Via libera alle domande per i contributi a fondo perduto per palestre e discoteche: come richiederli

Il via libera alle domande per i contributi a fondo perduto destinati ad alcune delle attività commerciali maggiormente danneggiate da lockdown e chiusure imposte in chiave anti-contagio è arrivato già a partire dal 2 dicembre.

I contributi a fondo perduto sono destinati in particolare ad attività quali discoteche, sale da ballo ma non solo, sono compresi anche i cinema e i teatri, così pure palestre, e piscine che sono state costrette a rimanere chiuse per lunghi periodi di tempo per via delle restrizioni imposte dall’esecutivo.

Dal 2 dicembre tutti i titolari di queste attività possono presentare domanda per ricevere i contributi a fondo perduto previsti dal secondo decreto Sostegni. Le domande possono essere presentate fino a 21 dicembre attraverso l’Agenzia delle Entrate per modalità telematica.

Contributi a fondo perduto per discoteche e palestre: gli importi

L’Agenzia delle Entrate, con il provvedimento del 29 novembre 2021, ha stabilito che i contributi a fondo perduto destinati alle attività sopra brevemente descritte, si suddividono in due tipologie che sono le seguenti:

  • è previsto un contributo a fondo perduto fino a 25 mila euro di importo per discoteche, sale da ballo, e altri locali similari che risultavano chiuse al 23 luglio 2021
  • è previsto un contributo a fondo perduto fino a 12 mila euro di importo invece per le attività che operano in settori che vanno dallo svago al benessere e comprendono anche quelle incentrate su sport e intrattenimento, che sono rimaste chiuse per almeno 100 giorni nel periodo compreso tra il 1° gennaio e il 25 luglio 2021.

Per quanto riguarda specificamente il contributo destinato alle discoteche, possono accedervi tutti quei soggetti economici che hanno aperto la partita Iva prima del 23 luglio 2021, e che alla stessa data risultano svolgere come attività prevalente quella identificata con il codice ATECO 2007 93.29.10, che indica discoteche, sale da ballo, locali notturni e similari.

Nel caso delle discoteche e di altri locali di svago e intrattenimento simili il contributo a fondo perduto previsto può arrivare ad un massimo di 25 mila euro per singolo beneficiario.

La seconda tipologia di contributo invece, come brevemente esposto sopra, è destinata ai soggetti economici che hanno aperto la partita IVA prima del 26 maggio 2021 e la cui attività principale come risultante dall’Anagrafe tributaria al 26 maggio 2021 è quella identificata coi codici ATECO 2007 elencati nell’allegato 1 del decreto interministeriale.

In questo caso il contributo a fondo perduto può raggiungere un importo massimo di 12 mila euro, e varia in base al fatturato dell’attività svolta, quindi si tiene conto di ricavi e compensi realizzati nel 2019.

  • Con ricavi o compensi fino a 400 mila euro spetta un contributo a fondo perduto fino a 3 mila euro
  • Con ricavi o compensi per importo compreso tra 400 mila e 1 milione di euro spetta un contributo a fondo perduto di 7.500 euro
  • Con ricavi o compensi superiori a 1 milione di euro spetta un contributo a fondo perduto fino a 12.000 euro.

Per richiedere i contributi a fondo perduto c’è tempo fino al 21 dicembre

La domanda per i contributi a fondo perduto destinati alle aziende e previsti dal decreto Sostegni bis può essere presentata a partire dal 2 fino al 21 dicembre 2021.

A fare domanda può essere il diretto interessato e potenziale beneficiario degli aiuti economici previsti dal suddetto decreto, oppure un intermediario da lui incaricato e delegato alla consultazione del cassetto fiscale. In questo caso è necessario che quest’ultimo sia provvisto di specifica delega che lo autorizzi ad utilizzare i canali telematici con i servizi Entratel o Fisconline per conto dell’interessato.

In ogni caso sul sito dell’Agenzia delle Entrate è possibile visualizzare ed eventualmente scaricare il modulo per presentare domanda per i contributi a fondo perduto.

Il richiedente dovrà certificare attraverso dichiarazione sostitutiva di atto notorio quanto segue:

  • di essere in possesso dei requisiti previsti per accedere al beneficio
  • di non aver superato i limiti massimi previsti
  • quali aiuti ha già ricevuto stilando un elenco (quadro A)
  • i codici fiscali dei soggetti che appartengono all’impresa unica (quadro B).

La richiesta, come accennato, può essere presentata nel periodo compreso tra il 2 e il 21 dicembre 2021. Nel caso in cui il richiedente o chi per lui dovesse avvedersi di eventuali errori commessi nella compilazione e/o nella presentazione della domanda, sarà possibile presentare nuova istanza che sostituisca in toto quella precedente, oppure una rinuncia al contributo.

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Fisco

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 78% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.