Analisi settimanale, dollaro USA si indebolisce dopo discorso di Powell

analisi

Un'analisi settimanale sui mercati finanziari europei e statunitensi, secondo gli esperti di Alvexo.

CONDIVIDI

Il dollaro USA è stato particolarmente volatile la scorsa settimana contro la maggior parte delle principali valute: è evidente che i trader hanno reagito negativamente alle notizie politiche, economiche e monetarie della Fed.

Il biglietto verde ha infatti iniziato la settimana con molta pressione sulle proprie spalle. Alcune delle vendite sono state influenzate dai commenti accomodanti di un membro del FOMC, Raphael Bostic, che lunedì ha dichiarato di ritenere che un'inflazione relativamente mite giustifichi solo un ulteriore rialzo dei tassi nel 2018.

Alvexo Trading

Fai trading con un conto demo gratuito su Alvexo!

Alla fine della sessione un commento del presidente Trump ha poi condotto il mercato al ribasso: il presidente degli Stati Uniti ha criticato la politica della Fed, per la seconda volta in un mese. Il 20 agosto ha infatti affermato: "Non sono entusiasta del suo (Jerome Powell) alzare i tassi, no. Non sono entusiasta". Ha poi continuato dicendo che" stiamo negoziando fortemente con le altre nazioni. Vinceremo. Ma durante questo periodo di tempo, dovrei ricevere aiuto dalla Fed. Gli altri Paesi lo hanno fatto”.

Il dollaro statunitense si è in qualche modo ripreso nelle giornate di mercoledì e giovedì dopo la pubblicazione delle minute FOMC, con la riunione del comitato che ha mostrato come i piani della Banca centrale prevedono la conservazione di un ritmo graduale dei rialzi dei tassi. Le minute hanno anche aggiunto l’informativa secondo cui i funzionari della Fed sono molto cauti riguardo alle tariffe commerciali, che potrebbero danneggiare l'attuale ripresa economica.

Quindi, venerdì tutti i guadagni sono stati sostanzialmente cancellati dopo l'importante discorso del presidente della FED Jerome Powell, che ha anticipato un ritmo lento e costante di aumenti dei tassi.

La settimana scorsa

I negoziati sulla Brexit sono continuati faticosamente, e il Regno Unito ha pubblicato i documenti di analisi dell'impatto "no-deal". Questa settimana, possiamo aspettarci che arrivi ancora più clamore dai feedback di mercato, che non solo dovrebbe influenzare la sterlina, quanto anche il mercato azionario del Regno Unito. Per quanto riguarda la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, ci aspettiamo che non vi siano reali progressi dai colloqui tra i due Paesi.

Gli Stati Uniti hanno introdotto altre tariffe del 25% su beni cinesi per $ 16 miliardi alla fine della scorsa settimana e in questi giorni la Cina risponderà alle ultime tariffe.

Attenzione anche alla Turchia. Dopo qualche giorno di pausa, è possibile che il governo possa finalmente iniziare a lavorare duramente per fornire ai mercati rassicurazioni sui piani di politica fiscale e monetaria, affrontando così l'inflazione e il crollo della Lira turca, Le preoccupazioni sulla possibilità di un tracollo economico saranno ancora di massima priorità.

Questa settimana

I dati economici sul dollaro USA sono molto numerosi durante questa settimana, con statistiche chiave come quelle sulla fiducia dei consumatori di agosto, la seconda stima del PIL di mercoledì e le cifre anticipate della FED di luglio. Gli investitori continueranno a seguire con particolare attenzione l’evoluzione della guerra commerciale tra gli Stati Uniti e la Cina.

Anche l’euro ha dal canto suo una settimana frenetica. La fiducia dei consumatori della Germania e il sentiment delle aziende, il PIL francese ei dati sull'occupazione in Germania, oltre all'inflazione preliminare da Spagna, Francia, Germania, Italia e Eurozona, influenzeranno i mercati.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro