Bollette gas: arriva la fine dell’IVA agevolata | Il peso in bolletta

Fuoco, gas

Mancano pochi giorni alla fine dell’IVA agevolata sulle bollette del gas: quale sarà l’impatto?

L’applicazione dell’IVA agevolata è stata una misura adottata dallo Stato per mitigare l’impatto dei costi energetici sulle famiglie e sui condomini. Riducendo temporaneamente l’aliquota sul gas metano, si è cercato di alleviare il peso delle bollette, specialmente in seguito a bruschi aumenti dei prezzi dell’energia.

bollette gas iva agevolata
Fuoco, gas

Di fatto l’aliquota ordinaria sarebbe stata insostenibile per la maggior parte dei consumatori, complice il contesto lavorativo complesso degli ultimi anni.

Ora da un lato alcuni consumatori rivaluteranno le proprie scelte energetiche e le proprie abitudini mentre dall’altro lato coloro che avevano programmato le spese basandosi sull’IVA ridotta dovranno ora riconsiderare le proprie proiezioni finanziarie per adeguarsi alla nuova realtà fiscale.

È fondamentale notare che l’IVA agevolata è stata inizialmente introdotta come misura temporanea e il suo ritorno alla norma rappresenta un tentativo di bilanciare le entrate fiscali dello Stato, oltre a potenzialmente riorientare gli investimenti pubblici verso altre priorità.

Addio all’IVA agevolata: ecco da quando

A partire dal 1° gennaio 2024, l’IVA agevolata al 5% sulle bollette del gas metano verrà interrotta, tornando alla sua aliquota ordinaria. Questo cambio avrà un impatto diretto sulle spese dei consumatori, poiché la riduzione temporanea introdotta nel 2022 in seguito a un significativo aumento del costo del gas metano da 1 a 3 euro al metro cubo, non sarà prolungata oltre il 31 dicembre 2023.

L’aliquota IVA per il gas metano a uso civile sarà del 10% per i primi 480 metri cubi consumati annualmente (quindi più 5%) mentre sarà del 22% per i consumi oltre questa soglia (quindi più 17%), rispetto all’aliquota agevolata al 5% in vigore precedentemente.

bollette gas ritorno iva al 22
Fiamma, gas

Quali sono le conseguenze?

L’IVA ridotta sarà applicabile solo alle bollette emesse fino alla fine del 2023, dopodiché la decisione di non prorogare l’agevolazione dell’IVA sul gas metano comporterà un aumento dei costi per le famiglie e i condomini.

L’impatto sul ménage familiare sarà importante (per fortuna le famiglie bisognose potranno richiedere il bonus sociale messo a disposizione dall’ARERA) mentre potrebbe influenzare i condomini che avevano pianificato le spese basandosi sull’IVA ridotta per sostenere la produzione di acqua calda e riscaldamento centralizzato.

L’aumento in bolletta

L’aumento nelle bollette del gas dipenderà dal consumo annuale e dall’uso effettivo di metri cubi che superano la soglia agevolata. Con l’IVA al 22% rispetto all’attuale al 5%, ci si aspetta un aumento del 5% per i primi 480 metri cubi consumati e del 17% per i consumi oltre tale limite.

Se consideriamo una bolletta da 150 euro, con l’IVA al 5% si aggiungerebbe un costo di 7,50 euro, portando il totale a 157,50 euro. Con l’aumento previsto, il totale cambierebbe in 165 euro per i primi 480 metri cubi consumati e 183 euro o più per i consumi che superano questa soglia.

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram

Migliori Piattaforme di Trading

Deposito minimo 50$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
* Avviso di rischio
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.

Regolamentazione Trading