Elezioni Brasile, quali scenari dopo la vittoria di Bolsonaro

bolsonaro

T.Rowe Price traccia alcuni possibili scenari in Brasile dopo la vittoria di Bolsonaro.

CONDIVIDI

Le elezioni brasiliane si sono conclude con l’esito più previsto: il candidato del Partito Social Liberale Jair Bolsonaro ha vinto il secondo turno delle presidenziali con il 55% dei voti, superando il candidato del Partito dei Lavoratori, Fernando Haddad.

A questo punto, ci si domanda quali potrebbero essere le conseguenze per i mercati finanziari, ben sapendo che l’agenda economica del neopresidente sembra essere molto favorevole per loro, con tagli fiscali, semplificazioni burocratiche, privatizzazioni di aziende statali, riforma delle pensioni.

Naturalmente, non è affatto detto che i mercati reagiranno con particolare impulso positivo (anche perché, in fin dei conti, l’esito di questa tornata elettorale era sostanzialmente già scontato): molto dipenderà, come sottolinea in un recente commento Verena Wachnitz, gestore del fondo T. Rowe Price Latin American Equity, dal modo con cui Bolsonaro riuscirà effettivamente a far approvare le riforme, e non tanto dalle sue buone intenzioni.

Guai, in tal senso, a pensare che Bolsonaro avrà vita facile. Il neo presidente ha infatti solamente il 10% dei seggi nella Camera dei Deputati e il 5% al Senato. Per poter ottenere un risultato positivo, il neo presidente dovrà pertanto attirare a sé i partiti brasiliani di centro, che sebbene abbiano già lasciato intendere di essere disponibili a lavorare con il governo, intuibilmente vorranno anche qualche concessione da parte di Bolsonaro.

Ci sono, comunque, anche delle buone e incoraggianti notizie per Bolsonaro. Non bisogna infatti dimenticare, ad esempio, che l’amministrazione uscente guidata da Temer si è già portata molto avanti in termini di riforme, revisionando il mercato del lavoro, eliminando alcuni benefici fiscali, riformando la spesa e le società a proprietà statali.

Se la crescita economica dovesse migliorare proprio grazie agli interventi di Bolsonaro, tutto ciò – unitamente alla bassa inflazione e ai bassi tassi di interesse – potrebbe determinare un contesto positivo per la crescita degli utili, soprattutto per quelle società che risultano essere esposte a livello domestico nei settori finanziari e in quello dei consumi. Le valutazioni rimangono ancora attraenti rispetto alle medie storie di lungo termine, con gli utili che sono ancora ciclicamente ridotti, determinando così uno scenario positivo per i titoli azionari.

Come sottolinea ancora T. Rowe Price, la mancanza di una riforma delle pensioni entro la fine del prossimo anno, e un forte calo della crescita economica cinese o una recessione globale, rappresentano i principali rischi per il mercato brasiliano.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro