Pagamento pensioni gennaio 2022: si potrà ritirare la pensione in anticipo, ecco il calendario ufficiale

Pagamento pensioni gennaio 2022: si potrà ritirare la pensione in anticipo, ecco il calendario ufficiale

Anche per il mese di gennaio 2022 le pensioni saranno pagate in anticipo. Ecco a partire da quando si può ritirare la pensione e quali sono le date del calendario pagamenti

La notizia è già stata confermata, anche il pagamento delle pensioni per il mese di gennaio 2022 sarà erogato in anticipo. Una notizia che tutto sommato era già nell'aria almeno da quando lo stato di emergenza è stato prorogato fino alla fine del mese di marzo.

Ci si aspetta infatti che per la stessa ragione anche le pensioni di febbraio rispetteranno gli stessi principi e, quindi, vengano erogate in anticipo con lo scopo di ridurre il rischio di assembramenti nei pressi degli uffici postali.

Ad oggi tuttavia l'ordinanza della Protezione Civile pubblicata lo scorso 17 dicembre 2021 ha solo ufficializzato il calendario per il pagamento della pensione del mese di gennaio 2022, mentre per il mese di febbraio si attende ancora conferma attraverso apposita ordinanza. Vediamo quindi qual è il calendario ufficiale con tutte le date dei pagamenti della pensione di gennaio 2022.

Proroga stato di emergenza e pagamento pensioni gennaio 2022

L'ultima prorga dello stato di emergenza portava la scadenza al 31 dicembre 2021, data per la quale si raggiungevano i 23 mesi sul limite massimo di 24 previsto dalla legge per la sua durata.

Tuttavia il governo di Mario Draghi non ha esitato a prorogare con il decreto Super Green Pass lo stato di emergenza ben oltre i limiti previsti dalla legge, facendo slittare la scadenza al 31 marzo 2022.

Ed è stato proprio con l'inizio dello stato di emergenza che sono state introdotte le prime misure il cui dichiarato fine sarebbe quello di tutelare la salute dei cittadini proteggendoli dal contagio del Covid-19.

Tra le misure introdotte ricordiamo ad esempio l'obbligo di indossare dispositivi di protezione individuale quali guanti e mascherina protettiva delle vie respiratorie, così pure il distanziamento sociale e, nella prospettiva di ridurre i cosiddetti assembramenti si è pensato anche di anticipare il pagamento delle pensioni introducendo un nuovo calendario.

Ed eccoci quindi al pagamento delle pensioni di gennaio 2022 che, come per i pagamenti precedenti, avverrà con un certo anticipo rispetto al normale. L'intento sarebbe quello di ridurre il rischio di contagio tra gli anziani, molti dei quali per ritirare la pensione si recano personalmente presso gli uffici postali della propria città, spesso trovandosi a dover fare la fila per svariati minuti insieme ad altre persone.

Questo, secondo le attuali disposizioni, espone gli anziani ad un rischio troppo elevato, motivo per il quale il governo ha stabilito che le pensioni saranno erogate in anticipo rispetto al normale pagamento, seguendo sempre l'ordine alfabetico della lettera iniziale del cognome del beneficiario del trattamento pensionistico. 

Pagamento pensione gennaio 2022: il calendario con le date ufficiali

Ad indicare le modalità con cui deve essere fatto il pagamento delle pensioni è la Protezione Civile, che stabilisce di volta in volta il calendario. Un'ordinanza della Protezione Civile indica quindi le mensilità in cui verranno erogati gli anticipi pensionistici e definisce il calendario ufficiale con tutte le date, le quali in genere sono distribuite nell'ultima settimana del mese precedente a quello cui è riferito il pagamento.

Anche per il mese di gennaio il sistema quindi rimane lo stesso. Con l'Ordinanza della Protezione Civile n. 816 del 17 dicembre 2021 si stabilisce infatti che "il pagamento dei trattamenti pensionistici, degli assegni, delle pensioni e delle indennità di accompagnamento erogate agli invalidi civili, di competenza del mese di gennaio 2022, è anticipato dal 27 dicembre 2021 al 3 gennaio 2022".

Le pensioni di gennaio 2022 quindi vengono pagate a partire dal 27 dicembre 2021 e fino al 3 gennaio 2022. Il calendario è stato già pubblicato sia sul sito ufficiale dell'Inps che su quello delle Poste Italiane, tuttavia risultano esserci alcune discrepanze tra quanto riportato in uno e nell'altro.

Secondo il calendario dell'Inps le date per il pagamento delle pensioni di gennaio 2022 sono le seguenti:

  • Cognomi dalla A alla C: pagamento pensione lunedì 27 dicembre 2021
  • Cognomi dalla D alla G: pagamento pensione martedì 28 dicembre 2021
  • Cognomi dalla H alla M: pagamento pensione mercoledì 29 dicembre 2021
  • Cognomi dalla N alla R: pagamento pensione giovedì 30 dicembre 2021
  • Cognomi dalla S alla Z: pagamento pensione venerdì 31 dicembre 2021 nalla fascia mattutina.

Il calendario pubblicato invece da Poste Italiane mostra il seguente calendario:

  • Cognomi con lettera A e B: pagamento pensione lunedì 27 dicembre 2021
  • Cognomi con lettera C e D: pagamento pensione martedì 28 dicembre 2021
  • Cognomi dalla E alla K: pagamento pensione mercoledì 29 dicembre 2021
  • Cognomi dalla L alla O: pagamento pensione giovedì 30 dicembre 2021
  • Cognomi dalla P alla R: pagamento pensione venerdì 31 dicembre 2021 nella fascia mattutina
  • Cognomi dalla S alla Z: pagamento pensione lunedì 3 gennaio 2022.

Dal momento che ci troviamo davanti ad una evidente discrepanza tra i due calendari, per sapere quando bisogna andare a ritirare la pensione può essere consigliabile fare una telefonata al proprio ufficio postale di riferimento prima di recarvisi.

Questo calendario riguarda quei beneficiari di trattamento pensionistico che ricevono la pensione sul conto postale. Chi invece riceve la pensione sul conto corrente bancario, avrà l'accredito il giorno 4 gennaio 2022.

Pagamento pensioni anticipato, Carabinieri e Poste collaborano

Grazie al rapporto di collaborazione instaurato tra Poste Italiane e Arma dei Carabinieri, tantissimi pensionati potranno evitare di recarsi presso l'ufficio postale per ritirare la pensione, e riceverla invece comodamente a casa.

Questo servizio, che è previsto solo per gli anziani dai 75 anni in su, prevede che il trattamento pensionistico venga portato direttamente a casa del beneficiario.

Infatti sul sito di Poste Italiane viene spiegato che "grazie alla collaborazione tra Poste e Arma dei Carabinieri, 23.000 pensionati di età pari o superiore a 75 anni potranno richiedere la consegna della pensione a domicilio per tutta la durata dell'emergenza da Covid-19, evitando così di doversi recare negli Uffici Postali".

Per fruire di questa opportunità bisogna però delegare al ritiro l'Arma dei Carabinieri, che poi si occuperanno di portare la pensione a casa del beneficiario (delegante).

Si tratta di un servizio che, peraltro, non ha alcun costo per il pensionato che ne beneficia, e che è stato introdotto proprio per ridurre il rischio di contagio tra gli anziani.

Gli anziani che sono interessati a beneficiare di questo servizio non dovranno far altro che contattare il numero verde gratuito 800 55 66 70 messo a disposizione di Poste Italiane. Naturalmente l'interessato non dovrà aver già delegato altri soggetti a ritirare la pensione, in quel caso dovrebbe prima togliere la vecchia delega e poi delegare l'Arma dei Carabinieri.

Un altro modo per accedere allo stesso servizio è quello di contattare direttamente la più vicina Stazione dei Carabinieri.

Da Poste Italiane fanno sapere che questo servizio resterà disponibile fino alla fine dello stato di emergenza, il che significa che i cittadini interessati potranno farne richiesta fino al 31 marzo 2022, a meno che, come è facile immaginare, lo stato di emergenza non venga poi ulteriormente prorogato.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato