Borsa USA, i listini azionari attendono la riunione FOMC

wall street

I listini azionari statunitensi stanno attendendo le decisioni del meeting FOMC di giugno.

CONDIVIDI

Negli Stati Uniti (e non solo) il focus di oggi per i mercati azionari, e più in generale per tutti i mercati finanziari, sarà presumibilmente rappresentato dalla riunione del FOMC per il mese di giugno, dalla quale gli analisti si attendono alcune novità.

Guadagnare investendo da casa ? Con la rivoluzione del Social Trading vedi chi sono i migliori investitori trader italiani e del mondo e inizi a copiare automaticamente dal loro portafoglio. Conto Demo gratuito per provare senza spendere 1€ Scopri i migliori trader su eToro con un Conto Demo Gratuito >>

Guadagnare investendo da casa ? Con la rivoluzione del Social Trading vedi chi sono i migliori investitori trader italiani e del mondo e inizi a copiare automaticamente dal loro portafoglio. Conto Demo gratuito per provare senza spendere 1€ Scopri i migliori trader su eToro con un Conto Demo Gratuito >>

In particolare, gli osservatori evidenziano che il meeting dovrebbe eliminare la stance “paziente” che è stata adottata fin dall’inizio dell’anno, per introdurre invece un bias espansivo esplicito. La previsione più attendibili è dunque che il comitato di politica monetaria della Federal Reserve possa indicare, sia a livello di comunicato, sia nel grafico, e sia ancora nella conferenza stampa a margine della riunione, condotta dal presidente Powell, la disponibilità ad attuare almeno un “taglio di assicurazione” quest’anno (entro la fine dell’estate, e ancor più probabilmente a settembre) e probabilmente un secondo taglio a inizio 2020.

Naturalmente, tale previsione è fondata sulla presenza di uno scenario centrale in cui la guerra dei dazi commerciali non sia destinata ad esplodere ulteriormente (l’incontro di fine mese tra Stati Uniti e Cina al G20 potrebbe dare un segnale in tal senso) e che il Congresso riesca ad approvare una legge di spesa per il 2020-21 moderatamente espansiva.

Detto ciò, c’è naturalmente da tenere in debita considerazione la possibile sussistenza di uno scenario alternativo, con rialzi diffusi dei dazi, che andrebbero ad interessare non solo la controparte cinese. In questa condizione, naturalmente, sarà presumibilmente richiesto al FOMC di procedere con un più intenso percorso di stimolo monetario, con tagli dei tassi ogni trimestre e con la potenziale predisposizione di un supporto anche attraverso la politica di bilancio.

Al momento questo ultimo scenario ha poche probabilità di verificarsi, ma occorrerà evidentemente ricalibrare le proprie convinzioni e le proprie valutazioni durante una stagione estiva che si preannuncia essere piuttosto calda, anche sul fronte monetario.

iQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro