Comprare ETF Bitcoin in Italia è possibile?

Aggiornamento del
Le soluzioni per comprare ETF Bitcoin in Italia - BorsaInside

Gli 11 ETF Bitcoin Spot approvati dalla SEC da giovedì 11 gennaio possono essere acquistati a Wall Street come si farebbe con qualsiasi altro fondo e qualsiasi altra azione listata sulla borsa Usa. Nessun problema quindi per gli investitori americani. E per quelli italiani? Gli ETF Bitcoin approvati dalla SEC si possono comprare in Italia oppure non sono disponibili?

Esaurita l’euforia per lo storico via libera della SEC ai fondi che investono sul valore spot di Bitcoin, l’attenzione si è spostata all’aspetto più concreto e operativo. Cambiamento naturale perchè è logico che ad un investitore italiano interessi sapere se può comprare un ETF Bitcoin in Italia oppure se deve ricorrere ai classici strumenti derivati per investire in criptovalute.

In questa guida ci occuperemo proprio di questa questione che, ne siamo certi, da ieri sta a cuore di molti investitori. Come e dove comprare ETF Bitcoin in Italia (sempre che sia possibile farlo)?

In Italia era già possibile investire in ETP Bitcoin

Tutti gli analisti sono concordi nell’affermare che l’approvazione di ben 11 ETF su Bitcoin spot da parte della SEC impatterà sul mercato delle criptovalute (con Ether prossimo candidato ad essere replicato da un ETF spot) ma anche sui mercati finanziari nel loro insieme. L’eco del passo compiuto dall’autorità americana è già arrivato in Europa.

Ad onor di cronaca sui mercati del Vecchio Continente era già possibile trovare Exchange traded product (ETP) legati a varie criptovalute. Non parliamo di poche unità di rappresentanza ma di oltre 130 tra ETP Bitcoin e ETP crypto.

Quindi è già da anni che gli investitori europei hanno accesso a tantissimi ETP su Bitcoin al 100 per cento a replica fisica e con bilancio segregato dalla controparte, tanto che, in più di una occasione, gli analisti hanno parlato di Europa più avanti degli Usa per quello che riguarda i fondi replicanti Bitcoin.

E’ innegabile che con l’approvazione degli 11 ETF su Bitcoin Spot, gli Usa faranno un balzo in avanti recuperando il tempo perso rispetto all’Europa.

Gli ETP quotati in Europa, nessuno dei quali è listato su Borsa Italiana, si sono sempre potuti negoziare dall’Italia utilizzando quelle piattaforme aperte a questo genere di mercato. Non parliamo solo di broker come Degiro o Scalable Capital, ma di banche molto famose come ad esempio Fineco che già da molto tempo permette di fare trading sulle criptovalute anche con gli ETP.

E adesso cosa succederà con il via libera degli agli ETF Bitcoin spot? Gli 11 nuovi fondi saranno quotati a Wall Street e tra l’altro, se dovessero essere quotati anche in Europa, ai sensi della normativa vigente, non si potrebbero neppure chiamare ETF ma ETC o ETN (Exchange traded commodity o Exchange traded note) visto che tecnicamente non sono un fondo ma strumenti progettati per replicare la performance di un’attività sottostante specifica come Bitcoin.

Gli 11 ETF Bitcoin approvati dalla SEC non saranno comunque quotati in Europa e quindi questo “problema” non si pone. Il fatto che non saranno listati sulle borse del Vecchio Continente, non significa però che, in un futuro, non si potranno comprare.

Per saperne di più sulle opzioni di investimento in crypto con Fineco, si può fare riferimento a:

Si possono comprare gli ETF Bitcoin in Italia?

bandiera italiana e sullo sfondo monete di Bitcoin
Gli ETF Bitcoin non sono quotati in Italia – BorsaInside

La SEC ha approvato in un colpo solo 11 ETF su Bitcoin Spot. Ecco la lista completa:

  • Grayscale Bitcoin Trust;
  • Bitwise Bitcoin ETF;
  • Hashdex Bitcoin ETF;
  • iShares Bitcoin Trust;
  • Valkyrie Bitcoin Fund;
  • ARK 21Shares Bitcoin ETF;
  • Invesco Galaxy Bitcoin ETF;
  • VanEck Bitcoin Trust;
  • WisdomTree Bitcoin Fund;
  • Fidelity Wise Origin Bitcoin Fund;
  • Franklin Bitcoin ETF

Essendo da ieri negoziati a Wall Street, in Usa questi strumenti possono già essere comprati dagli investitori retail. Tra l’altro, per cercare di rastrellare quanti più clienti possibile, i gestori di molti di questi ETF hanno lanciato promozioni particolari tagliando il peso delle commissioni per un certo periodo di tempo. Obiettivo è appunto quello di battere la concorrenza su un mercato, come quello degli ETF, che è già molto affollato di suo. Con il taglio delle commissioni deciso da molti gestori, sarebbe un buon momento per comprare uno dei nuovi ETF Bitcoin. Gli americani, come detto, possono farlo ma gli europei e gli italiani no, almeno per adesso.

Forse ti può anche interessare — Come funzionano i nuovi ETF Bitcoin e quali sono i rischi. Il ruolo dei market maker 

Come comprare ETF Bitcoin con i broker

In generale il modo più rapido che un investitore ha a sua disposizione per avere accesso al mercato degli ETF è attraverso tutti quei broker e quelle piattaforme che sono specializzate in questo mercato. Visto che il numero degli operatori è in costante aumento, diventa fondamentale sapersi orientare e quindi scegliere i migliori.

Sicuramente l’affidabilità è il primo requisito da tenere in considerazione perchè è fondamentale che il broker sia regolamentato in Europa e al tempo stesso sia autorizzato a operare in Italia dalla Consob. Anche il deposito minimo che viene richiesto è un fattore che pesa visto che coincide con il costo di una quota e quindi se dovesse essere troppo alto andrebbe a rendere più difficile l’accesso all’investimento (l’ideale sarebbe usare broker con deposito minimo assente o basso).

Accanto a questi due fattori generali, ci sono poi due elementi che sono in grado davvero di fare la differenza tra broker e broker. Tanto per iniziare l’ampiezza della proposta di ETF che si possono comprare. In molti casi, infatti, l’offerta è limitata a pochi fondi e non c’è quindi reale scelta. Ai fini operativi sarebbe meglio optare per quelle piattaforme che hanno un’ampia gamma di ETF su cui investire. E poi c’è la questione dei costi di trading e di gestione che si alcune piattaforme sono decisamente alti mentre su altre sono basse o nulle. Ad esempio Fineco offre una vasta gamma di ETF senza commissioni.

Una volta individuato il broker preferito, non resta da fare altro che aprire il conto (la procedura varia a seconda del fornitore), scegliere l’ETF su cui si vuole investire, specificando le quote dell’ETF che si vuole comprare e il capitale investito. Visto che in precedenza abbiamo citato Fineco, ricordiamo che con questa banca italiana, è possibile sia comprare singoli ETF che creare i piani replay ossia investimenti automatici periodici. La seconda opzione è una esclusiva di Fineco visto che la maggior parte dei broker permette solo di acquistare singoli ETF (o CFD su ETF).

Vuoi saperne di più su Fineco? >>clicca qui per avere maggiori informazioni sul trading>>

Conviene comprare ETF Bitcoin?

Investire in Bitcoin tramite gli ETF può sembrare allettante, ma è fondamentale valutare attentamente i pro e i contro prima di prendere una decisione. Se l’intento è quello di un investimento a lungo termine, è importante comprendere che gli ETF basati su Bitcoin potrebbero non essere la scelta più adatta.

Uno degli aspetti positivi di investire in un ETF Bitcoin è la possibilità di ottenere esposizione al prezzo del Bitcoin senza doversi orientare nel complesso mondo degli exchange di criptovalute. Inoltre, preferendo gli ETF, l’investitore può evitare di apprendere dettagliatamente il funzionamento del Bitcoin ma al tempo stesso può anche mitigare i rischi associati alla detenzione diretta della criptovaluta, come ad esempio la perdita delle chiavi del portafoglio.

Sotto questo punto di vista, quindi, è innegabile che gli ETF semplifichino notevolmente il processo di investimento in Bitcoin.

Tuttavia, è essenziale considerare attentamente alcuni aspetti negativi legati agli ETF Bitcoin. Tanto per iniziare la diversificazione delle partecipazioni può portare a una certa imprecisione nei prezzi, poiché l’aumento o la diminuzione del valore del Bitcoin potrebbe non essere riflesso con precisione nel valore dell’ETF. Inoltre, va tenuto presente che, essendo gli ETF strumenti finanziari tradizionali e non criptovalute, non possono essere scambiati direttamente con altre criptovalute.

Un’ultima nota riguarda il possibile “snaturamento” del concetto stesso di Bitcoin. La criptovaluta è progettata per eliminare terze parti, garantendo decentralizzazione e sicurezza attraverso la sua blockchain. Tuttavia, gli ETF, essendo strumenti quotati sui mercati tradizionali, sono soggetti alla Securities and Exchange Commission e ciò potrebbe compromettere gli elementi chiave di decentralizzazione e autonomia che sono alla base del concetto di Bitcoin.

Tanti puristi del settore proprio in queste ore stanno chiedendo che senso abbia comprare ETF Bitcoin, ossia uno strumento non decentralizzato e legato al potere finanziario, quando si può tranquillamente acquistare Bitcoin reali con gli exchange?

Utili riferimenti su questo argomento sono:

Dove sarà possibile comprare ETF Bitcoin in Italia?

Nei precedenti paragrafi abbiamo evidenziato come sia già possibile comprare i nuovi ETF Bitcoin a Wall Street mentre non lo è ancora in Europa dove però, per chi fosse interessato, è possibile acquistare tantissimi ETP Bitcoin che, per certi versi, sono da preferire ai nuovi arrivati.

Si può ipotizzare che, presto, molti dei broker e delle banche specializzati in ETF renderanno possibile l’investimento in almeno alcuni degli 11 nuovi ETF Bitcoin Sport autorizzati dalla SEC.

eToro logo piccolo2

Qualcosa a 48 ore di distanza dal via libera dell’autorità americana sembra muoversi dalle parti di eToro. Come si può verificare sul sito del broker, sembrerebbe essere possibile investire su alcuni degli ETF Bitcoin approvati dalla SEC pur in presenza di limitazioni geografiche. In particolare dovrebbe essere aperto al trading il $GBTC (Grayscale Bitcoin Trust BTC) mentre altri ETF sarebbero bloccati a causa di vincoli normativi. Ad ogni modo la situazione è in evoluzione continua e quindi si consiglia di verificare la proposta del broker.

eToro è uno dei più importanti broker CFD a livello mondiale ed è presente anche in Italia con un proposta molto eterogenea di mercati compresi gli ETF. Punto di forza di eToro è il copy trading con cui è possibile copiare le strategie dei traders più bravi. Grazie al conto demo, inoltre, è possibile fare pratica con soldi virtuali prima di passare ad un investimento con denaro vero.

–REGISTRATI GRATIS SU ETORO PER AVERE LA DEMO DI 100MILA EURO VIRTUALI>>


Fineco logo piccolo

Visto che stiamo parlando di ETF, come tralasciare la posizione di primo piano che in Italia ha Fineco (qui la recensione). Abbiamo già citato questa banca a proposito degli ETP Bitcoin ma Fineco è soprattutto la piattaforma di trading NR 1 in Italia.

L’offerta ETF di Fineco è vastissima e migliaia di fondi. Due le tipologie di conto previste: quello standard che comprende servizi di banking e trading ed ha un canone mensile e poi c’è quello di solo trading senza servizi bancari e senza costi fissi. Il conto standard presenta un modello di commissioni a scalare: più si fa trading e più i costi di abbasano.

Da non tralasciare che, a differenza di eToro, Fineco, avendo sede in Italia, è anche sostituto di imposta per i clienti con residenza in Italia.

–REGISTRATI SU FINECO E INVESTI SUI MIGLIORI ETF>>

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram

Migliori Piattaforme di Trading

Deposito minimo 50$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
* Avviso di rischio
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.

Regolamentazione Trading