Prezzo petrolio 15 febbraio 2018, calo dopo pubblicazione nuove stime americane su produzione

petrolio

Nuovi dati puntano a supportare la crescita della produzione statunitense di shale oil.

CONDIVIDI

Dopo il rimbalzo registrato negli ultimi due giorni, i prezzi del greggio sono scesi di nuovo a causa delle evidenti preoccupazioni delle forniture in aumento dagli Stati Uniti. Secondo le fonti industriali, le scorte domestiche a stelle e strisce sono aumentate nel corso delle ultime settimana e, secondo tutti i principali report mensili del mercato petrolifero pubblicati negli ultimi giorni, l'output nordamericano si espanderà fino a raggiungere livelli record nel 2018.

In particolare, nel suo dossier mensile sul mercato petrolifero, l'Agenzia internazionale dell'energia (AIE) ha rivisto le sue stime per la crescita della domanda globale a +1,6 milioni di barili al giorno (mb / g) nel 2017 e +1,4 mb / g nel 2018, rispetto alle stime del mese scorso di +1.5 mb / g e +1.3 mb / g. La domanda è adesso in grado di raggiungere 97,8 milioni di barili al giorno nel 2017 e salire poi a 99,2 milioni di barili al giorno nel 2018. L'offerta non-OPEC è stata rivista marginalmente verso l'alto: si prevede ora un aumento di 0,7 milioni di barili al giorno nel 2017 a 58,2 milioni di barili al giorno e da 1,7 mb / g l'anno prossimo a 59,9 mb / g. Pertanto, nel 2018 l'offerta non-OPEC si espanderà molto più della domanda globale, suggerendo che la "call on crude OPEC", cioè la quantità di greggio che il Cartello deve pompare per avere mercati equilibrati, dovrebbe scendere a 32,3 mb / g nel 2018 da 32,7 mb / g nel 2017.

A gennaio, la produzione OPEC di greggio era sostanzialmente stabile a 32,16 mb / g, con un tasso di conformità ottimale. Anche i tassi di conformità da parte dei Paesi non OPEC era molto buono, con una stima dell'85%. Grazie ad una forte domanda globale e agli sforzi OPEC - non OPEC, il livello delle scorte commerciali dei prodotti petroliferi e dei prodotti petroliferi dell'OCSE è sceso a dicembre di 55,6 mb, per il maggior calo mensile dal febbraio 2011, a 2851 mb, e ha chiuso l'anno a soli 52 mb al di sopra della media quinquennale. Apri un conto demo GRATUITO e illimitato su IQOption

L'AIE avverte comunque che il recente calo dello stock petrolifero potrebbe fermarsi e che presto si assisterà a un nuovo incremento favorito dal boom della produzione americana. In effetti, l'AIE ha già avvertito che la produzione degli Stati Uniti ha accelerato la sua crescita nel 2 ° semestre e che presto il Paese supererà l'Arabia Saudita come secondo produttore al mondo. Entro la fine del 2018 questo ritmo di crescita potrebbe consentirgli di superare anche la Russia come il più grande produttore al mondo.

Hodly
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro