L’Italia può puntare su una nuova stagione turistica per una vibrante ripresa economica?

Correva l’anno 2020 quando il mondo veniva travolto dalla pandemia da Covid 19. L’economia mondiale fu sconvolta da una crisi importante e molti settori hanno sofferto, alcuni più di altri, e tra questi c’è stato quello turistico. Dopo essere stati massacrati ora, con l’inizio del 2022, stanno cercando di risalire la china.

Il 2022 è l’anno della ripresa del turismo?

L’anno in corso è stato considerato foriero di speranze per vedere la luce in fondo al tunnel. Ci si aspettava un sostanzioso miglioramento nel settore turistico, ma alcune variabili hanno rallentato questa ipotesi. Anche se la pandemia si è evoluta e il virus pare essersi trasformato con nuove varianti, non sembra che non ci voglia ancora abbandonare del tutto. In alcuni paesi si è fatto di nuovo vivo in maniera preponderante, si vedano i nuovi lockdown della Cina e della Corea del Nord. Poi, nei primi mesi del 2022, è scoppiato un nuovo conflitto russo-ucraino che ha destabilizzato la già minata economia mondiale. E questo ha fatto scattare gli allarmi delle imprese in difficoltà per il rincaro dell’energia e delle materie prime, oltre al già sostenuto peso del fisco e la burocrazia, la mancanza di personale e in molti casi dell’abusivismo dilagante.

Maxim Manturov, Responsabile della consulenza in materia di investimenti di Freedom Finance Europe, afferma che: “secondo l’Organizzazione mondiale del turismo (UNWTO), il turismo mondiale nel 2021 sarebbe cresciuto solo del 4% (415 milioni di viaggi internazionali nel 2021 contro i 400 milioni nel 2020). I turisti hanno iniziato a spendere di più a causa dei prezzi più elevati dei trasporti e degli alloggi (nel 2021 un viaggio costava $1500 mentre nel 2020 ammontava a $1300).

Vai sul sito ufficiale Freedom Finance e scopri come investire in azioni turistiche

Secondo l’ultimo sondaggio di esperti dell’UNWTO, i professionisti del turismo (61%) si aspettano che il turismo globale migliori nel 2022. Pertanto, il 58% degli esperti prevede la ripresa del settore principalmente nel terzo trimestre di quest’anno. Il conflitto militare tra Russia e Ucraina, le sanzioni che hanno portato alla chiusura dello spazio aereo, il peggioramento delle previsioni a causa del ceppo Omicron, una situazione economica difficile (aumento dei prezzi del petrolio, aumento dell’inflazione) suggeriscono che la ripresa del turismo è in ritardo e potrebbe non avvenire nel 2022. Il 64% degli esperti dell’UNWTO (intervistati a dicembre 2021) ritiene che i viaggi internazionali torneranno ai livelli del 2019 solo nel 2024.”

sondaggio UNWTO
(Image: UNWTO.com)

Il settore turistico in Italia

La pandemia ha sicuramente cambiato le abitudini delle persone e ha influito anche sul loro modo di viaggiare. Inoltre, la crisi climatica sta giocando un ruolo importante anche sulla maniera di muoversi e allocarsi. Il turismo sostenibile è quindi la nuova tendenza che sta prevalendo sul turismo di massa in voga negli ultimi anni. E anche quello interno ha visto fiorire la presenza di molti italiani alla scoperta o riscoperta del Bel Paese, scelto come meta favorita. L’allentamento delle misure sanitarie, già per Pasqua, ha contribuito a far partire la stagione delle vacanze e la prospettiva per l’estate è altrettanto promettente.

I dati in nostro possesso – dichiara il presidente di Federalberghi Bernabò Bocca – ci fanno essere ottimisti per la stagione estiva, perché abbiamo un ritorno del turismo straniero soprattutto americano, nelle città d’arte”. 

Per maggio e giugno l’Italia ha un tasso di riempimento delle strutture ricettive di 10 punti superiore alla Spagna, nostro tradizionale competitor – aggiunge il ministro del turismo Massimo Garavaglianon si vedeva da anni, c’è un rimbalzo ma dobbiamo renderlo strutturale”.

Inoltre, il turismo MICE, acronimo di Meetings, Incentives, Conferences and Exhibitions (riunioni, incentive tour, conference ed esposizioni) e il telelavoro di svariate aziende si è tradotto, per coloro che possono lavorare ovunque, in una maggiore flessibilità di mobilità. A partire dalla primavera, e soprattutto con l’arrivo della stagione estiva, non si tornerà ai livelli pre pandemici ma i segnali di ripresa nel settore fanno tirare il fiato alle aziende e agli operatori coinvolti.

I titoli finanziari del mondo del turismo

Anche la finanza guarda con attenzione ai titoli di viaggio, un ulteriore termometro dell’attuale situazione economica. Ci sono azioni interessanti da tenere in considerazione, che possono concretizzarsi in guadagni redditizi su cui investire. Un esempio di segnale positivo verso la ripresa che potrebbe sorprendere è rappresentato dai valori di Airbnb.

grafico azioni airbnb
(Image: Investing.com)

A Wall Street le sue azioni stanno impennando, con un recupero repentino che ha stupito, e che auspica ad un nuovo scenario che lascia alle spalle il periodo complicato vissuto durante la diffusione del virus. E poi ci sono altre eccellenze da citare che vanno in questa direzione come Lufthansa, Carnival, American Airlines, Expedia o Booking.

Clicca qui per aprire un conto Freedom Finance e fare trading sulle azioni del turismo

Il mondo del turismo, dei viaggi e dell’ospitalità sta dando dei segnali, nonostante le enormi difficoltà derivate dai bilanci negativi, e le grandi società multinazionali stanno portando prove reali di un risveglio. L’ottimismo è cauto e, se non ci sono altre battute d’arresto improvvise, ci si prepara alla volata nei prossimi anni verso il vero boom risanatore.

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Migliori Broker Trading

Deposito minimo 50$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100€
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Le ultime news su Borsa Italiana Oggi Quotazioni in Tempo Reale Azioni Indici

Copia dai migliori traders

Trading senza commissioni

Trading senza commissioni

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.