Cina, la crescita delle attività nel secondo trimestre potrebbe rallentare [Mirabaud AM]

mirabaud

La Cina potrebbe vedere un allentamento della crescita delle attività già nel secondo trimestre: una nota di Mirabaud ci spiega per quali motivi.

Secondo quanto commenta una recente nota a cura di Gero Jung, Chief Economist di Mirabaud Asset Management, la crescita delle attività cinesi nel secondo trimestre potrebbe rallentare.

🚀 Rendimento fino al 19% annuo? Investimenti in Prestiti: ottieni rendite passive con NIBBLE FINANCE👍 Investimenti a partire da 10 € ✅ Scegli una strategia di investimento in base alle tue preferenze in termini di redditività e rischio… Scopri di più >>

🚀 Rendimento fino al 19% annuo? Investimenti in Prestiti: ottieni rendite passive con NIBBLE FINANCE👍 Investimenti a partire da 10 € Scegli una strategia di investimento in base alle tue preferenze in termini di redditività e rischio… Scopri di più >>

L’esperto di Mirabaud sottolinea infatti come, guardando ai dati sulle importazioni e sui prezzi al consumo in Cina, a marzo sia possibile osservare come l’attività interna sia stata dinamica, ma come questo non esclude che la crescita dell’attività nel secondo trimestre rallenti.

In effetti – prosegue la nota – le importazioni sono aumentate a marzo toccando i massimi storici, e conducendo a un calo del surplus commerciale complessivo. Un aumento condotto dalle importazioni di materie prime, che potrebbe riflettere in parte un effetto prezzi, ma anche il forte dinamismo degli investimenti e dell’attività produttiva.

L’economista condivide poi come i prezzi al consumo siano in fase di normalizzazione, con l’eliminazione delle restrizioni che hanno condotto a un aumento dell’attività dei servizi interni a marzo, e come l’inflazione sia tornata in territorio positivo, mentre la forte crescita dei prezzi della produzione dovrebbe tradursi presto in pressioni al rialzo dei prezzi al consumo.

Quindi, si noti come il finanziamento aggregato si sia chiaramente moderato sul finire del primo trimestre e come il calo sia generalizzato, concernendo sia i finanziamenti bancari che quelli dello shadow banking. Un elemento che, combinato con le misure del governo per limitare gli acquisti di case e con la possibile richiesta della Banca centrale alle banche commerciali di mettere un freno ai finanziamenti per il resto dell’anno potrebbe condurre a un allentamento della crescita delle attività già a partire dal secondo trimestre 2021.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

BDSWISS