Wall Street oggi 21 gennaio 2022 in preda al sell-off. Per Nasdaq peggiore settimana da ottobre 2020

Ancora una seduta disastrosa per la borsa di Wall Street che, come da attese, ha avviato le contrattazioni dell’ultima seduta della settimana con un pesante ribasso che si è poi via via allargato. I numeri non lasciano spazio agli equivoci: alle ore 16 italiane la situazione in atto sui tre principali listini dell’azionario americano è la seguente: Dow Jones in ribasso dello 0,29 per cento a 34.619 punti; S&P 500 in calo dello 0,88 per cento a 4.442 punti e Nasdaq in caduta verticale dell’1,50 per cento a quota 13.948 punti circa.

La performance peggiore del paniere dei titoli tech è giustificata dal vero e proprio tracollo che sta interessando il titolo Netflix. Il colosso dello streaming era già andato a picco ieri nel post market in scia alla pubblicazione dei conti del quarto trimestre 2021 avvenuta dopo la chiusura della borsa di Wall Street. Ovvio che con queste premesse, la seduta odierna di Netflix non potesse essere che un disastro. 

Plus500 Trading CTA

Ma allarghiamo l’orizzonte a tutta la borsa Usa chiedendoci quali sono i motivi alla base di una flessione così consistente di tutti i panieri. Dietro ai sell c’è il rimbalzo dei tassi dei Treasuries a 10 anni che proprio durante questa settimana sono saliti fino all’1,90 per cento, valore record dal dicembre del 2019. I tassi dei titoli a 30 anni, invece, hanno sfondato il muro del 2,20 per cento.

Tendenza al rialzo anche per i rendimenti ad un anno che, per la prima volta negli ultimi due anni, sono tornati sopra l’1 per cento. Molto significativo il fatto che per ritrovare i rendimenti dei titoli ad 1 anno sopra l’1 per cento si debba andare a ritroso fino all’epoca pre Covid-19. Dopo la galoppata dei giorni scorsi, però, oggi i Treasuries hanno praticamente fatto un dietrofront decisamente robusto con quelli dei titoli a 10 anni che perdono 7 punti base scivolando all’1,75 per cento mentre i rendimenti dei titoli a 30 anni segnano un calo fino al 2,074 per cento. 

E’ sulla base di questa curva che è maturato il nuovo calo della borsa di Wall Street

Operativamente la flessione in atto oggi non è una tragedia ma è invece un’occasione per fare trading. Quando gli indici di borsa sono in calo, infatti, è possibile operare con lo short trading. Investire al ribasso e quindi guadagnare sui cali non è facile e per questo consigliamo sempre di fare prima pratica con un conto demo. Ad esempio si può scegliere l’account dimostrativo messo a disposizione dal broker eToro (leggi qui la nostra recensione). Attivando la demo eToro è possibile avere subito 100 mila euro virtuali da usare per fare pratica. 

Impara a fare CFD trading sugli indici di borsa>>>clicca qui per avere la demo eToro, è gratis

inizia trading etoro

Wall Street in fase di arretramento: il bilancio della settimana

Visto che la striscia negativa della borsa Usa inizia ad essere lunga, è il caso di iniziare a fare due conti. Tanto per iniziare sia l’indice Dow Jones che l’indice S&P 500 si apprestano a chiudere la loro terza settimana consecutiva caratterizzata dal segno rosso. Il Nasdaq, che ad oggi registra un calo settimanale dello 0,5 per cento, si sta avvicinando alla sua peggiore settimana dall’ottobre del 2020. 

Sia il Dow Jones che lo S&P 500 si apprestano a concludere la terza settimana consecutiva di perdite; il Nasdaq, con un calo settimanale dello 0,5%, sta per chiudere la settimana peggiore dall’ottobre del 2020.

A completare il quadro negativo è l’andamento dell’indice Russell 2000 che potrebbe registrare, dopo la performance di oggi, la sua peggiore sessione da giugno 2020. 

Insomma il quadro dell’Ottava in corso è oramai chiaro e l’attenzione degli investitori è praticamente già rivolta a quello che potrebbe accadere la prossima settimana, l’ultima di gennaio.

Appuntamento (market mover) della prossima Ottava è la riunione del Fomc, il braccio operativo della Federal Reserve. La due giorni del summit si terrà il 25 e il 26 gennaio 2022. Sul tavolo ci sono le decisioni di politica monetaria. Non dovrebbe esserci un aumento dei tassi di riferimento al tempo stesso non dovrebbero mancare indicazioni sulle prossime mosse. Stando alle previsioni attuali, il costo del denaro dovrebbe essere rivisto al rialzo nella riunione del braccio operativo di marzo. 

Ricordiamo che le decisioni di politica monetaria possono essere sfruttate non solo per investire in borsa ma anche per operare sul Forex. E’ possibile fare tutto da una stessa piattaforma senza bisogno di creare altri account (qui il sito ufficiale eToro)

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Le ultime news su Borsa Americana

Copia dai migliori traders

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.