Legge di Bilancio: per il lavoro sgravi fiscali, assunzioni medici e infermieri e blocco licenziamenti

Legge di Bilancio: per il lavoro sgravi fiscali, assunzioni medici e infermieri e blocco licenziamenti

Tra gli interventi per il mondo del lavoro in Legge di Bilancio, assunzioni nella sanità, sgravi fiscali e proroga del blocco dei licenziamenti fino al 31 marzo

Tra le misure contenute nella nuova manovra economica troviamo alcune novità che riguardano il mondo del lavoro. Tra queste l'assunzione di infermieri e medici, sgravi fiscali per le imprese che assumono, agevolazioni destinate a sostenere il settore del turismo e la proroga del blocco dei licenziamenti ma non solo.

Legge di Bilancio 2021: assunzioni nella sanità

La nuova manovra economica prevede assunzioni in ambito sanitario, ma nello specifico si parla di 3.000 medici e 12.000 infermieri che andranno a rafforzare le fila degli operatori sanitari nell'ambito della campagna di vaccinazione contro il Covid-19. Potranno partecipare alle assunzioni anche i medici specializzandi fin dal primo anno di specializzazione.

E sempre nell'ambito della campagna vaccinale avviata in tutta Europa il 27 dicembre 2020, la Legge di Bilancio 2021 decreta lo stop dell'Iva sui vaccini, sui test anti-Covid e sui tamponi.

Inoltre il governo ha stanziato 40 milioni di euro per la sanificazione delle strutture e per la fornitura di mascherine ai centri diurni per anziani, alle Rsa e alle residenze sanitarie riservate ai disabili.

Legge di Bilancio 2021: sgravi fiscali per chi assume

Nella Legge di Bilancio sono stati inseriti numerosi interventi destinati al mondo del lavoro, a cominciare da sgravi fiscali al 100% per le imprese che assumono persone con meno di 35 anni, o donne disoccupate entro la fine del 2022. Inoltre viene confermato il blocco dei licenziamenti fino al 31 marzo 2021.

Il governo ha poi destinato risorse per 1 miliardo di euro per costituire un fondo che servirà a finanziare l'anno bianco fiscale per autonomi e partite Iva. Grazie a questo fondo sarà possibile garantire l'esonero dai minimi contributivi per lavoratori con partita Iva, professionisti e lavoratori autonomi colpiti dalla crisi economica causata dalle misure restrittive imposte dall'esecutivo.

Possono accedre a queste agevolazioni fiscali coloro che hanno registrato nel 2020 una perdita di fatturato di almeno un terzo rispetto a quanto fatturato nel 2019, e un fatturato complessivo inferiore ai 50 milioni di euro.

La nuova finanziaria prevede poi il taglio del cuneo fiscale, che viene confermato anche per i lavoratori dipendenti il cui reddito è compreso tra i 28 mila ed i 40 mila euro annui.

Legge di Bilancio 2021: esenzione prima rata Imu

Alcune agevolazioni sono invece destinate agli imprenditori agricoli. Inoltre imprese che operano nel settore del turismo quali: alberghi, agriturismi, stabilimenti balneari e termali villaggi turistici, ostelli della gioventù, rifugi di montagna, colonie marine e montane, affittacamere per brevi soggiorni, case e appartamenti per vacanze, bed & breakfast, residence e campeggi non pagheranno la prima rata dell'Imu 2021.

Saranno altresì esentati dal pagamento gli allestimenti di strutture espositive nell'ambito di eventi fieristici o manifestazioni, discoteche, sale da ballo e night club.

Legge di Bilancio 2021: iva agevolata per cibo da asporto

In considerazione del fatto che molte attività commerciali che operano nel settore della ristorazione si trovano costrette a puntare molto, se non esclusivamente, sul cibo da asporto a causa delle misure restrittive imposte dall'esecutivo nel tentativo di contenere la diffusione del Coronavirus, nella nuova manovra economica è stata introdotta l'iva agevolata al 10% per il delivery e il cibo d'asporto.

Viene inoltre introdotto un credito d'imposta fino al 40% delle spese sostenute dai cuochi professionisti di alberghi e ristoranti, fino al 30 giugno 2021, per l'acquisto di attrezzature e macchinari e per corsi di aggiornamento.

La legge di bilancio inoltre destina un contributo di 5 milioni di euro per il 2021, per il 2022 e per il 2023 all'industria tessile. Per il 2021 sono stati stanziati poi 10 milioni di euro che andranno a compensare le perdite subite a causa delle misure restrittive imposte dall'esecutivo dal settore vitivinicolo di qualità. Altri 3 milioni di euro invece andranno a sostenere il settore di festival, concerti, cori, bande e musica in generale.

Legge di Bilancio 2021: agevolazioni per imprese che operano nel turismo

Con la nuova legge di bilancio si vanno a stanziare 20 milioni di euro per il rifinanziamento delle agevolazioni fiscali per la riqualificazione ed il miglioramento delle strutture turistico alberghiere con credito l'imposta al 65%.

L'esecutivo ha inoltre deciso di prolungare il credito d'imposta al 60% del canone di locazione degli immobili destinati alle imprese turistico ricettive fino al 30 aprile 2021. Misura che andrà ad interessare anche agenzie di viaggio e tour operator.

Inoltre il governo ha stanziato 100 milioni di euro per il 2021 destinati al rifinanziamento del fondo per il settore turistico che era stato istituito con il decreto Rilancio. Infine vi è uno stanziamento di 500 milioni di euro per il settore aeroportuale.

Legge di Bilancio 2021: aiuti per le zone colpite da terremoti e alluvioni

La Legge di Bilancio 2021 istituisce un fondo speciale di 160 milioni di euro destinato allo sviluppo socioeconomico di quelle zone che sono state colpite dal terremoto del 2016.

Sono stati poi sospesi i termini per il pagamento delle cartelle esattoriali in quei Comuni che sono stati colpiti dagli eventi sismici del 2017. Altri 100 milioni di euro sono stati poi destinati per il 2021 ad interventi urgenti nelle zone colpite dalle alluvioni del 2019 e 2020.

Legge di Bilancio 2021: fondi per la Federazione Italiana Nuoto

Nella nuova manovra economica sono stati previsti dei fondi per un totale di 4 milioni di euro per il 2021 che andranno alla Federazione Italiana Nuoto, per finanziare le attività correlate all'organizzazione degli Europei che si dovrebbero svolgere a Roma nel 2022.

Il governo ha anche stanziato 1,5 milioni di euro per ciascuno degli anni 2021, 2022 e 2023 per il Comitato Organizzatore dei Giochi del Mediterraneo in programma nel 2026.

Per quanto riguarda il mondo dello sport, sono anche stati sospesi fino al 28 febbraio 2021 i versamenti delle imposte sul reddito, dell'Iva e dei contributi previdenziali. Le esenzioni riguardano le federazioni sportive nazionali, gli enti di promozione sportiva, le associazioni e le società sportive professionistiche e dilettantistiche.

Detti pagamenti potranno essere effettuati quindi entro il 30 maggio 2021 in unica soluzione oppure in 24 rate mensili di pari importo.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS