Nelle ultime ore il primo ministro britannico Boris Johnson sta intensificando gli sforzi per convincere il Partito unionista democratico nordirlandese a sostenere la bozza di accordo Brexit. Al momento di scrivere, però, il DUP si è detto non ancora pienamente convinto, e dunque la Gran Bretagna non ha dato il via libera ai suoi interlocutori a Bruxelles.

I colloqui continuano a Bruxelles per approfondire i dettagli dell’intesa, ma è logico che a questo punto tutta l’attenzione si stia spostando su Londra. Gli sforzi per convincere il piccolo partito potrebbero includere diverse offerte in contropartita, come la promessa di investire più denaro nella regione.

Detto ciò, il mercato sembra essere piuttosto ottimista sul fatto che l’accordo possa essere raggiunto. Un accordo il cui contenuto di dettaglio, almeno per il momento è ignoto. I media britannici affermano tuttavia che, sebbene non siano stati pubblicati documenti ufficiali, Johnson avrebbe accettato di mantenere l’Irlanda del Nord nell’unione doganale dell’UE, separandola dal resto del Regno Unito.

Le implicazioni sono la presenza di un confine “aperto” nell’isola, come da più parte auspicato. Per l’UE, una simile evoluzione preserverebbe l’integrità del mercato unico, mentre per Londra ciò consentirebbe alla Gran Bretagna di firmare nuovi accordi commerciali. L’aspetto negativo per il DUP è che questo accordo creerebbe una frontiera doganale nel Mare d’Irlanda, disgregando l’Unione.

Naturalmente, quanto sopra non è certamente lo scenario preferito dagli investitori, che avrebbero voluto una soft Brexit. Tuttavia, è anche vero che per i mercati, la certezza è preferibile all’incertezza. E dunque sebbene gli investitori siano contrari a questa hard Brexit, è pur vero che avrebbero preferito questo scenario a un ritardo, che teoricamente aprirebbe la porta a tali opzioni, e anche a una Brexit senza alcuna contropartita.

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.