L’agenzia di rating Standard & Poor’s per il momento non boccia l’Italia, rinviando il giudizio dopo le prossime manovre del Paese. L’istituto conferma così il proprio rating BBB, con un outlook negativo: una stabilità che non fa certamente gridare di gioia gli analisti, consapevoli che tale scelta non è certamente anticipatrice di un positivo sviluppo.

D’altronde, il rating attribuito all’Italia si conferma essere poco sopra il junk, con la conseguenza che oggi i titoli del debito italiano sono considerato poco meglio della spazzatura. Considerando poi che la crescita del Paese è inesistente o quasi, e che vi sono timori sulla tenuta dei conti in un clima di potenziale attivazione delle clausole di salvaguardia, i dati sembrano combinarsi nel peggiore dei modi per l’evoluzione tricolore. A quanto sopra si aggiunga poi la congiuntura negativa più sfavorevole, e difficoltà continentali che potrebbero acuirsi dopo la prossima tornata elettorale.

Per quanto poi attiene l’outlook negativo, tutto lascia presagire che dopo le manovre che il governo – qualora ancora in carica se supererà le attuali turbolenze interne – riuscirà ad attuare nei prossimi mesi, potrebbero costituire un tassello decisivo per un nuovo downgrade o una stabilizzazione del giudizio.

Ad ogni modo, il fatto che Standard & Poor’s per il momento non abbia ritoccato al ribasso il proprio giudizio sull’Italia per il momento non ha prodotto i temuti effetti negativi sull’euro, che rimane in orbita 1,12 contro dollaro. Vedremo però se nei prossimi giorni dati fondamentali in uscita e le prossime novità provenienti dai Paesi più in “vista”, saranno o meno in grado di impattare positivamente o negativamente sugli equilibri precari della valuta unica europea nei confronti del dollaro statunitense e di tutto il basket delle principali controvalute.

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.