Cina, mercati azionari e yuan ancora più giù

cina

Mercati azionari cinese ancora in calo dopo una giornata di precario equilibrio.

CONDIVIDI

Nuovo tonfo delle azioni cinesi, che hanno esteso il loro declino proprio mentre lo yuan toccava il suo livello più debole da quasi due anni a questa parte, mettendo alla prova la capacità del governo di mantenere una condizione di calma in un contesto di crescente aleatorietà sulla più grande economia asiatica.

Timori di margini più ampi hanno alimentato un crollo del 3% nell'indice di Shanghai, che è sceso a un minimo livello da quasi quattro anni a questa parte. Gli sforzi delle istituzioni locali per rafforzare la fiducia nelle piccole imprese non sono riusciti a rafforzare il sentiment complessivo, e lo yuan è sceso oltre il minimo di agosto 2018, dopo che il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha cessato di considerare la Cina come un “manipolatore” di valuta, con una mossa che alcuni hanno interpretato come un lasciapassare di Pechino per consentire un tasso di cambio più debole.

Insomma, il governo cinese si trova ad affrontare una dura prova di equilibrio mentre cerca di mantenere la stabilità finanziaria tra rallentamento della crescita economica, una guerra commerciale con gli Stati Uniti e l'aumento dei tassi di interesse della Fed.

Pechino si è finora astenuta dal porre in essere grandi sforzi di supporto del mercato, ma ora è evidente come sempre più analisti richiedano un'azione più audace. Con 603 miliardi di dollari di azioni impegnate come garanzia per i prestiti, o l'11 per cento della capitalizzazione di mercato della Cina, la preoccupazione è che vendite “forzate” possano indurre il mercato in una spirale discendente.

“È giunto il momento che lo stato intervenga”, ha detto Dong Baozhen, un gestore di fondi della Beijing Tonglingshengtai Asset Management ,su Bloomberg, ricordando come “i fondi nazionali non possono rimanere in disparte e guardare questo clima di estremo pessimismo”.

Peraltro, la nuova debolezza dello yuan ha aggiunto al sentimento ribassista. La valuta era stata scambiata in un range ristretto nei giorni precedenti la relazione semestrale del Tesoro sul Forex, contribuendo a sostenere il sentiment del rischio a livello globale. Ma giovedì, la Banca centrale cinese ha indebolito il proprio fixing quotidiano dello 0,25% e lo yuan è sceso fino allo 0,3%, a 6,9422 per dollaro.

“C'era una minoranza di operatori sul mercato che scommetteva che la Cina avrebbe voluto resistere in modo aggressivo alla svalutazione dello yuan per evitare di essere definita come un manipolatore di valuta”, ha detto Frances Cheung, responsabile della strategia macro per l'Asia presso la Westpac Banking Corp. a Singapore. “Il report del Tesoro significa ora che la scommessa è stata persa. Pensiamo che la Cina possa essere più a suo agio con una condizione di maggiore debolezza, a patto che sia guidata da un dollaro forte” – ha aggiunto.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro