Mercati asiatici di frontiera per investire nel lungo termine

Mercati asiatici di frontiera per investire nel lungo termine

Investire in Vietnam, Indonesia, Pakistan, Bangladesh o Sri Lanka? Un report di esame dei singoli mercati asiatici emergenti

CONDIVIDI

Secondo Sid Choraria, Portfolio Manager di Amiral Gestion, l'Asia è un terreno fertile per gli investitori a lungo termine, poiché i mercati e le imprese trovano ancora in fasi più nascenti rispetto ai mercati sviluppati degli Stati Uniti e dell’Europa. Oltre alle grandi economie in crescita come la Cina, l'India e i mercati sviluppati del Giappone e della Corea, ci sono buone opportunità di investimento anche nei cosiddetti mercati di frontiera. L'analista di Amiral Gestion, quindi, non prende in considerazione i mercati asiatici più conosciuti ma bensì quelli che sono meno noti. E' li che si annidano le più importanti occasioni di investimento per trarre profitti consistenti. 

Il criterio adottato dall'analista prevede prima l'esame della situazione economica e poi una panorama sulle prospettive di investimento nel lungo termine. I mercati di frontiera esaminati sono: Vietnam, Indonesia. Pakistan, Sri Lanka e Bangladesh.

Investire in Vietnam

Tra i più promettenti mercati di frontiera asiatici, c’è il Vietnam. Il PIL di 240 miliardi di dollari è triplicato negli ultimi 3 anni, e la soglia di mercato è di quasi 150 miliardi di dollari. Il paese ha una forte demografia,l'età media è inferiore ai 30 anni e la maggior parte dei 90 milioni di abitanti sono imprenditori. La crescita del PIL del Vietnam è rallentata al +6,88% nel terzo trimestre18 (terzo trimestre17: +7,46%). La crescita del settore delle costruzioni si è riaccelerata, con un aumento della spesa pubblica in conto capitale rispetto al secondo trimestre 18. Nel frattempo, altri importanti settori, tra cui l'industria manifatturiera, il commercio al dettaglio, l'alloggio e i servizi F&B hanno registrato un ritmo di crescita più lento.

Riteniamo che il Vietnam sarà un beneficiario della guerra commerciale USA-Cina nel medio-lungo termine, in quanto è attualmente il paese ASEAN nella posizione migliore per esplorare la delocalizzazione della produzione fuori dalla Cina, data la sua attraente posizione geografica che si inserisce bene nelle catene di approvvigionamento dell'Asia settentrionale e meridionale. Il mercato del Vietnam ha corretto di ~25% rispetto al picco di aprile, ma è stato il mercato più performante dell'ASEAN nel 2017, con un indice che si è apprezzato del 48%. Le aziende meglio gestite in Vietnam sono Mobile World, FPT Corporation, Vinamilk e Phu Nhuan Jewelry.

Investire in Indonesia

Il prossimo mercato emergente asiatico è l'Indonesia , con un PIL di 1 trilione di dollari, anch'esso triplicato negli ultimi 10 anni. La capitalizzazione di mercato totale è di 420 miliardi di dollari. Sebbene sia composta da oltre 17.000 isole, il 50% o più dei 260 milioni di abitanti vive sull'isola principale di Giava. Con un'età media leggermente superiore di 30 anni rispetto al Vietnam, il paese ha un'enorme potenziale per i consumi, le società finanziarie e di infrastrutture. In termini di performance del mercato azionario, l'indice in Indonesia è sceso del 13% rispetto al picco di febbraio, insieme ad un deprezzamento dell'11% della valuta. Il deprezzamento è stato trainato dal disavanzo delle partite correnti del paese (in aumento a causa del continuo aumento del prezzo del petrolio) e dal deflusso di capitali esteri verso gli Stati Uniti a causa dell'aumento dei tassi, che lo ha portato al livello più basso degli ultimi 20 anni dell'ultima crisi finanziaria asiatica. Tuttavia, riteniamo che i fondamentali del Paese nel 2018 siano significativamente migliori del 1998. Le società meglio gestite in Indonesia sono Sarana Menara, Kalbe Farma, Mitra Adiperkasa, PT Telkom e Bank Central Asia.

Investire in Bangladesh

Il Bangladesh ha un PIL di 250 miliardi di dollari con una popolazione di oltre 165 milioni.Il mercato è sceso del 17% in quanto il sentiment rimane moderato a causa delle prossime elezioni con gli investitori che preferiscono adottare un approccio "wait and see". A livello macroeconomico, le rimesse hanno iniziato a crescere da luglio, con una crescita del 18% da luglio a settembre, anche se il deficit delle partite correnti ha superato il 3% questo mese. Una novità di settembre è stato l'aumento dei salari minimi per i lavoratori dell'industria tessile e dell'abbigliamento, la principale industria di esportazione del paese. Da dicembre 2018 in poi, il salario minimo aumenterà da 63 dollari al mese a 96 dollari al mese. Anche dopo questo aumento, il Bangladesh rimane più basso dei suoi colleghi nelle regioni, mentre aumenta il reddito da cessione dei 4 milioni di lavoratori che l'industria impiega. Ha inoltre introdotto riduzioni fiscali per le banche quotate in borsa, riducendo le aliquote dell'imposta sulle società, ma ha aggiunto un tetto massimo ai margini di spread degli interessi delle banche, portando alla vendita delle banche che hanno prestato prestiti alle PMI. Le principali società della regione sono BRAC Bank e Square Pharmaceuticals.

Investire in Pakistan

Il Pakistan è un'economia con un PIL di 305 miliardi di dollari, con una popolazione di quasi 200 milioni. Nonostante ciò, la capitalizzazione di mercato è di soli 80 miliardi di dollari. Il mercato è piatto per l'anno, ma in calo dell'11% rispetto al picco di aprile, mentre la valuta si è deprezzata di quasi il 20%, dato che le preoccupazioni macroeconomiche sono ancora al centro della scena, anche se il governo ha annunciato misure per controllare l'aumento del deficit fiscale attraverso l'aumento dei prezzi del gas naturale. Il governo ha anche annunciato che andranno al FMI per un prestito per aiutare a ridurre l'ampio deficit delle partite correnti e le basse riserve valutarie. In caso di successo, questo potrebbe dare al paese la possibilità di riformare i propri settori di potere, arrestare il deprezzamento della valuta e aumentare i tassi di interesse. Le società meglio gestite in Pakistan sono Unilever Pakistan, Engro Corporation, United Bank, MCB Bank, Lucky Cement e Pak Suzuki.

Investire in Sri Lanka

Lo Sri Lanka ha un PIL di appena 87 miliardi di dollari, intorno a quello che era il Vietnam 10 anni fa e il paese è stato recentemente afflitto da questioni politiche e macro. La capitalizzazione di mercato è di poco più di 20 miliardi di dollari. La valuta si è deprezzata dell'11% di YTD, con un forte calo a settembre a seguito di alcune pubblicazioni di ricerca sulla macro salute dell'economia dello Sri Lanka a causa dell'aumento dei tassi americani e del rafforzamento del dollaro USA. Il mercato ha inoltre registrato un calo del 7% a causa dei timori di contagio EM e di sconvolgimento politico nel paese. Il presidente del parlamento ha avvertito che questa crisi politica potrebbe trasformarsi in un "bagno di sangue" dopo che il presidente ha licenziato il primo ministro e sospeso il parlamento. Le principali aziende dello Sri Lanka sono John Keells Holdings, Dialog Axiata, Lion Brewery Ceylon, Cargills Ceylon e Commercial Bank of Ceylon.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro