Criptovalute, l’India propone una tassa del 30%

criptovalute

L'aliquota fiscale proposta in India è elevata, ma segnala che il governo sta riconoscendo l'esistenza dell'industria delle valute digitali.

L’India ha proposta un'aliquota fiscale sui redditi da attività digitali piuttosto severa ma, nonostante il livello elevato delle imposte così proposte, segnala pur sempre che il governo riconosce l'industria delle criptovalute del Paese, divenendo così un segnale positivo.

Nel budget annuale dello scorso 1 febbraio, il ministro delle finanze Nirmala Sitharaman ha affermato che il "fenomenale aumento delle transazioni in attività digitali virtuali" richiede una revisione dell’approccio fiscale, con una tassa del 30% su qualsiasi reddito dal trasferimento di beni digitali e senza alcuna possibilità di deduzione. Le perdite subite da tali transazioni non potranno dunque essere compensate con qualsiasi altro reddito.

Inoltre, l'India ha previsto di imporre una tassa dell'1% dedotta alla fonte, o TDS, sui pagamenti relativi al trasferimento di beni digitali.

Ashish Singhal, fondatore e CEO di CoinSwitch, ha dichiarato di ritenere che il prelievo fiscale del 30% è un po' eccessivo, ma ha affermato che è pur sempre una mossa positiva, in quanto rimuove alcune delle ambiguità intorno alla posizione del governo indiano sulle criptovalute, viste negli ultimi mesi.

Lo scorso novembre, un bollettino parlamentare ha indicato che il governo aveva intenzione di introdurre un nuovo disegno di legge volto a regolamentare le valute digitali. Quel bollettino ha rammentato che l'India ha cercato di vietare la maggior parte delle criptovalute private e ha auspicato la realizzazione di quadro di preparazione per una valuta digitale ufficiale emessa dalla Banca centrale. La proposta di legge non è tuttavia ancora stata introdotta e non è nemmeno in programma per la sessione attuale parlamentare.

Come investire in criptovalute

Ricordiamo a tutti i nostri lettori che desiderano fare trading online sulle criptovalute che il miglior modo è quello di utilizzare una piattaforma professionale in cui tali titoli sono disponibili, come quella di Avatrade (qui la nostra recensione).

In questo modo potrai:

  • fare trading su un’ampia gamma di asset, azionari e non solo
  • sfruttare una leva fino a 10:1 per le proprie operazioni
  • usare diverse piattaforme di investimento
  • fare trading anche fuori casa o ufficio con le app per iOS e Android
  • copiare i trader più esperti con il trading automatico di Mirror Trader
  • usare un conto demo per esercitarsi e proteggere il capitale
  • approfittare del servizio clienti multilingue durante gli orari di apertura del mercato.

Ricordiamo che l’apertura del conto è facile e gratuita. È sufficiente cliccare sul link sottostante e seguire le poche istruzioni a video. Buon trading!

>>> Clicca qui per aprire un conto di trading gratis sul sito ufficiale Avatrade! <<<

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

Inizia a fare trade con Avatrade X