La guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina potrebbe essere solo l’anticamera di quel che accadrà. Ad affermarlo è Conor Sen, sulle pagine di Bloomberg, ricordando come la Cina non è solo un altro fronte nella guerra al commercio globale del presidente Donald Trump, bensì come a differenza di Messico, Canada, Europa e altri obiettivi strategici del presidente, è una fonte di conflitto economico per gli anni a venire, di lunga durata, anche dopo che il problema tariffario sarà risolto (se sarà risolto). Come accaduto con la rivalità con l’Unione Sovietica, la competizione economica con la Cina potrebbe determinare una guerra fredda in grado di plasmare la politica e la politica economica americana per una generazione, o più.

Fino ad ora, grazie ad altri accadimenti, gli americani sono stati in gran parte distratti dallo sviluppo economico della Cina. La Cina è entrata a far parte dell’Organizzazione mondiale del commercio solo nel dicembre 2001, tre mesi dopo gli attacchi terroristici dell’11 settembre. Per anni, l’attenzione dell’America è stata focalizzata sul terrorismo e sulla guerra in Medio Oriente, e non certo sulla straordinaria ascesa della Cina e sul suo impatto sull’economia americana. Poi, è arrivata la crisi finanziaria e la grande recessione, divenuta il centro delle attenzioni nazionali per gli anni successivi.

Tuttavia, i cambiamenti che stanno avvenendo sia in Cina che negli Stati Uniti rendono molto diverso il periodo attuale. Nel periodo di sviluppo economico della Cina negli anni 2000 e in gran parte degli anni 2010, ci furono chiari benefici per gli Stati Uniti, anche se ci furono anche dei compromessi. L’apertura della Cina ha fornito alle industrie statunitensi un maggiore accesso al mercato interno cinese. I consumatori statunitensi hanno tratto vantaggio dall’ottenere prodotti a basso costo prodotti nel Paese asiatico. C’era dunque la speranza che l’integrazione della Cina nell’economia globale avrebbe permesso alla sua cultura imprenditoriale di essere più simile a quella dell’Occidente.

In realtà, le cose stanno andando diversamente, e il fatto che la Cina abbia annunciato la sua visione economica con “Made in China 2025”, conferma che raramente ci saranno concreti benefici per gli Stati Uniti. Cercare di diventare autosufficienti in settori che vanno dall’aerospaziale ai semiconduttori, passando per la robotica, potrebbe minacciare posti di lavoro, profitti aziendali e leadership tecnologica globale.

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.