eToro

Nuove restrizioni Covid influenzeranno i mercati europei?

Nuove restrizioni Covid influenzeranno i mercati europei?
© Shutterstock

I paesi europei alle prese con la quarta ondata del Covid. Restrizioni in alcuni casi dure potrebbero mettere a dura prova il tentativo di ripresa dell'economia

L’economia europea è in ripresa. Anzi, in fase espansiva, per usare le parole di Paolo Gentiloni, commissario Ue per l’economia. Ma lo scenario potrebbe cambiare, e in tempi rapidi, a causa delle nuove restrizioni decise da molti governi nel tentativo di contenere la quarta ondata della pandemia di covid19. 




✅ Conosci il social trading di eToro? Con la funzione CopyTrader™ puoi investire copiando in automatico le strategie dei migliori trader del mondo! — Oggi puoi avere un conto Demo GRATUITO con 100.000€ di credito virtuale >>

I Governi europei, infatti, proprio negli ultimi giorni, hanno messo in campo nuove regole severe, in base ai dati dei contagi. Tale decisione, di fatto, rimette in discussione tutte le previsioni che erano state elaborate fino ad oggi. Considerando l'inevitabile peggioramento delle prospettive è più che legittimo chiedersi come reagiranno i mercati a seguito della stretta

Dalla risposta a questo interrogativo dipende la strategia trading da seguire nei prossimi mesi. A tal proposito ricordiamo che per investire in borsa riducendo il margine di rischio è sufficiente fare pratica con un conto demo prima di passare ai soldi reali. Un broker che consente di fare trading online in modo simulato è eToro (qui la recensione completa). Attivando un account dimostrativo con eToro è possibile avere subito la demo gratuita da 100 mila euro virtuali per esercitarsi.

Inizia a fare trading in modalità demo con eToro>>>subito per te 100 mila euro virtuali per fare pratica senza rischi

Le previsioni per l’autunno

Nella presentazione di giovedì 11 novembre 2021, Gentiloni ha illustrato i dati in merito alle previsioni economiche autunnali. Il tasso di crescita è previsto nel 5 per cento per l’anno in corso, mente per il 2022 si attesa sul 4,3 per cento e nel 2023 sul 2,5 per cento. Anche i livelli di occupazioni sono previsti in crescita.

Ma in questa visione abbastanza ottimistica, restano grandi incertezze. L’inflazione, per esempio, che negli Usa ha raggiunto i massimi storici dal 1990. Il costo della materie prime e del comparto energetico, che da inizio 2021 sta correndo verso l’alto in un modo che appare difficile da controllare.

E poi l’emergenza sanitaria, con l’epidemia di covid che è alla sua quarta ondata. 

Le nuove restrizioni

Proprio la metà di novembre ha visto risorgere la questione emergenza sanitaria in Europa. L’aumento dei contagi ha spinto i Governi a mettere in atto nuove restrizioni, accolte con non poche polemiche dai cittadini e preoccupazioni dai mercati.

Mentre in Germania sembra che debba scendere l’esercito a sostenere il sistema sanitario e in Austria è iniziato un lockdown restrittivo per chi ha deciso di non sottoporsi alla vaccinazione, in Italia continuano le proteste per l’introduzione del Green Pass.

Una situazione preoccupante sotto diversi punti di vista. L’incertezza del futuro, l’impossibilità di previsioni e investimenti anche solo a medio termine per le aziende, influiranno sicuramente sui consumi e di conseguenza sui mercati; e non in maniera positiva.

Ancora una volta, quindi, i mercati europei sono alle prese con nuove variabili che potrebbero rendere estremamente volatili le borse. Operativamente, una situazione di questo tipo può essere sfruttata per investire attraverso i CFD. Fondamentale, però, è utilizzare broker online legali e sicuri. Proprio il citato eToro può essere molto utile poichè mette a disposizione la demo gratis per imparare a fare trading online. Con eToro, inoltre, non ci sono commissioni su azioni e indici

Con eToro puoi fare trading sulle azioni senza commissioni>>>clicca qui per attivare la demo gratuita

Next Generation Eu, quale impatto può avere? 

Next Generation EU è il programma straordinario di rilancio dell’economia, inserito nel bilancio su base settennale 2021-2027, ideato dall’Europa proprio per far fronte alla crisi economica. Un programma da quasi 800 miliardi di euro, 209 miliardi dei quali (pari al 27,8 per cento dell’intero importo) sono andati all’Italia.

Obiettivo di questo strumento, ovviamente, è il rilancio del lavoro e del tasso di occupazione, il sostegno alle imprese e alle singole economie dei vari Paesi. Ma ora, la nuova stretta dei Governi potrebbe limitare molto l’impatto positivo di questa manovra.

Proprio perchè la posta in gioco è molto alta, numerosi analisti sono convinti che per quanto sia possibile un ulteriore incremento delle restrizioni per contenere la quarta ondata di covid19, non ci potrà mai essere una stretta come quella degli anni passati. L'economia europea non può davvero permettersi un'ipotesi simile. 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

Inizia a fare trade con Avatrade X