non si è comunque sbilanciato più di tanto limitantosi ad affermare che le criptovalute non sono in competizione tra loro. Ripple, quindi, non è in competizione con il Bitcoin nè è in competizione con Ethereum (giusto per citare le prime tre crypto per livello di capitalizzazione).

Secondo Brad Garlinghouse il Bitcoin "non sarà la panacea che una volta la gente pensava che sarebbe stata, che avrebbe risolto tutti questi diversi tipi di problemi. Invece, stiamo osservando una specializzazione di diversi tipi di ledger, e di diversi tipi di blockchain".

Premesso questo confronti del tipo Ripple VS Bitcoin o ancora Ripple VS Ethereum non hanno quasi ragion di esistere poichè XRP, BTC e ETH hanno oggi ruoli e mission completamente diverse tra loro. Il senso delle parole del Ceo Garlinghouse è chiara: le tre criptovalute che presentano il livello di capitalizzazione più alto possono tranquillamente coesistere. Almeno oggi. 

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro