alcuni documenti e una calcolatrice su una scrivania
Come cambia la busta paga con la riforma fiscale - Borsainside.com

Nell’era della costante evoluzione normativa, uno dei punti focali che richiama l’attenzione di molti è la legge delega sulla riforma fiscale, finalmente giunta alla sua approvazione definitiva.

Ciò si traduce in cambiamenti significativi per la tua busta paga a partire dal prossimo anno, grazie a un nuovo approccio alla tassazione dei redditi che coinvolge le diverse aliquote Irpef.

Nuovi orizzonti fiscali: cosa aspettarsi

La riforma fiscale si prospetta come una svolta che avrà un impatto diretto sulle tue finanze personali. Tuttavia, con il testo della legge delega ancora privo di alcune specifiche relative alle percentuali per il calcolo della busta paga, sorgono naturalmente domande su cosa ci si può aspettare effettivamente.

Il Corriere della Sera ha elaborato quattro ipotesi fondamentali, ciascuna con potenziali implicazioni sulla tua busta paga, basate sui tre diversi scaglioni di reddito e relative aliquote previste dalla riforma fiscale.

Ipotesi 1: l’accorpamento strategico

Una delle prospettive in lizza è l’accorpamento del secondo e terzo scaglione di reddito, con un’unica aliquota del 27%. Questo scenario, proposto dalla Ragioneria di Stato, coinvolgerebbe redditi compresi tra i 15 mila euro e i 50 mila euro.

Per darti un’idea delle possibili variazioni annuali dell’imposta secondo questa ipotesi:

  • Redditi di 20mila euro: imposta di 4.800€ (+100€);
  • Redditi di 35mila euro: imposta di 8.850 euro (- 300€);
  • Redditi di 50mila euro: imposta di 12.900 euro (- 1.500€);
  • Redditi di 60mila euro: imposta di 17.200 euro (- 1.500€).

È evidente che lavoratori nella seconda fascia di reddito potrebbero vedere un leggero aumento dell’aliquota, mentre coloro che si collocano tra i 28 mila e i 50 mila euro potrebbero trarre beneficio da un aumento più sostanzioso dello stipendio.

Ipotesi 2: l’aliquota in rialzo

Un’alternativa alla prima ipotesi è l’applicazione di un’aliquota leggermente superiore. Con il secondo scaglione soggetto a un’imposta del 28%, i cambiamenti annuali potrebbero apparire così:

  • Redditi di 20mila euro: imposta di 4.850€ (+150€);
  • Redditi di 35mila euro: imposta di 7.650 euro (- 100€);
  • Redditi di 50mila euro: imposta di 13.300 euro (- 1.150€);
  • Redditi di 60mila euro: imposta di 17.600 euro (- 1.150€).

Questa ipotesi potrebbe avere un impatto maggiormente favorevole per coloro che rientrano nelle fasce di reddito più elevate, tra i 35 mila ed i 60 mila euro.

Ipotesi 3: scaglioni rivisitati

Un’ulteriore prospettiva è la revisione del secondo scaglione, con un primo scaglione fino a 28 mila euro e un’aliquota del 20%. Il secondo scaglione, compreso tra i 28 mila e i 50 mila euro, vedrebbe un’aliquota del 35%, mentre il terzo scaglione manterrebbe l’aliquota al 43%.

L’impatto potrebbe presentarsi come segue:

  • Redditi di 20mila euro: imposta di 4.000€ (- 700€);
  • Redditi di 35mila euro: imposta di 8.050 euro (- 1.100€);
  • Redditi di 50mila euro: imposta di 13.300 euro (- 1.100€);
  • Redditi di 60mila euro: imposta di 17.600 euro (- 1.100€).

Ipotesi 4: fusioni di scaglioni

L’ultima ipotesi prevede un accorpamento della prima e della seconda fascia di reddito con un’aliquota del 23%, e un secondo scaglione con un’imposta del 33%.

Le variazioni annuali rispetto all’imposta attuale sarebbero:

  • Redditi di 20mila euro: imposta di 4.600€ (- 100€);
  • Redditi di 35mila euro: imposta di 7.100 euro (- 300€);
  • Redditi di 50mila euro: imposta di 13.700 euro (- 700€);
  • Redditi di 60mila euro: imposta di 10.000 euro (- 700€).

Nonostante queste ipotesi suggeriscano scenari possibili, occorrerà aspettare ancora alcuni mesi per vedere come si tradurranno effettivamente in cambiamenti concreti nella tua busta paga. La riforma fiscale, con le sue prospettive di rinnovamento, inciderà inevitabilmente sulle tue finanze personali, e la tua attenzione verso questi sviluppi è cruciale per prendere decisioni informate.

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.