un'insegna dell'Agenzia delle Entrate
Agenzia delle Entrate - Borsainside

Il rimborso Irpef per il Modello 730/2023 senza sostituto d’imposta può essere ottenuto direttamente dall’Agenzia delle Entrate e accreditato sul conto corrente del contribuente, ma per farlo è necessario comunicare il proprio Iban all’Agenzia.

L’accredito sul conto corrente è la principale modalità di accredito per i rimborsi fiscali, ma è possibile anche ottenere il rimborso attraverso titoli di credito garantiti emessi da Poste Italiane. In ogni caso, il modo più veloce e conveniente per ricevere i rimborsi fiscali è quello di comunicare il proprio Iban all’Agenzia delle Entrate.

Per comunicare l’Iban, è possibile utilizzare il portale Infoprecompilata. Il primo passo è accedere al proprio Modello 730/2023 precompilato attraverso le credenziali Spid, Cie o Cns. Successivamente, nella colonna a sinistra della Home Page, bisogna cliccare sulla voce “Iban”, inserire il codice associato al proprio conto corrente e premere il tasto “salva”.

È importante notare che, se si invia il Modello 730/2023 senza sostituto d’imposta o il modello Redditi PF, è necessario indicare il codice Iban sia per i rimborsi che per il pagamento online delle imposte dovute. In questo modo, è possibile ricevere il rimborso in modo tempestivo e comodo, garantendo un flusso di cassa adeguato.

Rimborso Irpef modello 730/2023: come comunicare l’IBAN e ricevere i rimborsi

Con l’avvento della digitalizzazione, la comunicazione dell’IBAN per l’accredito dei rimborsi fiscali del modello 730/2023 può avvenire sia online che attraverso il modulo cartaceo presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate.

Per quanto riguarda la modalità online, oltre al portale dedicato al Modello 730 precompilato, è possibile utilizzare il Cassetto Fiscale. Dopo aver effettuato l’accesso, sulla prima pagina “La mia scrivania”, sarà necessario selezionare “Servizi per” “Richiedere”“Accredito rimborso e altre somme su c/c” e seguire le istruzioni fornite.

Secondo quanto riportato sul sito ufficiale dell’Agenzia delle Entrate, questo servizio permette di comunicare le coordinate del proprio conto corrente bancario o postale per autorizzare l’accredito dei rimborsi o di altri pagamenti. Sarà quindi necessario inserire i seguenti dati:

  • Codice IBAN per i conti correnti italiani (27 caratteri) e per i conti correnti esteri appartenenti al circuito Sepa.
  • Codici IBAN e BIC per i conti correnti esteri non appartenenti al circuito Sepa.

Nel caso in cui si preferisca utilizzare il modulo cartaceo, sarà ancora possibile compilare un modulo specifico e consegnarlo di persona presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate.

Il modulo da utilizzare per la comunicazione dell’IBAN per l’accredito dei rimborsi fiscali si intitola “Rimborsi fiscali – modulo comunicazione IBAN” ed è disponibile in formato PDF. Per compilare il modulo cartaceo, sarà necessario recarsi presso qualsiasi Ufficio Territoriale dell’Agenzia delle Entrate, muniti di un documento d’identità valido.

All’interno del modulo, sarà presente una casella da barrare per comunicare l’IBAN (casella 1), mentre la casella 2 servirà per annullare la richiesta di accredito sul conto e ricevere il pagamento tramite assegno postale.

Nel modulo cartaceo, saranno richieste le seguenti informazioni:

  • Cognome e nome del contribuente.
  • Luogo, data di nascita e sesso.
  • Indirizzo di residenza anagrafica o, se diverso, il domicilio fiscale al momento della presentazione del modello.

Dopo aver inserito i dati anagrafici, sarà necessario fornire le coordinate del conto corrente del contribuente. Saranno disponibili due sezioni:

  • Coordinate del conto corrente italiano del contribuente (bancario o postale): sarà necessario indicare il codice IBAN di 27 caratteri.
  • Coordinate del conto corrente estero del contribuente: sarà necessario indicare la denominazione della banca, l’intestatario del conto corrente, il codice BIC e l’IBAN (se UEM) oppure le coordinate bancarie (se extra UEM) e l’indirizzo della banca.

Una volta compilato il modulo in ogni sua parte, questo deve essere consegnato presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate.

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.