Dividendo Leonardo 2025: ecco le previsioni di BoFa. Azioni sempre da comprare?

Cosa attendersi dalle azioni Leonardo secondo BofA - BorsaInside

Azioni Leonardo sempre sulla cresta dell’onda. Il colosso della Difesa è fresco di presentazione del piano industriale e continua a tenere un andamento molto positivo sul Ftse Mib. Nella prima seduta della settimana le azioni Leonardo sono le più comprate con un rialzo dell’1,8 per cento a quota 22,76 euro. La nuova progressione consente a Leonardo di consolidare il suo rialzo su base mensile e su base annua. Rispetto ad un mese fa i prezzi sono più alti del 20 per cento mentre anno su anno la progressione è del 112 per cento.

Un numero simile ci fa intuire quanto possano aver guadagnato in termini di profitto coloro i quali ebbero la lungimiranza di mettere in portafoglio le azioni Leonardo quando un anno fa si compravano a poco più di 10,5 euro.

Un rialzo simile, però, potrebbe anche lasciar intendere una riduzione del margine di crescita del titolo. Insomma Leonardo è la classica quotata che è cresciuta tanto per poter continuare a salire ancora oppure possiede uno spazio per una ulteriore crescita?

Se andiamo a guardare alla valutazione che è stata recentemente redatta dagli analisti di Bank of America non si può che essere ottimisti. Per banca d’affari americana, infatti, le azioni Leonardo sono da comprare e anche il target price resta bello alto. Una buona notizia, quindi, per i trader rialzisti. Ma vediamo su cosa si poggia cotanto ottimismo espresso dagli esperti di BofA.

Insomma per quale motivo le azioni Leonardo sono da comprare?           

Comprare azioni Leonardo resta la valutazione di BofA

Gli analisti di BoFa non hanno avuto alcuna esitazione in occasione della Global Industrial Conference da loro stessi organizzata hanno confermato l’indicazione di acquisto sulle azioni Leonardo.

Per gli esperti Leonardo ha un rating buy e un target price a 23 euro. Il prezzo obiettivo implica un discreto potenziale di upside sul titolo che può essere sfruttato per impostare (o proseguire) strategie di tipo rialzista.

Nel loro report gli analisti Usa affermano che Leonardo avrà benefici dal programma di risparmio sui costi e nel medio termine dall’annunciata digitalizzazione e dall’impegno nel settore della cyber-security.

Secondo gli analisti di BofA è inoltre atteso un miglioramento importante del free cash flow a partire dal 2024. Questa dinamica potrebbe favorire anche un ritorno significativo a favore gli azionisti in un futuro.

Tali scenari lasciano intendere la possibilità di un rialzo della cedola. E di fatti a valore sull’esercizio 2025 il dividendo di Leonardo dovrebbe essere pari a 0,34 euro per azione. Per l’anno in corso (stacco previsto nel 2025) la remunerazione dovrebbe ammontare a 0,28 euro per azione in linea con il dato dell’anno scorso.

Per quello che riguarda gli altri target, gli analisti di BofA non nascondono il loro ottimismo. Per l’esercizio in corso gli esperti di attendono ricavi per complessivi 16,744 miliardi di euro con una progressione rispetto al fatturato di 15,29 miliardi dell’esercizio 2023. Per quello che riguarda gli altri parametri, invece, l’Ebitda dovrebbe salire da 1,899 a 2,084 miliardi e l’utile netto adjusted dovrebbe segnare una progressione da 748 a 827 milioni di euro.

Nel complesso le previsioni di Bank of America sui conti 2024 e sul dividendo 2025/2026 di Leonardo sono positive. A ciò si aggiunge anche la conferma della valutazione in essere con consiglio di comprare azioni Leonardo.

Chi volesse seguire questa indicazione può operare con una di queste piattaforme entrambe molto valide:

  • eToro: è il broker che consente di comprare azioni Leonardo reali e sempre dalla stessa piattaforma di fare trading al rialzo e al ribasso attraverso i CFD azionari operando con la leva finanziaria che amplifica la portata dell’investimento. Tra gli strumenti esclusivi di eToro c’è il copy trading con cui copiare le strategie seguire dai traders più bravi.
Unisciti alla community di eToro Etoro
Prova Demo Gratuita Sul sito di Etoro
  • Piattaforma N.1 al mondo per il Social Trading
  • ETF - CRYPTO - CFD
  • Licenza: CySEC - FCA - ASIC
  • Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
Avviso: il tuo capitale è a rischio
  • Fineco: dal nostro punto di vista è la banca italiana con la migliore piattaforma di trading. Fineco consente di comprare azioni reali Leonardo ma anche di fare trading con i CFD e i super CFD. Avendo la sede in Italia la banca opera come sostituto di imposta per i clienti che hanno la residenza in Italia.
La qualità del trading N.1 Fineco
SCOPRI DI PIÙ Sul sito di Fineco
  • 100% trading, senza compromessi
  • N.1 in Italia
  • Regime Fiscale Amministrato
  • 0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
Avviso: il tuo capitale è a rischio

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram

Migliori Piattaforme di Trading

Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
* Avviso di rischio
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.

Regolamentazione Trading
Non perdere le nostre notizie! Vuoi essere avvisat* quando pubblichiamo un nuovo articolo? No Sì, certo