Euronext Tech Leaders

La Banca centrale ha iniziato a studiare la fattibilità di un euro digitale già nell’ottobre 2021. Entro la fine dell’anno, a quasi due anni di distanza dall’avvio di quei lavori, i capi di Stato dell’UE dovranno quindi decidere se la BCE debba procedere con le fasi successive, che comprendono la verifica delle disposizioni tecniche necessarie affinché gli europei possano spendere euro digitali. Insomma, lentamente il vecchio Continente sta convergendo verso un euro digitale ma, in fin dei conti, è errato pensare che possano esserci novità importanti nel breve termine.

Come sottolineavano gli analisti della banca tedesca LBBW, la BCE è piuttosto combattuta. Da una parte teme che senza un euro digitale la zona euro finisca con l’essere geopoliticamente ed economicamente schiacciata tra le grandi aziende tecnologiche degli Stati Uniti e i sistemi di pagamento della Cina. Dall’altra parte teme di compiere un passo falso errato, che avrebbe ripercussioni catastrofiche sul sistema monetario continentale.

Money euro

Di tutto ciò, sebbene in modo meno aperto di quanto abbiamo riassunto nelle scorse righe, ha peraltro già parlato il Presidente della BCE Christine Lagarde, che ha ammesso che “l’ingresso delle grandi aziende tecnologiche nel settore dei pagamenti potrebbe aumentare il rischio di dominio del mercato e di dipendenza da tecnologie di pagamento straniere, con conseguenze per l’autonomia strategica dell’Europa (…) Già oggi più di due terzi delle transazioni di pagamento con carta in Europa sono gestite da società con sede al di fuori dell’Unione Europea”.

Riconosciuto il problema, bisogna solo trovare una soluzione efficace. Soluzione che, sebbene lontana, si sta lentamente profilando all’orizzonte, spinta anche da ciò che è avvenuto con la pandemia di Covid-19 e poi di nuovo con l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.

L’importanza di preservare la sovranità geopolitica è aumentata nei recenti discorsi e pubblicazioni della BCE a favore di un euro digitale. Questo ha certamente a che fare con lo scoppio della guerra in Ucraina e con le crescenti tensioni geopolitiche globali”, hanno ricordato ancora gli analisti della banca. E così, non stupisce che a novembre 2022 la Lagarde avesse dichiarato come l’euro digitale fosse “un progetto europeo comune” e che “servirebbe essenzialmente a obiettivi di politica pubblica più ampi, come il rafforzamento dell’autonomia strategica dell’Europa”.

documenti e libri in materia fiscale con penne e calcolatrice

Ad ogni modo, è anche evidente che c’è di più. La BCE non può infatti rimanere indifferente al fatto che il mercato sta alimentando una crescente domanda di asset criptovalutari e al fatto che molte altre banche centrali stanno valutando lo sviluppo di una valuta digitale. Di qui, il rischio che la BCE si trovi in una condizione di irrimediabile ritardo.

Come investire in criptovalute oggi: meglio scegliere un broker

In attesa che le mosse della BCE si facciano più chiare, gli investitori retail che desiderano investire in criptovalute possono farlo attingendo al ricco di ventaglio di soluzioni, da Bitcoin a Ethereum. Ma come?

Come tutti i nostri lettori più attenti ben sapranno, per investire in criptovalute nel 2023 il miglior modo è certamente quello di utilizzare la piattaforma professionale e regolamentata di un broker online.

In questo modo sarà possibile entrare sui mercati finanziari come quelli criptovalutari aprendo e chiudendo posizioni con grande facilità, in maniera diretta o tramite l’utilizzo di strumenti finanziari derivati come i CFD, i contratti per differenza.

Tra i diversi broker che puoi utilizzare sul mercato italiano per investire in criptovalute nel 2023 ti consigliamo di utilizzare Avatrade (qui la nostra recensione), un vero e proprio numero uno per quanto concerne gli investimenti finanziari online.

Se poi non ritieni di essere sufficientemente a tuo agio con gli investimenti criptovalutari e vuoi capire come funziona prima di impegnarti con i tuoi capitali, ti ricordiamo che Avatrade ti permetterà di aprire un conto demo: l’operazione è rapida e intuitiva, e ti permetterà di testare la piattaforma del broker e il funzionamento del trading online senza alcun pericolo, considerato che ad essere utilizzato sarà il plafond di denaro virtuale che ti sarà regalato dal broker!

>>> Clicca qui per aprire un conto demo con Avatrade (sito ufficiale) <<<

E tu che ne pensi? L’Europa avrà presto un suo euro digitale?

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.