Green Pass in condominio: quali sono le regole e chi deve averlo, per custode e amministratore obbligatorio

Green Pass in condominio: quali sono le regole e chi deve averlo, per custode e amministratore obbligatorio

Nessun obbligo di Green Pass per le assemblee di condominio in quanto non rientrano nella classificazione di riunioni di lavoro. Ecco quando serve

Con il decreto Green Pass n. 127/2021 si stabiliscono anche le regole, relative all'obbligo di esibire la certificazione verde, nell'ambito delle realtà condominiali. Non vi sono in realtà delle norme specifiche attraverso le quali si definisce nel dettaglio in quali contesti nei condomini è richiesto il pass, ma è possibile comunque trarne un vero e proprio regolamento.

Partiamo dagli obblighi in capo all'amministratore di condominio, che ricoprirà il ruolo del datore di lavoro nell'ambito dell'applicazione delle norme sul Green Pass, nei casi in cui vi siano dei dipendenti, e diviene invece committente nel momento in cui vengono commissionati un appalto o un contratto d'opera.

L'amministratore del condominio diventa poi mandatario nel quando affida l'incarico ad un professionista per una data opera intellettuale, e infine riveste il ruolo di acquirente all'atto di acquisire forniture di beni e servizi.

Green Pass: obblighi per amministratore e dipendenti del condominio

L'articolo 3, comma 1 del decreto legge n. 127/2021 - che introduce l'articolo 9-septies nel decreto legge 22 aprile 2021, numero 52, convertito, con modificazioni, dalla legge 87/2021 - stabilisce che "a chiunque svolge attività lavorativa nel settore privato è fatto obbligo, ai fini dell'accesso nei luoghi in cui la predetta attività è svolta, di possedere e di esibire su richiesta la certificazione verde Covid-19".

Tra chi è tenuto ad esibire il Green Pass, se richiesto e quanto meno all'amministratore, nell'ambito della realtà condominiale è ad esempio l'addetto al servizio di portierato o di vigilanza ma anche coloro che con il condominio abbiano un rapporto di lavoro dipendente.

Ci sono però altre situazioni che necessitano di essere meglio definite, come il caso di una prestazione nelle parti comuni, ad esempio con assegnazione in appalto. In questo caso il controllo del green pass spetta al datore di lavoro dell'azienda in quanto esterna e indipendente dal condominio.

Tuttavia vi sono obblighi anche a carico del committente, cioè quelli definiti dall'articolo 26 del Dlgs 81/2008 inerenti la verifica dell'idoneità tecnico professionale "dell'impresa appaltatrice o dei lavoratori autonomi della stessa ai sensi dell'articolo 47 del Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa, di cui al Dpr 445/2000".

A tal proposito è intervenuta con un commento l'Anaci, associazione degli amministratori di condominio su base nazionale, con il quale viene suggerito "in via cautelativa che l'amministratore richieda alle imprese dichiarazione scritta che i loro dipendenti inviati presso il condominio siano muniti di green pass".

Eppure sulla figura dell'amministratore il decreto non entra nel dettaglio, e non vi è traccia di chiarimenti neppure nella pagina delle FAQ sul sito del ministero dove viene specificato solo che "il libero professionista quando accede nei luoghi di lavoro pubblici o privati per lo svolgimento della propria attività lavorativa viene controllato dai soggetti previsti dal decreto legge 127/2021".

Ciò vuol dire che accedendo negli ambienti del condominio è tenuto a rispettare tutte le norme in vigore nell'ambito della cosiddetta emergenza Coronavirus, compreso l'utilizzo delle mascherine protettive.

Obbligo di Green Pass per assemblea condominiale?

Non ci sono invece obblighi legati al possesso e all'esibizione del Green Pass nel contesto dell'assemblea di condominio. Infatti i partecipanti, stando a quanto si legge nel decreto, non sono tenuti ad avere il pass, a meno che la riunione non si svolga in luogo chiuso in ristoranti, istituti e luoghi di cultura, centri culturali, sociali e ricreativi, strutture ricettive.

Il pass verde non è obbligatorio quindi per l'assemblea condominiale in sé, ma è legato al luogo in cui si svolge, e subentra nel momento in cui questa si tiene nei luoghi indicati all'articolo 3, comma 1, lettera a, c, d, g del dl 105/2021.

Il controllo del Green Pass quindi in questi casi non spetta all'amministratore del condominio, bensì al titolare o al personale da lui predisposto, dell'attività commerciale, o in generale al gestore di altro luogo rientrante tra quelli sopra citati.

Su Il Sole 24 Ore leggiamo anche che "il decreto 127/2021 riguarda anche le assemblee condominiali poiché all'articolo 8 prevedeva l'estensione della capienza dei luoghi sopraticati. Il Comitato tecnico scientifico l'ha portata all'80 per cento, avvantaggiando anche il condominio di grandi dimensioni che potrà ora affittare uno spazio meno grande".

In merito allo specifico tema delle riunioni di condominio però non arrivano indicazioni né dal Cts, né dall'Istituto Superiore di Sanità. Più nel dettaglio resta da spiegare in modo inequivocabilmente chiaro come ci si debba comportare nell'ambito di assemblee condominiali in spazi comuni del condominio stesso o presso lo studio dell'amministratore di condominio. 

Tuttavia dal momento che la riunione di condominio non è configurabile come incontro di lavoro, sembrerebbe chiaro che la legge attualmente in vigore non impone nessun obbligo di Green pass per i partecipanti.

Gli obblighi in capo all'amministratore di condominio che organizza l'assemblea e al presidente che conduce la stessa, sono circoscritti all'aspetto della sicurezza in chiave anti-contagio. Ciò vuol dire che rimane l'obbligo di indossare la mascherina se ci si trova in ambienti chiusi, la sanificazione degli ambienti e il rispetto delle altre norme valide per l'accesso e la permanenza nei luoghi chiusi.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

BDSWISS