La sterlina (GBP) tenta di riprendersi dopo una serie di chiusure negative sul dollaro (USD)

Analisi cambio GBP/USD - Borsainside.com

Il valore della Sterlina Britannica sta tentando di recuperare terreno dopo una serie di sette chiusure negative consecutive rispetto al Dollaro Statunitense, poiché oggi l’indice del Dollaro Statunitense (DXY) sta registrando una lieve flessione.

L’andamento odierno è influenzato da fattori riguardanti gli Stati Uniti, piuttosto che specifici del Regno Unito, e tale tendenza dovrebbe persistere per tutta la settimana a causa delle numerose importanti pubblicazioni di dati economici previste negli Stati Uniti, inclusa l’annuncio del tasso di interesse del Federal Open Market Committee (FOMC).

L’attenzione di oggi sarà rivolta alla pubblicazione dell’indice di fiducia dei consumatori del Conference Board statunitense, previsto in aumento per il quarto mese consecutivo, raggiungendo il livello più alto dal gennaio 2022. Questo potrebbe mettere a rischio la Sterlina nel caso in cui i dati reali superino le aspettative.

La situazione del Regno Unito e le previsioni sui tassi di interesse

Dal punto di vista del Regno Unito, le previsioni sui tassi di interesse della Banca d’Inghilterra (BoE) sono state riviste al ribasso, passando dal picco superiore al 6% al 5,8% nel febbraio/marzo 2024, al momento della scrittura.

Questo calo ha avuto un impatto negativo sulla Sterlina, aggravato anche dai dati PMI deboli registrati ieri. Inoltre, l’elevato debito pubblico del Regno Unito ha pesato sulla nazione, con il debito significativamente più alto rispetto sia agli Stati Uniti che all’eurozona.

Il ruolo dell’ottimismo cinese e i livelli chiave del cambio GBP/USD

L’ottimismo cinese riguardo a ulteriori stimoli ha temporaneamente spostato gli investimenti lontano dal Dollaro Statunitense, aumentando la forza della Sterlina. Tuttavia, questa situazione potrebbe essere di breve durata, poiché al momento non sono state adottate azioni concrete.

Analizzando i prezzi nel grafico giornaliero del cambio GBP/USD, possiamo notare che si mantengono intorno al supporto chiave di 1.2848, con l’Indice di Forza Relativa (RSI) posizionato nella regione di mezzo, suggerendo una possibilità di movimenti sia rialzisti che ribassisti a breve termine.

Tuttavia, i fondamentali sembrano favorire ulteriori debolezze, a meno che la Federal Reserve (Fed) decida di mantenere o ridurre i tassi di interesse, oppure fornisca una guida estremamente accomodante con un aumento dello 0,25% (che è già prezzato nel mercato).

In caso contrario, nel contesto di una crescente paura di una recessione, il Dollaro Statunitense potrebbe essere considerato come il rifugio sicuro scelto dagli investitori.

Livelli chiave di resistenza e supporto

Al fine di prendere decisioni informate riguardo al cambio GBP/USD, è importante tenere d’occhio i seguenti livelli chiave:

Livelli Chiave di Resistenza:

  • 1.3000
  • 1.2900

Livelli Chiave di Supporto:

  • 1.2848
  • Supporto della trendline
  • 1.2680

Sentimento dei clienti IG inclinato al ribasso (GBP/USD)

I dati sul Sentimento dei Clienti IG (IGCS) mostrano che attualmente i trader al dettaglio non hanno posizioni né corte né lunghe su GBP/USD, con il 50% dei trader che ha posizioni sia corte che lunghe (al momento della scrittura).

Tuttavia, a causa dei recenti cambiamenti nelle posizioni lunghe e corte, il sentiment di mercato suggerisce un bias ribassista a breve termine, secondo la visione contrarian di DailyFX.

Concludendo, il valore della Sterlina Britannica rispetto al Dollaro Statunitense è influenzato da una serie di fattori sia interni che esterni. La situazione economica del Regno Unito, le previsioni sui tassi di interesse e le pubblicazioni di dati economici statunitensi possono generare fluttuazioni significative nel cambio GBP/USD.

Tuttavia, monitorando attentamente i livelli chiave di resistenza e supporto e tenendo in considerazione il sentiment di mercato, gli operatori possono prendere decisioni informate riguardo alle loro operazioni sul mercato delle valute.

logo broker etoro

Tutti i migliori broker CFD consentono di fare trading sul cross Gbp/Usd. Il nostro suggerimento è di usare eToro (qui la recensione), un broker che mette a disposizione anche un conto demo gratuito da 100mila euro virtuali per imparare a fare pratica senza correre il rischio di perdere soldi veri. In questo articolo abbiamo parlato di come fare trading su Eur/Usd con eToro.

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram

Migliori Piattaforme di Trading

Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
* Avviso di rischio
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.

Regolamentazione Trading
Non perdere le nostre notizie! Vuoi essere avvisat* quando pubblichiamo un nuovo articolo? No Sì, certo