Rottamazione cartelle, saldo e stralcio, pace fiscale: proroga domande al 31 luglio 2019

Rottamazione saldo e stralcio
Rottamazione saldo e stralcio

Proroga al 31 Luglio per la rottamazione TER e proroga a Novembre per il saldo e stralcio. Novità, adempimenti, adesioni ed esclusi dalla pace fiscale

CONDIVIDI

Secondo le nuove disposizioni proposte dal Governo, oggi è possibile parlare di proroga rottamazione cartelle.

Conto Demo gratuito per provare il trading online ?  – Il broker 24Option sponsor della Juventus FC offre conto demo gratuito e illimitato, puoi investire e guadagnare da casa con un PC o Smartphone con la massima comodità e senza rischio di perdere soldi… Vai al sito >>

Conto Demo gratuito per provare il trading online ?  – Il broker 24Option sponsor della Juventus FC offre conto demo gratuito e illimitato, puoi investire e guadagnare da casa con un PC o Smartphone con la massima comodità e senza rischio di perdere soldi… Vai al sito >>

E’ la lega ad aver depositato l’emendamento sul decreto crescita che sembra far ben sperare riaprendo i termini della rottamazione ter e del saldo stralcio fino al 31 luglio 2019. Questo è quanto annunciato dal sottosegretario all’Economia Massimo Bitonci.

La possibile riapertura avviene prevede per il debitore di una cartella datata tra il 2000 e il 2017 di inoltrare domanda entro il 31 luglio 2019. Questa deve essere presentata presso l’agente pubblico della riscossione istanza di adesione per la definizione agevolata delle cartelle. Essa prevede solo il pagamento di imposte e contributi senza sanzioni e senza interessi.

In pratica, grazie alla proroga del saldo e stralcio, anche le domande presentate dopo il 30 aprile 2019 e fino alla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto crescita possono essere accettate.

PACE FISCALE : termini prorogati fino ad ottobre 2019

La Rottamazione delle cartelle come anche la pace fiscale sembra andare nella direzione di una nuova riapertura dei termini che porteranno la scadenza al ottobre / novembre 2019.

Il versamento da effettuare, secondo quanto affermato da Bitonci, potrà avvenire in un’unica soluzione entro e non oltre il 30 novembre prossimo.

Nel caso invece si opti per il versamento dilazionato, esso prevede un pagamento in ben 17 rate, la prima delle quali deve avvenire entro il 30 novembre prossimo.

La prima rata prevede un versamento di una parte del debito pari al 20% (somme dovute ai fini dell’adesione alla sanatoria).

Entro il 31 luglio, ricordiamo invece, che devono essere presentate le istanze di adesione al saldo e stralcio ovvero alla sanatoria legata alle cartelle per omessi versamenti. Questa è esclusivamente riservata a tutti coloro che sono in difficoltà economica ovvero presentano un Isee inferiore a 20.000 euro.

iQOption
Tommaso Piccinni ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro