Skin ADV

Forex EUR/USD, Euro debole su dollaro

euro

Euro debole su dollaro, pesa l'avvicinarsi della conferenza stampa della Banca centrale europea.

Nella giornata di oggi l’euro perde qualche posizione, riflettendo le attese dei mercati sulla conclusione della riunione del Consiglio della Banca Centrale Europea e, naturalmente, i contenuti della successiva conferenza stampa.

Conosci il Social Trading?  Vedi chi sono i migliori investitori trader italiani e del mondo e inizi a copiare il loro portafoglio. Conto Demo gratuito con 100.000€ virtuali per provare senza spendere i tuoi soldi Scopri i migliori trader su eToro con un Conto Demo Gratuito >>

Conosci il Social Trading?  Vedi chi sono i migliori investitori trader italiani e del mondo e inizi a copiare il loro portafoglio. Conto Demo gratuito con 100.000€ virtuali per provare senza spendere i tuoi soldi Scopri i migliori trader su eToro con un Conto Demo Gratuito >>

In particolare, le attese di consenso stanno gradualmente convergendo su dichiarazioni che Mario Draghi dovrebbe elaborare ponendo il giusto accento sul rallentamento della crescita economica nell’area euro. L’Eurotower dovrebbe dunque confermare l’intenzione di lasciare invariati i tassi di interesse fino alla fine dell’anno. Potrebbero però esserci dei (tiepidi) richiami alla politica monetaria della BCE, tali da incidere sul cambio. Secondo ING, è probabile che la retorica comunicativa di Draghi possa optare per un approccio da colomba, giustificato da una lunga serie di dati macro deludenti provenienti dalla zona euro. Il cambio tra euro e dollaro dovrebbe dunque avvicinarsi a quota 1,1310.

Per quanto concerne le altre valute, la sterlina sale ai massimi livelli da metà novembre a questa parte nei confronti del dollaro: trova anche qui giustificazione il consenso, da parte degli analisti, del fatto che difficilmente l’uscita della Gran Bretagna dall’UE sarà caotica e priva di ordine.

Chiudiamo infine con un rapido riferimento alle decisioni sui tassi delle banche impegnate su tal fronte, con la Banca Centrale Australiana che ha incrementato i tassi sui mutui di 12-16 punti base, e con la Banca Centrale Norvegese che ha invece mantenuto invariato il tasso di interesse di riferimento allo 0,75%, lasciando intendere la volontà di alzarlo a marzo.

iQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro