Si può ristrutturare casa senza CILA e ottenere comunque i bonus? Ecco come fare

Come ristrutturare casa senza CILA ma con bonus e detrazioni - BorsaInside.com

La ristrutturazione di una casa rappresenta un importante passo verso il miglioramento della qualità abitativa e l’aumento del valore dell’immobile.

Spesso, però, si associa il processo di ristrutturazione all’onere di presentare la Cila (Comunicazione di Inizio Lavori Edilizia) con i relativi oneri. Tuttavia, è essenziale sapere che esistono interventi di edilizia libera che non richiedono la Cila e che godono comunque delle detrazioni fiscali previste.

Detrazioni fiscali senza Cila: cosa dice l’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate ha chiarito in varie occasioni che alcune tipologie di interventi edilizi possono accedere alle detrazioni fiscali senza la necessità di presentare la Cila. Questo è particolarmente rilevante per gli interventi inclusi nell’edilizia libera e nella manutenzione ordinaria.

Secondo la risposta fornita su Fiscooggi il 22 novembre 2023, l’abilitazione amministrativa è richiesta in base alla tipologia specifica di lavori da realizzare. Se l’intervento non richiede la concessione o la comunicazione di inizio lavori, è possibile richiedere le agevolazioni presentando una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà. Questa dichiarazione dovrebbe indicare la data di inizio lavori e attestare che gli stessi rientrano tra gli interventi agevolabili.

Leggi anche: Legge di Bilancio 2024: tutte le misure approvate, dalla riforma fiscale a bonus e pensioni

Ristrutturazione in edilizia libera senza Cila, con detrazioni

Gli interventi in edilizia libera, per i quali non è richiesta alcuna comunicazione specifica al Comune, sono particolarmente interessanti in quanto consentono di evitare la presentazione della Cila. Tra le diverse tipologie di lavori previsti, alcuni godono delle detrazioni fiscali senza necessità di adempimenti amministrativi particolari.

Lavori che rientrano in edilizia libera senza Cila

  1. Messa a Norma della Casa e Impianti:
    • Adozione di misure preventive contro comportamenti illeciti.
    • Cablatura degli edifici per ridurre l’inquinamento acustico.
    • Risparmio energetico con impianti alimentati da fonti di energia rinnovabile.
    • Prevenzione di infortuni domestici.
  2. Lavori di Manutenzione Ordinaria:
    • Rifacimento di intonaco.
    • Cambio degli infissi e dei serramenti.
    • Installazione di inferriate, parapetti, grondaie.
    • Realizzazione di controsoffitti non strutturali.
    • Interventi sulla pavimentazione, tinteggiatura, e intonaco.
  3. Altri Lavori Agevolabili:
    • Installazione di pannelli solari.
    • Rifacimento della copertura della casa.
    • Installazione di canna fumaria o comignoli.
    • Sostituzione o riparazione degli impianti elettrici, igienico-sanitari e di climatizzazione.

Detrazione garantita: procedura senza Cila

Quando si effettuano interventi senza la necessità di presentare la Cila, è comunque possibile godere delle detrazioni fiscali previste. La procedura da seguire è chiaramente indicata dall’Agenzia delle Entrate:

  1. Autocertificazione:
    • Presentare un’autocertificazione contenente la data di inizio lavori.
    • Attestare che gli interventi rientrano tra quelli agevolabili.
  2. Fattura Dettagliata:
    • La fattura degli interventi deve dettagliare ogni lavoro eseguito.
  3. Pagamento con Bonifico Parlante:
    • Effettuare il saldo della fattura tramite bonifico parlante.

In questo modo, anche senza Cila, è possibile garantirsi la detrazione fiscale per i lavori di ristrutturazione effettuati. L’importante è seguire scrupolosamente la procedura indicata dall’Agenzia delle Entrate.

La ristrutturazione di una casa senza la necessità di presentare la Cila è quindi possibile, così pure accedere alle detrazioni fiscali previste. Scegliere interventi in edilizia libera consente di migliorare la propria abitazione con una procedura semplificata e vantaggiosa anche dal punto di vista fiscale.

Leggi anche: Tasse sulla casa in aumento? Potrebbe essere colpa del Superbonus, ed ecco perché

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram

Migliori Piattaforme di Trading

Deposito minimo 50$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
* Avviso di rischio
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.

Regolamentazione Trading