Stando alle dichiarazioni di un alto dirigente del colosso automobilistico francese Renault, il motore a combustione interna continuerà a svolgere un ruolo cruciale nei prossimi anni. E così, martedì, il Gruppo Renault e l’azienda cinese Geely hanno firmato un accordo quadro non vincolante per la creazione di una società incentrata sullo sviluppo, la produzione e la fornitura di “propulsori ibridi e di propulsori ICE (motore a combustione interna) ad alta efficienza”.

Secondo quanto affermato da Renault, sia il marchio transalpino che Geely avranno una partecipazione del 50% nell’azienda, che consisterà in 17 impianti di propulsione e 5 centri di ricerca e sviluppo.

A nostro avviso, e in base a tutti gli studi di cui disponiamo, non esiste uno scenario in cui i motori ICE e ibridi rappresentino meno del 40% del mercato con un orizzonte al 2040“, ha affermato il direttore finanziario di Renault Thierry Pieton. “Quindi è effettivamente… un mercato che continuerà a crescere”.

Ad ogni modo, la forte connessione con Geely arriva mentre Renault sta mettendo a punto i piani per la creazione di uno spin-off di veicoli elettrici chiamato Ampere. Secondo il brand, Ampere “svilupperà, produrrà e venderà autovetture completamente elettriche“. L’azienda punta a un’offerta pubblica iniziale all’Euronext di Parigi, che dovrebbe avvenire non prima della seconda metà del 2023, a seconda delle condizioni del mercato.

Durante una recente intervista Pieton ha dunque parlato della necessità, a suo avviso, di diversi tipi di veicoli. “È molto importante avere, allo stesso tempo, lo sviluppo del nostro business dei veicoli elettrici da un lato – con Ampere – e costruire una fonte sostenibile di motori ICE e ibridi”.

Sorprende, almeno in parte, il fatto che la continua attenzione di Renault per il motore a combustione interna arrivi in un momento in cui alcune grandi economie stanno cercando di abbandonare i veicoli che utilizzano combustibili fossili.

Il Regno Unito, ad esempio, vuole fermare la vendita di nuove auto e furgoni diesel e a benzina entro il 2030. A partire dal 2035, richiederà che tutte le nuove auto e i nuovi furgoni abbiano emissioni di scarico pari a zero. L’Unione Europea, da cui il Regno Unito è uscito il 31 gennaio 2020, sta perseguendo obiettivi simili mentre negli Stati Uniti, la California sta vietando la vendita di nuovi veicoli a benzina a partire dal 2035.

Come investire in azioni Renault

Ricordiamo a tutti i nostri lettori che desiderano fare trading online sulle azioni Renault che il miglior modo è quello di utilizzare una piattaforma professionale in cui tale asset è disponibile, come quella di Avatrade (qui la nostra recensione).

In questo modo potrai:

  • fare trading su un’ampia gamma di asset, azionari e non solo
  • sfruttare una leva fino a 10:1 per le proprie operazioni
  • usare diverse piattaforme di investimento
  • fare trading anche fuori casa o ufficio con le app per iOS e Android
  • copiare i trader più esperti con il trading automatico di Mirror Trader
  • usare un conto demo per esercitarsi e proteggere il capitale
  • approfittare del servizio clienti multilingue durante gli orari di apertura del mercato.

Ricordiamo che l’apertura del conto è facile e gratuita. È sufficiente cliccare sul link sottostante e seguire le poche istruzioni a video. Buon trading!

>>> Clicca qui per aprire un conto di trading gratis sul sito ufficiale Avatrade!

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.