Utili trimestrali Intesa Sanpaolo in calo, azioni negative dopo la trimestrale

Come sono andati i conti del primo trimestre 2019 di Intesa Sanpaolo? Stando alla reazione degli investitori, i risultati trimestrali della banca guidata da Messina non sembrerebbero essere stati particolarmente brillanti. Il prezzo delle azioni Intesa Sanpaolo sul Ftse Mib registra infatti una flessione dell’1,11 per cento che si raffronta con la variazione positiva che aveva caratterizzato il titolo nella fase precedente alla pubblicazione della trimestrale. Dopo i conti trimestrali di Intesa Sanpaolo, quindi, il titolo è passato in rosso scivolando a 2,26 euro (in questo articolo le previsioni sulla trimestrale Intesa Sanpaolo).

La tendenza a vendere azioni Intesa Sanpaolo potrebbe essere il risultato del calo dei proventi e degli utili che la banca ha registrato alla fine del primo trimestre 2019. Intesa Sanpaolo ha infatti archiviato i primi tre mesi dell’anno con proventi operativi netti pari a 4,39 miliardi di euro, in flessione dell’8,8 per cento rispetto ai 4,81 miliardi messi a segno un anno fa e un risultato netto consolidato che è stato pari a 1,05 miliardi di euro, al di sotto degli 1,25 miliardi del primo trimestre 2018. Per quello che riguarda gli altri parametri della trimestrale Intesa Sanpaolo, il risultato della gestione operativa della banca è ammontato a 2,2 miliardi di euro in calo del 3,4 per cento nel confronto con i 2,31 miliardi di euro messi a segno nel primo trimestre 2018 mentre la voce cost/income ratio vale a dire il parametro legato al rapporto tra uscite ed entrate, si è attestato alla fine del primo trimestre 2019 al 50,2 per cento. Questo valore si raffronta con il 61 per cento del quarto trimestre 2018 e con il 48 per cento del primo trimestre 2018.

Per quello che riguarda il patrimonio, alla fine del mese di febbraio Intesa Sanpaolo ha evidenziato i seguenti ratio patrimoniali: Common Equity ratio al 13,1 per cento dal 13,5 per cento di fine 2018; Tier 1 ratio al 14,8 pe cento dal 15,2 per cento della fine dello scorso esercizio e coefficiente patrimoniale totale al 17,2 per cento dal 17,7 per cento di fine 2018. Per finire, la previsione di Common Tier 1 pro forma di Intesa Sanpaolo è stata pari al 13,5 per cento contro il precedente 13,6 per cento (dato di fine 2018).

Oltre ai conti del primo trimestre 2019, il consiglio di amministrazione di Intesa Sanpaolo ha anche approvato le stime sull’esercizio 2019 in corso. Il management della banca si attende un rialzo del risultato netto come effetto di una crescita dei ricavi su base annua. Intesa Sanpaolo punta ad ottenere anche una riduzione dei costi operativi e un ribasso del costo del rischio. In materie di dividendo Intesa Sanpaolo è previsto un payout ratio dell’80 per cento del risultato netto nell’esercizio 2019 (stacco nel 2020). 

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Borsa Italiana

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.