Borsa di Mosca ha riaperto: si può tornare ad investire? E conviene farlo?

Borsa di Mosca ha riaperto: si può tornare ad investire? E conviene farlo?
© iStockPhoto

La borsa di Mosca torna alle contrattazioni ma con una serie di paletti molto rigidi. Vediamo quali sono e quale strategia adottare

La borsa di Mosca ha riaperto dopo un lungo stop deciso dalle autorità finanziarie russe. Il ritorno alle contrattazioni non significa, però ritorno alla normalità. Poichè il rischio che una tempesta finanziaria possa abbattarsi sul mercato russo è sempre molto alto, le stessa autorità hanno stabilito una serie di limiti il cui obiettivo è essenzialmente quello di tenere tutto sottocontrollo anche nel caso in cui la situazione dovesse nuovamente precipitare (scenario molto probabile se i colloqui tra russi ed ucrani non dovessero portare a nulla di concreto). 

La presenza di limiti ci induce a fare la prima osserverazione in merito alla riapertura della borsa di Mosca. Solo apparentemente è tutto tornato alla situazione in essere prima dello scoppio della guerra e l'introduzione delle sanzioni occidentali contro la Russia. In realtà non solo le vendite allo scoperto non sono permesse (e, fin qui, nulla di eccezionale visto che anche Borsa Italiana ha spesso adottato questo provvedimento in fasi caratterizzate da alta tensione e da alta tendenza speculativa) ma le autorità hanno anche stabilito che gli azionisti non possono vendere i titoli in loro possesso almeno fino all'1 aprile. Per finire (terza limitazione), nel caso in cui il MOEX russo si dovesse muovere per un livello più alto del 15 per cento, scatterebbe in automatico la sospensione degli scambi. 

Questa la situazione in essere. Vediamo adesso di chiarire due altre questioni su cui sicuramente gli investitori si stanno interrogando in questi minuti: 

  • la borsa di Mosca ha riaperto ma è possibile investire?
  • teoricanente (a prescindere dal fatto che sia possibile o meno) conviene investire?

Si può investire sulla borsa di Mosca?

Se una borsa è aperta va da sè che si possa operare. E' questo che suggerisce la logica. In reatà le cose non stanno affatto così perchè sono in atto le sanzioni occidentali. Inoltre la Russia non figura più negli indici globali di Ftse e Msci essendo stata declassata a stand alone market. Insomma, per farla breve, essendo tutto bloccato non è possibile comprare azioni russe. Per rispondere quindi alla domanda nonostante la riapertura della borsa di Mosca (con forti limiti) non si può investire. 

Conviene investire sulla borsa di Mosca? 

Ammettendo che fosse possibile farlo (ma, come visto nel precedente paragrafo, non lo è) conviene investire sulla borsa di Mosca? Prima dello scoppio della guerra e della conseguente introduzione delle sanzioni occidentali, la Russia nell’indice MSCI ACWI IT pesava per una quota dello 0.38 per cento. E' da questa percentuale (superata visto che su MSCI ora la Russia non c'è più) che sarebbe necessario partire per comprendere quale possa essere l'esposizione ottimale sul mercato azionario russo. Ebbene se fosse possibile (ma non lo è), il peso dei titoli russi in portafoglio non dovrebebe avere un peso complessivo superiore allo 0,5%. 

Oltre al peso complessivo dovrebbe essere tenuta in considerazione anche la questione settoriale. In quali comparti l'economia russa è più forte? Quale potrebbe essere il futuro energetico del mondo? Sono queste domande alle quali un investitore interessato ad investire sulla borsa russa (quando ciò sarà possibile) dovrebbe per forza porsi. 

Attenzione perchè non è affatto detto che, anche nel momento fosse possibile investire sulla borsa di Mosca, non si corrano dei rischi molto alti a farlo. Anche negli anni a venire, infatti, ci sono tutta una serie di elementi di cui tenere conto prima di iniziare ad operare. Infatti non è da escludere che possa esserci una nuova svalutazione del rublo, nuove sanzioni, asimmetrie informative di un certo rilievo. La Russia, inoltre, è avviata ad essere un mercato del tutto autarchico e non è quindi escluso che possano esserci altre nazionalizzazioni.

A livello globale, inoltre, va tenuto conto che, l'attacco all'Ucraina, ha comunque creato un solco profondo tra quello che c'era prima e quello che c'è ora. La vecchia globalizzazione è finita e i blocchi sono tornati. Insomma, anche in futuro, investire in Russia resta una scelta molto rischiosa anche se si dovesse arrivare alla pace totale con l'Ucraina. 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

Inizia a fare trade con Avatrade X