Toyota investe 35 miliardi di dollari nei veicoli elettrici ma forse è troppo tardi

Toyota, la più grande casa automobilistica del mondo, sta cercando di recuperare il passo dei concorrenti per quanto riguarda i veicoli elettrici, coprendo in questo modo le polemiche di chi ritiene che il colosso nipponico si sia svegliato male e tardi nei confronti della mobilità green. Ma che cosa è accaduto?

Un tempo non troppo lontano Toyota era considerata un pioniere dei veicoli ecologici. Sia sufficiente ricordare che nel 1997 introdusse sul mercato la Prius, il veicolo ibrido più diffuso al mondo, che combinava un motore a benzina con un motore elettrico e una piccola batteria. In questo modo gli automobilisti potevano aumentare drasticamente il risparmio di carburante rispetto alle tradizionali auto con motore a combustione interna.

La nuova tecnologia si rivelò un successo di vendite: Toyota decise allora di offrire versioni ibride di gran parte della sua gamma, fino a vendere 20 milioni di auto, camion e SUV ibridi in tutto il mondo, e 5,4 milioni solo negli Stati Uniti.

Nel frattempo, però, altre case automobilistiche, spinte da normative governative sempre più stringenti e dal successo di nuovi arrivati come Tesla, hanno iniziato a investire in veicoli completamente elettrici in maniera più intensa.

Per molto tempo, i manager di Toyota hanno sostenuto che i veicoli elettrici a batteria presentassero problemi ingegneristici fondamentali: richiedono tempi di ricarica lunghi, batterie pesanti e costose e un’autonomia ancora limitata.

Secondo gli analisti dell’industria automobilistica, però, queste critiche sono oggi meno valide, visti i recenti miglioramenti nella tecnologia delle batterie. E, cosa ancora più importante, le aziende hanno trovato una forte motivazione commerciale per i veicoli elettrici, tanto che oggi Tesla è il principale marchio di lusso in alcuni mercati chiave come gli Stati Uniti.

Insomma, il nuovo investimento di 35 miliardi di dollari di Toyota, che prevede l’introduzione di 30 modelli elettrici entro il 2030, potrebbe essere tardivo.

È pur vero che non tutti sembrano pensarla così. Per esempio, la società di ricerca Gartner rammenta come i motori a benzina rappresenteranno ancora circa il 50% delle vendite all’inizio del 2030 e come dunque un posizionamento di rilievo in questo comparto a combustione tradizionale potrebbe essere proficuo per la compagnia giapponese.

Come investire in azioni Toyota

In attesa di comprendere chi avrà ragione, ricordiamo ai nostri lettori che desiderano fare trading online sulle azioni Toyota che il miglior modo è certamente il ricorso a una piattaforma professionale e regolamentata come quella di Avatrade (qui ne abbiamo parlato nella nostra recensione).

In questo modo potrai:

  • fare trading online su un’ampia gamma di asset, azionari e non solo
  • sfruttare una leva finanziaria fino a 10:1 per le tue operazioni
  • usare diverse piattaforme di investimento trovando volta per volta la tua preferita
  • fare trading anche fuori casa o ufficio con le app per iOS e Android
  • copiare i trader più esperti con il trading automatico di Mirror Trader
  • usare un conto demo per esercitarsi e proteggere il capitale
  • approfittare del servizio clienti multilingue durante gli orari di apertura del mercato.

Ricordiamo che l’apertura del conto è facile e gratuita. È sufficiente cliccare sul link sottostante e seguire le poche istruzioni a video. Buon trading!

>>> Clicca qui per aprire un conto di trading gratis sul sito ufficiale Avatrade!

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Migliori Broker Trading

Deposito minimo 50$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100€
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Le ultime news su Mercati Emergenti

Copia dai migliori traders

Trading senza commissioni

Trading senza commissioni

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.