Borsa di Hong Kong, l’Hang Seng guadagna il 4%

L’indice Hang Seng nella Borsa di Hong Kong cresce del 4% in seguito alle notizie secondo cui il controverso disegno di legge sull’estradizione sembra essere destinato al ritiro. Si avvicina pertanto un passo indietro, secondo i media locali, per quanto attiene una proposta di legge che avrebbe consentito l’estradizione in Cina, e che ha scatenato mesi di proteste di massa e smorzato il sentimento degli investitori finanziari in uno degli hub più importanti del Continente asiatico.

Secondo il South China Morning Post e altri media locali, l’annuncio dovrebbe avvenire tra poche ore. Evidente è stato il riflesso sulla piazza azionaria: l’operatore ferroviario MTR, ad esempio, precedentemente colpito da una serie di interruzioni nelle sue operazioni di servizio e da danni alle sue infrastrutture, è cresciuto di quasi 7 punti percentuali. Ha fatto meglio la compagnia aerea Cathay Pacific, che ha visto le azioni aumentare del 7,82%, con il CEO che si è dimesso a metà dello scorso mese di agosto, dietro le pressioni politiche di Pechino, dopo che uno dei piloti è stato individuato partecipare alle proteste organizzate a Hong Kong.

A rasserenarsi sembrano essere anche gli investitori della Cina continentale, con l’indice Composite di Shanghai che è salito dello 0,93% a circa 2.957,41 punti, mentre il listino di Shenzhen è cresciuto dello 0,69% a 9.700,32 punti. Anche il Composite di Shenzhen è cresciuto dello 0,667% a circa 1.636,40 punti.

Per quanto attiene le letture macroeconomiche, l’indice Caixin/Markit Services Purchasing Managers’ Index è stato pari a 52,1 punti ad agosto, il più alto livello da maggio e, dunque, in condizione di crescita (la soglia di 50 punti è quella che nelle letture PMI separa lo scenario di crescita da quello di contrazione).

In Giappone, il Nikkei 225 ha guadagnato lo 0,12% per chiudere a 20.649,14 punti, mentre l’indice Topix ha perso lo 0,26% per chiudere la giornata di negoziazione a 1.506,81 punti. Il Kospi in Corea del Sud ha chiuso in aumento dell’1,16% a 1.988,53 punti. L’S&P/ASX 200 in Australia ha chiuso invece in calo dello 0,31% a 6.553,00. I dati pubblicati mercoledì hanno mostrato l’economia australiana in crescita come previsto durante il secondo trimestre, con prodotto interno lordo aumentato dello 0,5% trimestre su trimestre su base destagionalizzata, e cresciuto dell’1,4% su base annua.

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Le ultime news su Borse Asiatiche

Copia dai migliori traders

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.