Fintech, dinamiche ma… a rischio: ecco il report che allarma il settore

fintech

Le Fintech più piccole hanno poca liquidità per poter attraversare senza sostegni attivi i prossimi mesi.

Le Fintech sono una fucina di idee e di soluzioni ma… sono tutt’altro che un colosso inscalfibile dalle difficoltà, anche quando si tratta di un territorio che è tra i “traini” europei del comparto, come quello britannico.




✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Di fatti, pochi giorni fa, una ricerca condotta da Innovate Finance ha scattato una fotografia piuttosto delicata sull'industria fintech britannica nel post COVID-19, evidenziando i problemi che le imprese più piccole potrebbero incontrare di qui a breve.

Charlotte Croswell, CEO di Innovate Finance, si è in particolar modo soffermato sul fatto che sia evidente che il settore Fintech si trova ad affrontare un significativo deficit di finanziamento come risultato diretto della pandemia, e che sia il caso di agire in fretta prima che sia troppo tardi, poiché il rischio è quello di perdere molte aziende del settore in rapida crescita.

La ricerca (che ha coinvolto 126 aziende, il 61 per cento delle quali di piccole dimensioni, con 25 o meno dipendenti) ha rilevato che alcune Fintech più piccole nel Regno Unito hanno liquidità sufficiente per sei mesi o meno, mentre oltre il 75 per cento delle Fintech più piccole sono preoccupate per i prossimi round di finanziamenti. Oltre il 70% di tutti gli intervistati afferma altresì di non aver ricevuto alcun finanziamento privato dall'inizio della crisi. È interessante notare che oltre il 75% delle piccole Fintech si sia rivolto al sostegno del governo per poter rimanere in piedi.

Un ulteriore risultato della ricerca è che il 60% delle Fintech sta cercando di adattare la propria strategia per sopravvivere alla crisi, mentre il 32% sta valutando la possibilità di diversificare i propri ricavi, il 30% sta valutando la possibilità di far ruotare la propria attività, e l'11% sta valutando la possibilità di chiudere o mettere in pausa il proprio business.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

BDSWISS