Stati Uniti, OPEC aumenta prospettive approvvigionamenti petroliferi degli USA

petrolio

L'OPEC ha incrementato le prospettive sugli approvvigionamenti di greggio degli USA.

CONDIVIDI

Un aumento costante della produzione di petrolio negli Stati Uniti segnerà il passo nel corso dei prossimi cinque anni, ha dichiarato qualche giorno fa l'OPEC, prevedendo che la domanda per il greggio del gruppo dei principali Paesi produttori diminuirà nonostante il crescente appetito per l'energia, alimentata dall'espansione economica globale.

“Il calo della domanda di greggio OPEC è il risultato di una forte fornitura non OPEC nel periodo 2017-2023, in particolare del petrolio americano", ha dichiarato l'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio nelle sue prospettive petrolifere mondiali a lungo termine.

“Gli Stati Uniti sono di gran lunga la fonte più importante di crescita dell'offerta a medio termine, contribuendo a due terzi della nuova fornitura, sospinta dal forte aumento della produzione di petrolio", ha affermato. Gli Stati Uniti hanno spinto la produzione di petrolio a livelli record negli ultimi anni sulla scia di una rivoluzione dello shale che ha permesso alle nuove tecnologie di sbloccare riserve precedentemente considerate antieconomiche.

Anche il Venezuela e l'Iran – nelle mire delle sanzioni a stelle e strisce - hanno contribuito a spingere i prezzi del petrolio al massimo dal 2014 a circa $ 80 al barile, incoraggiando inoltre i produttori statunitensi a incrementare la produzione. Tuttavia, i prezzi elevati della benzina per i consumatori statunitensi potrebbero creare un grattacapo politico per il presidente Donald Trump, che giovedì ha chiamato di nuovo in causa l'OPEC per aumentare l'offerta e, dunque, creare pressioni al ribasso nel greggio.

Dal canto suo, l'OPEC ha dichiarato di aver rivisto le sue prospettive di crescita per il greggio non OPEC al 2023, e si attende ora un aumento di crescita di 4 milioni di barili rispetto a quanto avvenuto nel corso dello scorso anno. OPEC ha anche precisato che l’area non OPEC dovrebbe produrre 66,1 milioni di barili di petrolio nel 2023, rispetto ai 57,5 â??â??milioni di barili nel 2017.

Gli Stati Uniti aumenteranno la produzione di petrolio a 13,4 milioni di barili nel 2023 da 7,4 milioni di barili nel 2017, con una produzione totale di Stati Uniti che raggiungerà così i 20 milioni di barili al giorno, ha detto il dossier OPEC. Se ciò fosse vero, renderebbe gli Stati Uniti, una volta il più grande importatore di greggio, una nazione autosufficiente sul fronte petrolifero.

A seguito di questi cambiamenti, la domanda di greggio OPEC si è ridotta a 31,6 milioni di barili nel 2023 da 32,6 milioni nel 2017. Nel suo dossier sul 2017, infine, l'OPEC ha dichiarato di attendersi che la domanda per il suo greggio fosse di circa 33 milioni di barili al giorno fino alla metà del 2020. Successivamente, la domanda dovrebbe aumentare costantemente, raggiungendo quasi i 40 milioni di barili al giorno entro il 2040.

Infine, l'OPEC ha alzato le sue previsioni per la crescita della domanda globale di petrolio. Ora il consumo di petrolio del 2020 dovrebbe raggiungere i 101,9 milioni di barili al giorno, in aumento di 1,2 milioni di barili rispetto alla relazione dell'anno scorso. La domanda di petrolio a più lungo termine dovrebbe aumentare di 14,5 milioni di barili al giorno per raggiungere 111,7 milioni di barili al 2040, con un livello un po’ più alto rispetto alle previsioni dell'anno scorso. A lungo termine, l'OPEC spera ancora di mantenere una quota costante nel bilancio mondiale della fornitura di petrolio, grazie alle abbondanti riserve a basso costo di estrazione, e ha affermato che la domanda per il suo greggio aumenterebbe di 7,3 milioni di barili al 2040.

“La quota di greggio OPEC nella fornitura globale di petrolio dovrebbe aumentare dal 34% nel 2017 al 36% entro il 2040”, ha infine dichiarato l’Organizzazione.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro