il simbolo della mela di Apple campeggia sulla vetrata di un palazzo durante una convention

Apple ha recentemente rifiutato l’ultima versione dell’applicazione Zeus, un crypto wallet Bitcoin che utilizza Lightning network, sollevando dubbi sulla posizione del gigante tecnologico nei confronti delle applicazioni legate alle criptovalute.

Questo evento segue l’avvertimento precedentemente rivolto da Apple a un’altra app Bitcoin chiamata Damus, in cui si chiedeva la rimozione di alcune funzionalità. Queste azioni mettono in luce le sfide che gli sviluppatori di app devono affrontare nel navigare il mutevole panorama normativo delle criptovalute.

Apple rifiuta la app Bitcoin wallet Zeus

Apple ha rifiutato Zeus perché ha sollevato preoccupazioni riguardo al fatto che l’app faciliti la trasmissione di valuta virtuale senza essere supportata da un istituto finanziario o un exchange riconosciuto. L’azienda ha richiesto prove documentali che dimostrassero le licenze e i permessi necessari per distribuire un’app con funzionalità di scambio di criptovalute in tutti i luoghi in cui è disponibile.

Zeus dal canto suo sostiene di essere un wallet non custodiale che non offre servizi di scambio di criptovalute. Paolo Ardoino, CTO di Tether, sottolinea che l’assenza di custodia non dovrebbe essere un problema significativo, in quanto l’app è solo un’interfaccia software.

Attualmente, Zeus è impegnata in un dibattito con Apple per risolvere le preoccupazioni sollevate e ottenere l’approvazione. È importante notare che la versione precedente dell’app Zeus rimane disponibile sull’App Store.

Oltre al rifiuto di Zeus, Apple ha anche avvertito Damus, un’altra app legata ai Bitcoin, riguardo alla sua funzione di “zaps” o ribaltamento di Bitcoin. Di conseguenza, Damus è stata obbligata a rimuovere la funzionalità “zaps” da tutte le sezioni di contenuto, ma può ancora essere mantenuta a livello di profilo. Il principale sviluppatore di Damus, William Casarin, intende ripresentare l’app con la funzione “zaps” in futuro, in quanto ritiene che non violi alcuna linea guida.

Gli enti normativi in tutto il mondo sono alle prese con la necessità di trovare un equilibrio tra la protezione dei consumatori e la promozione dell’innovazione. Tuttavia, la mancanza di linee guida standardizzate e gli approcci divergenti adottati dalle diverse giurisdizioni creano incertezza e confusione.

L’approccio cauto di Apple verso le app legate alle criptovalute è motivato dalla responsabilità di proteggere la propria base di utenti e di rispettare le normative. Richiedendo una documentazione adeguata sulle licenze e le autorizzazioni, Apple intende garantire che le app sulla sua piattaforma rispettino i requisiti di legge e proteggano gli utenti da potenziali rischi. Tuttavia, l’ambiguità delle normative rende difficile per gli sviluppatori comprendere appieno e rispettare tutti i criteri necessari.

La differenza tra wallet custodial e non custodial

Un punto controverso nel caso di Zeus è la distinzione tra portafogli custodiali e non custodiali. Un wallet custodiale, tipicamente fornito da borse o istituzioni finanziarie, detiene le chiavi private degli utenti e gestisce i loro fondi. Al contrario, un portafoglio non custodiale, come Zeus, consente agli utenti di mantenere il controllo sulle proprie chiavi private e di conservare in modo sicuro le criptovalute senza affidarsi a terzi.

I portafogli non custodiali hanno guadagnato popolarità grazie alla loro maggiore sicurezza e autonomia. Permettono agli individui di avere un controllo diretto sui propri fondi, riducendo i rischi associati ai servizi di custodia centralizzati.

Il rifiuto di Zeus da parte di Apple, nonostante la sua natura non depositaria, suggerisce che la distinzione tra portafogli depositari e non depositari potrebbe non essere sempre netta agli occhi delle autorità di regolamentazione o delle linee guida degli app store.

Per gli sviluppatori di app nel settore delle criptovalute, la conformità ai requisiti normativi rimane una sfida significativa. Devono navigare attraverso una complessa rete di regolamenti che variano a seconda della giurisdizione e sono spesso soggetti a interpretazione. La mancanza di chiarezza può portare al rifiuto delle app, a ritardi e a costi aggiuntivi per gli sviluppatori che si sforzano di fornire applicazioni innovative e sicure.

Per Apple è essenziale trovare un equilibrio tra la protezione degli utenti e il percorso di innovazione nel settore delle criptovalute. Se da un lato l’approccio cauto dell’azienda dimostra l’impegno a salvaguardare la propria base di utenti, dall’altro è fondamentale garantire che il processo di revisione delle app sia trasparente e coerente.

Linee guida chiare e complete, specifiche per le app legate alle criptovalute, aiuterebbero gli sviluppatori a comprendere le aspettative e i requisiti in anticipo, riducendo il rischio di rifiuti e creando un ambiente più favorevole all’innovazione.

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.