Previsioni cambio USD/JPY in vista della fine del ciclo di rialzi dei tassi di interesse

Cross USD/JPY: previsioni - BorsaInside.com

Nella sessione asiatica di giovedì, il tasso di cambio tra il dollaro statunitense (USD) e lo yen giapponese (JPY) ha registrato una diminuzione, interrompendo una serie positiva di due giorni e scambiando al ribasso intorno a 149,00. Tale movimento è il riflesso delle sfide che il dollaro statunitense sta affrontando a causa della possibilità che la Federal Reserve (Fed) ponga fine al ciclo di aumenti dei tassi di interesse.

Gli investitori sono attualmente immersi in una speculazione riguardo alla decisione della Federal Reserve degli Stati Uniti (Fed) in merito agli aumenti dei tassi di interesse. Il governatore della Fed, Christopher Waller, sta sostenendo una posizione cauta nei confronti degli sviluppi dei tassi di interesse, affermando che un irrigidimento nei mercati finanziari “farebbe parte del lavoro per noi.”

Al contrario, la governatrice della Fed, Michelle Bowman, è favorevole a ulteriori aumenti dei tassi, citando una persistente inflazione al di sopra del target del 2% della Fed.

Inoltre, una divergenza chiave nelle prospettive emana dai verbali del Federal Open Market Committee (FOMC). Questi verbali mettono in luce l’importanza di basare le decisioni di politica monetaria sui dati concreti. Vi è l’insinuazione che per ottenere un consenso nella formulazione di tali decisioni, sarà fondamentale raggiungere un significativo aumento dell’inflazione.

I dati sull’Indice dei Prezzi al Produttore (PPI)

A settembre, l’indice dei prezzi al produttore (PPI) degli Stati Uniti ha registrato un aumento, passando dal 2,0% al 2,2%, superando le previsioni che indicavano un incremento del 1,6%. Questo sviluppo ha attirato l’attenzione dei mercati finanziari.

Tuttavia, ora l’attenzione si sposta sulla pubblicazione dell’indice dei prezzi al consumo (CPI) di giovedì, con previsioni che suggeriscono una potenziale diminuzione del tasso annuale dall’attuale 3,7% al 3,6%. Inoltre, è importante rimanere vigili riguardo al prossimo rapporto settimanale sulle richieste di sussidi di disoccupazione.

L’indice del dollaro statunitense (DXY) sta attualmente affrontando sfide significative, registrando perdite intorno a 105,50 al momento della stesura. Questa difficoltà è attribuita alle prestazioni contenute dei rendimenti dei titoli del Tesoro statunitense. Al momento, il rendimento del titolo del Tesoro decennale si mantiene fermo al 4,54%, il che crea incertezza nei mercati finanziari.

La debolezza dello Yen Giapponese (JPY) e le politiche monetarie

Lo yen giapponese (JPY), d’altro canto, sta mostrando segni di debolezza dovuti alla politica monetaria molto accomodante della Banca del Giappone (BoJ). Inoltre, un membro del consiglio di amministrazione della BoJ, Asahi Noguchi, è al centro dell’attenzione giovedì.

Egli sottolinea che la banca centrale “non può essere ottimista riguardo all’accelerazione della crescita dei salari.” Noguchi attribuisce l’inflazione principalmente all’aumento dei prezzi delle importazioni, tenendo conto dei fattori valutari, e afferma che c’è ancora una notevole distanza dall’obiettivo del 2% di inflazione.

Il responsabile della politica monetaria sottolinea inoltre che al momento non c’è un bisogno immediato di modificare la politica di controllo della curva dei rendimenti (Yield Curve Control, YCC). Noguchi enfatizza l’importanza di portare i salari reali in territorio positivo e stabilisce l’obiettivo di avvicinare la crescita dei salari al 3%, anche se non può specificare quando ciò potrebbe avvenire.

In passato, Noguchi ha espresso le sue opinioni, suggerendo che se le banche centrali si astengono dagli aumenti dei tassi e l’inflazione si attenua, il rischio di una brusca frenata economica diminuirà.

Egli osserva che l’economia del Giappone sta gradualmente riprendendo e, in una fase in cui le aspettative di inflazione sono in aumento, Noguchi sostiene la necessità di una certa flessibilità per mantenere una politica accomodante nel quadro del controllo della curva dei rendimenti (YCC). Questo approccio mira a bilanciare la ripresa economica con la necessità di gestire efficacemente le aspettative di inflazione.

In tutti i migliori broker CFD hai la possibilità di fare trading sul cross Usd/Jpy. Su eToro (qui la recensione), puoi iniziare con un conto demo gratuito da 100mila euro virtuali per imparare a fare trading senza rischiare di perdere soldi veri. Abbiamo anche dedicato un approfondimento su come fare trading con eToro.

logo broker etoro

Per fare trading forex con eToro clicca qui, e potrai aprire il conto demo gratis per iniziare senza rischiare.

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram

Migliori Piattaforme di Trading

Deposito minimo 50$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
* Avviso di rischio
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.

Regolamentazione Trading