Stando a quanto suggerisce un report prodotto da Idc – Ntt Data, ben il 58% delle aziende del settore finanziario ha in programma di aumentare la propria spesa IT.

La ricerca, realizzata su un campione di oltre mille realtà del settore finanziario europeo e internazionale, ha dunque rilevato una decisa accelerazione nella crescita degli investimenti nella trasformazione digitale del settore finanziario, il mondo fintech.

E in Italia? Anche nel nostro Paese, fortunatamente, cresce la tendenza alla digitalizzazione del settore, sebbene le banche e le assicurazioni siano sicuramente più attardate all’interno del processo di trasformazione, rispetto a quanto non stiano facendo altri partner europei ed extra europei. All’interno del territorio italiano, le grandi aziende sembrano essere più “convinte” delle realtà minori, che tuttavia si muovono con crescente dinamismo, pur scontrandosi con l’esistenza di vari ostacoli.

In particolare, le realtà più piccole devono fare i conti con una triplice azione negativa: la mancanza di un team interno di esperti nella Digital Transformation, la visione dell’innovazione più come un costo che come un investimento e la difficoltà di trovare i benefici dell’innovazione per il business.

Per quanto attiene la sola Italia, la ricerca ha coinvolto un centinaio di istituti finanziari di diverse dimensioni, scoprendo che più di un terzo (36%) delle organizzazioni attive nel settore finanziario ha aumentato nel 2018 i propri investimenti in servizi legati alla trasformazione digitale. Per il 2021, il 58% ha in programma un incremento della propria spesa IT, e di questi il 21% vuole accelerare di oltre il 10% i propri investimenti in tecnologia.

Si noti, in questo ambito, come la leva principale della crescita degli investimenti nel 2018 sia stata rappresentata dal rispetto delle normative, con quasi la metà (47%) delle organizzazioni attive nel settore finanziario, che ha citato proprio il necessario adempimento delle normative come causa scatenante i propri nuovi investimenti. Il 39% afferma invece di aver dato priorità ad attrarre nuovi clienti o a consolidare la propria base dei propri utenti.

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.