eToro

Seconda ondata coronavirus, quali impatti sull’economia asiatica?

cina

Morgan Stanley è fiducioso sulle capacità di risposta a una potenziale seconda ondata virulenta.

Il recente incremento del numero di nuovi casi di coronavirus a Pechino ha fatto nuovamente alzare l’asticella dell’attenzione sulla possibile secondo ondata del COVID-19. In tal caso, quali sarebbero gli impatti sull’economia asiatica?




✅ Conosci il social trading di eToro? Con la funzione CopyTrader™ puoi investire copiando in automatico le strategie dei migliori trader del mondo! — Oggi puoi avere un conto Demo GRATUITO con 100.000€ di credito virtuale >>

Secondo quanto afferma Morgan Stanley, in realtà un'altra ondata di epidemia di coronavirus in Asia non sarà così dannosa dal punto di vista economico come la prima, anche se è evidente che alcuni Paesi come la Cina e la Corea del Sud abbiano recentemente sperimentato un aumento del numero di casi.

Le preoccupazioni che una seconda ondata di infezioni possa far deragliare ancora una volta l'economia globale sono aumentate negli ultimi mesi proprio in virtù del fatto che un crescente numero di Paesi sta allentando le restrizioni imposte per contenere l'epidemia di coronavirus, dando di fatto un sostanziale via libera alla circolazione potenziale del virus. Considerato che il primo ciclo di misure di blocco, che ha interrotto gran parte dell'attività economica globale, ha mandato le economie in recessione, ci si domanda quali potrebbero essere gli effetti della seconda ondata.

Ebbene, Ma Deyi Tan, di Morgan Stanley, ha detto che se ci sarà una seconda ondata, sarà probabilmente più gestibile, dato che i responsabili politici hanno imparato ad amministrare tali situazioni.

"Un doppio crollo non è nel nostro scenario di base, ma riconosciamo che con la riapertura delle economie, ogni giorno aumenteranno nuovi casi", ha detto mercoledì Tan alla CNBC “Quindi, a questo punto, non ci aspettiamo che una seconda ondata provochi una doppia caduta dell'economia globale, o delle economie asiatiche”.

Tan ha anche osservato che diverse economie asiatiche - come la Corea del Sud, Taiwan e Hong Kong - hanno iniziato ad allentare le restrizioni dalla fine di aprile. Da allora, alcuni hanno segnalato un aumento di nuovi casi giornalieri, "ma nel più grande schema delle cose, la tendenza è ancora relativamente gestibile rispetto a quanto abbiamo visto prima", ha aggiunto.

In Asia, la scorsa settimana la capitale della Cina, Pechino, ha segnalato il suo primo caso di trasmissione interna della malattia del coronavirus in più di 50 giorni. In Corea del Sud, anche la capitale Seoul ha riferito di recenti focolai di infezioni.

Nonostante la recrudescenza dei casi, l'Asia - escluso il Giappone - dovrebbe riprendersi più rapidamente di altre regioni, con la Cina in testa, secondo un report di Morgan Stanley scritto da economisti tra cui Tan. "Ciò è così data la risposta istituzionale più efficace in economie come Cina, Taiwan, Corea e Hong Kong, dove Covid-19 ha preso il controllo in precedenza, e in alcuni casi, senza nemmeno dover ricorrere a misure di blocco", si legge nel report pubblicato domenica.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

Inizia a fare trade con Avatrade X