Delisting azioni Exor da Borsa Italiana: come fare per investire adesso?

titolo exor

La notizia ha fatto il giro del web movimentando l’estate di Borsa Italiana: la holding di controllo dell’ex galassia del Lingotto, Exor, sarà quotata solo sul listino della borsa di Amsterdam. Ciò significa che le azioni Exor verranno invece delistate da Piazza Affari. Un’altra big di primissimo piano, quindi, abbandonerà definitivamente la borsa di Milano confermando così quella che è una tendenza ben precisa da tempo in atto che vede il mercato azionario italiano diventare sempre più periferico. In effetti quasi non si contano i titoli di primo piano che hanno lasciato il Ftse Mib negli ultimi anni.

Ma concentriamoci solo sul delisting di Exor. Perchè il consiglio di amministrazione della holding ha adottato questa decisione? Cosa succederà adesso per l’investitore retail? Ci sarà sempre un modo per fare trading online sulle azioni Exor oppure il fatto che il titolo, molto presto, non sarà più presente a Piazza Affari significa che non sarà più possibile investire se non ricorrendo a mezzi complessi (e magari costosi)?

Delisting Exor: le ragioni della decisione

In fin dei conti la decisione di delistare le azioni Exor da Pazza Affari era attesa e scontata. Solo una stampa abituata a recitare la parte patriottica, la mossa della holding è apparsa incomprensibile. In realtà, già da molto tempo, sono numerose le controllate di Exor ad essere quotate su listino della borsa di Amsterdam. Tra l’altro la stessa Exor ha da tempo la sua sede legale proprio in Olanda.

A deliberare il trasferimento della quotazione delle azioni ordinarie a Euronext Amsterdam è stato il consiglio di amministrazione della società guidata da John Elkann. Come messo in evidenza dallo stesso management, il trasferimento dei titoli consentirà a quella che è a tutti gli effetti la cassaforte degli Agnelli di allineare la Borsa di quotazione della società con la struttura legale di holding olandese.

Grazie a questa decisione, l’assetto organizzativo di Exor sarà molto semplificato rispetto alla complessità attuale. Exor sarà infatti soggetta alla vigilanza di un unico ente regolatore nazionale: la Ducth Authority for the Financial Markets (Afm). Attualmente, invece, essendo Exor quotata su Borsa Italiana, è in automatico soggetta anche al controllo della Consob (oltre che della AFM olandese avendo la holding sede legale nei Paesi Bassi).

Oltre ad aver dato il via libera al progetto di quotazione sui listini della borsa di Amsterdam e ad avere deliberato l’addio a Piazza Affari, il consiglio di amministrazione di Exor ha anche ribadito la seconda tranche del buy back da 250 milioni da eseguire su Euronext Amsterdam e Euronext Milano.

Delisting azioni Exor da Borsa Italiana: quando ci sarà?

L’addio delle azioni Exor da Borsa Italiana è assodato. La domanda che gli investitori oggi si pongono è quando verrà concretizzata questa operazione. Insomma a partire da quanto le azioni Exor saranno quotate sul listino della borsa di Amsterdam e invece spariranno dal Ftse Mib. Stando alle indicazioni fornite dalla stessa società i tempi sarebbero brevissimi: la quotazione su Euronext Amsterdam dovrebbe avere inizio verso la metà di agosto.

Il trasferimento è subordinato all’approvazione del prospetto di quotazione da parte dell’AFM e all’ammissione alla quotazione e alla negoziazione da parte di Euronext Amsterdam. Un passaggio che, comunque, dovrebbe essere del tutto formale.

Azioni Exor: come fare per investire dopo delisting da Piazza Affari?

Fino a quando non verrà ufficializzata la data del delisting di Exor da Borsa Italiana, il titolo potrà essere tranquillamente negoziato utilizzando i canali tradizionali. E successivamente, cosa accadrà? Sarà ancora possibile fare trading online sulle azioni Exor anche quando il titolo non sarà più quotato a Piazza Affari? La risposta è affermativa.

Scegliendo un broker come eToro per investire sui mercati globali, il fatto che Exor non sarà più quotata a Piazza Affari non sarà un problema. Praticamente non cambierà nulla perchè eToro permette di fare trading online su tantissime azioni quotate in tutto il mondo. Non solo ma con questo broker c’è anche un altro importante vantaggio ossia la possibilità di fare trading online sulle azioni a zero commissioni. In più il deposito minimo richiesto da questa piattaforma per iniziare ad operare è molto basso essendo pari a 50 dollari appena!

Con eToro puoi fare trading online sulle azioni a zero commissioni>>>clicca qui per iniziare

Quindi lato trader, il passaggio di Exor sul listino della borsa olandese è solo un’occasione di ulteriore visibilità da sfruttare per speculare sul titolo. Lato sistema Italia l’addio di Exor conferma la crisi del sistema finanziario del nostro paese. In fin dei conti ad andare via è un titolo che pesa per 16 miliardi nella capitalizzazione complessiva del mercato azionario italiano…

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Exor

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 78% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.