Durata degli investimenti: per quanto tempo conservarli in portafoglio?

FINANZAINSIDE - PICCOLA ENCICLOPEDIA DELLA FINANZA

investire
CONDIVIDI

Una volta che si è svelto il titolo da acquistare, è ben lecito domandarsi per quanto tempo si ha intenzione di tenerlo in portafoglio. Minuti? Ore? Giorni? Settimane? Anni? Per sempre?

Si tratta, in buona evidenza, di una domanda molto importante, poiché tempi diversi richiedono diversi metodi di negoziazione e diversi approcci strategici. Avrete probabilmente la tentazione di tenere sempre il dito sul grilletto quando fate del day trading, ma probabilmente potete andare per una settimana o più in vacanza senza guardare l’andamento dei mercati in cui si investe se adottate un approccio a lungo termine.

Ad ogni modo, complessivamente tutte le tempistiche di negoziazione possono essere suddivise in tre grandi gruppi: day-trading, swing trading e trading o investimento a lungo termine. Ognuna ha, intuibilmente, i suoi vantaggi e i suoi svantaggi, ma solo una, a nostro giudizio, si rivela essere particolarmente adatta per i trader principianti.

Di fatti, il day-trading può essere redditizio per i professionisti, ma è estremamente impegnativo, molto al di sopra delle abilità che probabilmente i principianti dimostreranno di avere. Il day-trading richiede reazioni immediate a quanto accade sul mercato: se vi fermate a pensare a lungo, probabilmente avete perso la giusta occasione.

È invece vero che i trader neofiti hanno bisogno di fermarsi per pensare ad ogni passo. Il che, in fondo, li mette in un enorme scenario di svantaggio all’interno dell’approccio da day trading, ottenendo solamente perdite e costi.

Dal lato opposto, il c.d. trading di posizione o di lungo termine, è un approccio lento, molto lento (per alcuni trader, pure troppo!). Il trading o investimento a lungo termine richiede una combinazione di lungimiranza e una volontà di ferro nel perseguire la propria strategia senza cadere nella tentazione frequente di rompere gli indugi (e i tempi).

Se ci allontaniamo dagli estremi del day trading e degli investimenti a lungo termine, scopriamo la via mediana, lo swing trading, che segue movimenti di prezzi che durano da pochi giorni a poche settimane. Si tratta di una scelta che gli investitori principianti potrebbero trovare di gradimento, poiché in grado di far evitare loro l'interminabile attesa e gli svantaggi degli investimenti a lungo termine, ma anche di dover prendere decisioni immediate nel day-trading.

Con lo swing trading si ha invece il tempo per pensare a cosa fare con le proprie posizioni, ma senza aspettare troppo tempo per i risultati del trading di posizione. Certo, non sempre è giusto svilire in questo modo il trading di posizione che, anzi, in verità potrebbe essere quello più appropriato per gli investitori principianti. Tuttavia è anche vero che molti di loro necessità di un pizzico di brivido aggiuntivo e, dunque, pur senza sfociare nel day trading, un investimento più dinamico potrebbe esser quel che fa per loro!

Redazione Borsainside
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro