IPO De Cecco a fine 2018 su Borsa Italiana ma prima la governance sarà trasformata

IPO De Cecco a fine 2018 su Borsa Italiana ma prima la governance sarà trasformata

La quotazione di De Cecco su Borsa Italiana dovrebbe avvenire tra fine 2018 e inizio 2019

CONDIVIDI

Della quotazione di De Cecco sui listini di Borsa Italiana si parla non da un anno ma da ben 10 anni. L'azienda pastaia non è quindi nuova ad indiscrezioni di ogni tipo sulla sua IPO. Fino ad oggi tutte le anticipazioni sull'IPO di De Cecco sono  però state smentite dai fatti. Le nuove voci di corridoio sulla quotazione di De Cecco su Borsa Italiana, però, aggiungono qualcosa di nuovo e più solido rispetto al passato. Per la prima volta, infatti, è stata indicata una timelime. Ad analizzare l'ipotesi IPO De Cecco è stato un approfondimento apparso sul supplemento Affari & Finanza de La Repubblica. Secondo questo approfondimento la quotazione di De Cecco non sarebbe più un'ipotesi tanto fumosa quanto remota ma sarebbe invece una contreta pista da seguire. L'artiolo afferma che l'IPO di De Cecco possa esserci tra la fine del 2018 e l'inizio del 2019. Massimo un anno, quindi, e la quotazione De Cecco su Borsa Italiana sarà cosa fatta.  Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption

I tempi lunghi non sarebbe casuali. Del resto se si parla di una possibile quotazione di De Cecco a Piazza Affari da ben 10 anni è perchè evidentemente ci sono degli ostacoli che vanno superati. L'articolo di Affari & Finanza de La Repubblica ha il merito di fare luce anche su questa questione. Secondo l'approfondimento ci sono meccanismi di governance storici che devono essere rivisti e trasformati prima dell'avvio dell'operazione finalizzata alla quotazione sul MTA organizzato e gestito di Borsa Italiana. In particolare, fino ad oggi, è valsa la regola dell'unanimità nei processi decisionali. Nella nuova De Cecco, invece, si dovrà passare dal classica meccanismo decisorio a maggioranza. La regola dell'unanimità, infatti, potrebbe essere un boomerang per la società. Ma non si tratta solo di questo. Sempre secondo Affari & Finanza de La Repubblica il modello di governance attuale, basato su ben tre amministratori delegati, tutti e tre espressione della famiglia a capo dell'azienda, dovrebbe cedere il passo ad un nuovo modello che vede un solo amministratore delegato esterno. Insomma la governance stessa di De Cecco richiede un adeguamento prima dell'avvio dell'operazione finalizzata alla quotazione su Borsa Italiana. E' probabile che nei prossimi mesi possano esserci novità proprio sulla struttura di De Cecco. 

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro