Forex trading, i market mover 9 – 13 dicembre 2019

Settimana ricchissima di dati, quella che si apre oggi… che ci richiede un grandissimo sforzo di sintesi per non perdere nemmeno uno dei potenziali market mover in uscita. Ma andiamo con ordine!

Lunedì 9 dicembre 2019

Cominciamo con oggi, con la carrellata di dati macro che ha il suo via dal Giappone, soprattutto con i dati del PIL: il trimestrale è atteso in accelerazione allo 0,2% (ex 0,1%), mentre quello annuale dovrebbe spingere a 0,7%, invertendo la tendenza precedente (- 0,2%).

Meno dati di interesse in Europa, con l’unico elemento statistico di rilievo rappresentato dal saldo della bilancia commerciale tedesca, poco variato.

Martedì 10 dicembre 2019

Passiamo dunque alla giornata di martedì, una giornata che vede come protagonista la Gran Bretagna. In breve, usciranno i dati di PIL (attese: -0,1% mese, – 0,2% trimestre, 1,2% anno), della produzione manifatturiera (sempre negativa, ma lo -0,1% atteso è un contenimento del precedente – 0,4%). Poche novità dovrebbero invece arrivare dal saldo della bilancia commerciale. Esce altresì il report BoE sulal stabilità finanziaria.

In area euro, ancora una volta l’attenzione sarà incentrata in Germania, con l’indice ZEW sul sentimento dell’economia tedesca, previsto in inversione di tendenza da -2,1 a 0,3.

Negli Stati Uniti, diversi dati che non dovrebbero comunque muovere, da soli, i rapporti di forza dei cambi. Il più importante sarà quello della produttività non agricola, che nel trimestre dovrebbe essere ancora negativa, anche se in attenuazione (-0,1%) rispetto al trimestre precedente (-0,3%).

Mercoledì 11 dicembre 2019

Nella giornata di mercoledì focus interamente incentrato sugli Stati Uniti. Nei vari dati in uscita, i più importanti sono riconducibili all’indice principale dei prezzi al consumo, a novembre probabilmente invariato (0,2% su mese) rispetto al periodo precedente. Naturalmente, l’attenzione sarà tuttavia sulle decisioni del FOMC e, in particolar modo, su quelle dei tassi di interesse, che non dovrebbero essere ritoccati in questa occasione.

Giovedì 12 dicembre 2019

Si giunge così alla giornata delle elezioni politiche britanniche. Sul fronte dati, in uscita quello sulla produzione industriale mensile (- 0,4% è l’attesa, contro 0,1% del mese precedente), ma in area euro c’è anche la riunione della BCE, con poche o nessune novità su policy & co.

Infine, negli USA in pubblicazione il dato IPP mensile, in aumento dello 0,2%, ex 0,4%.

Venerdì 13 novembre 2019

Chiudiamo infine con i dati di venerdì 13 novembre. In Giappone verrà pubblicato l’indice Tankan dei grandi produttori manifatturieri e non manifatturieri, in entrambi i casi in contrazione. Giornata invece calma in Europa, probabilmente dedicata ad analizzare gli eventi del giorno precedente, mentre negli Stati Uniti tra i numerosi dati quello più importante sembra essere quello legato alle vendite al dettaglio, previste in aumento lieve a 0,4% su mese, contro lo 0,3% del mese precedente.

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Forex

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 78% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.