Prezzo petrolio e anticipazioni decisioni OPEC: prepararsi a un aumento delle quotazioni?

L’OPEC, l’organizzazione tra i paesi produttori di petrolio non ha intenzione di assistere impotente al recente ribasso delle quotazioni del petrolio che è stato causato da una serie di fattori molto diversi tra loro. Nel momento in cui analisti e investitori sono concentrati su quelle che saranno le reazioni della quotazione petrolio all’entrata in vigore delle nuove sanzioni all’Iran, dall’OPEC è arrivato un segnale chiaro che è rivelatore della volontà di non perdere il controllo sulle fluttuazioni del greggio.

Che il prezzo del petrolio sia molto legato alle mosse (o alle anticipazioni delle mosse) dell’organizzazione tra i paesi produttori è risaputo ma quello che è avvenuto nelle ultime ore è sintomatico del potere dell’OPEC. Cosa è successo? A parlare sono anzittutto i grafici ossia il grafico ossia il grafico del prezz del Brent e quello del WTI. In affanno fino ad alcune ore fa, con entrambi gli indici futures che hanno segnato un calo di circa lo 0,6 per cento a causa di una serie di elementi diversi tra loro, la quotazione del petrolio, tutto ad un tratto, ha annullato il ribasso ed è passata in positivo. Ovviamente questo cambio di direzione della quotazione petrolio non è avvenuto in modo casuale. In altre parole se tutto ad un tratto la quotazione petrolio ha cambiato rotta ed atteggiamento è perchè qualcosa nel sentiment è cambiata. Questo qualcosa riguarda appunto le anticipazioni sulle decisioni dell’OPEC. 

Secondo alcune indiscrezioni di stampa i ministri dell’OPEC si potrebbero riunire il prossimo fine settimana per parlare della possibilità di introdurre nuovi nuovi tagli alla produzione di petrolio a partire dal 2019. Se davvero l’OPEC arrivasse ad una decisione di questo tipo (che avrebbe i suoi impatti concreti sulle quotazioni del greggio a partire dai primi mesi del prossimo anno), si sarebbe dinanzi ad un cambio di rotta molto significativo. Fino ad oggi, infatti, l’OPEC ha tenuto alta la produzione ma nel futuro tutto potrebbe cambiare.

La mossa dell’OPEC sarrebbe quasi singolare poichè tanta analisti ritenevano che le sanzioni all’Iran sarebbero bastate per tenere alte le quotazioni. Evidentemente così non è ma anzi c’è il sospetto che gli Usa con lo shale oil siano tornati a fare i comodi loro. 

Le indiscrezioni sul possibile taglio della produzione a partire dal prossimo anno, hanno determinato un cambio di rotta molto nette per la quotazione petrolio che ora segna un rialzo dell’1 per cento con il Brent al momento della scrittura del post avanza 72,21 dollari mentre il greggio WT segna un aumento a 61,8 dollari. L’impatto delle indiscrezioni sulle prossime mosse dell’OPEC c’è ed evidente. Attenzione però a non dare nulla per scontato perchè la storia dell’OPEC stessa dimostra che tra il dire il fare c’è di mezzo un mare…di petrolio. 

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Borsa Americana

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 78% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.