braccio di ferro sfida

Chi è solito investire in azioni se ne sarà certamente accorto: l’indice VIX, noto anche come indice della paura, è sceso ai minimi. Cosa comporta tutto questo per i mercati azionari? Tecnicamente il VIX misura il livello di volatilità call e put sull’indice S&P 500.

Si tratta quindi di un indicatore che può tornare molto utile soprattutto per i trader che sono soliti operare sul più importante paniere americano. In realtà, però, il fatto che l’indice VIX sia ai massimi (e quindi la paura sia alta) o ai minimi (e quindi la paura sia ai minimi) finisce con l’impattare su tutte le borse globali.

Prima di analizzare quali sono le implicazioni della paura sui mercati azionari, vediamo brevemente quale è il meccanismo di funzionamento dell’indice VIX.

Come funziona l’indice VIX della paura?

Il VIX riflette l’aspettativa dei trader e degli investitori riguardo alla volatilità a breve termine. Quando l’indice è basso, si presume che il mercato sia stabile e ci sia poca incertezza. Al contrario, quando l’indice è alto, si presume che il mercato sia volatile e ci sia maggiore incertezza o paura.

Il calcolo dell’indice VIX si basa sulla volatilità implicita delle opzioni sull’indice S&P 500. Le opzioni sono strumenti finanziari che consentono di acquistare o vendere un determinato asset a un prezzo specifico entro una data specifica. La volatilità implicita delle opzioni riflette l’aspettativa dei trader riguardo alla volatilità futura del mercato azionario.

Le operazioni di calcolo del VOX sono effettuate mediante un modello matematico complesso noto come modello di pricing delle opzioni Black-Scholes che tiene conto dei prezzi delle opzioni put e call sull’indice S&P 500 e calcola la volatilità implicita media ponderata. Il risultato finale è espresso come un indice numerico, che rappresenta l’aspettativa di volatilità a 30 giorni.

Operativamente il paniere VIX viene spesso utilizzato come misura dell’avversione al rischio del mercato e può essere utilizzato come un indicatore di potenziali fluttuazioni future del mercato azionario. I trader utilizzano l’indice VIX per prendere decisioni di trading o per coprire i loro portafogli durante periodi di volatilità elevata.

Tra l’altro con i migliori broker CFD oggi è anche possibile speculare sull’andamento del VIX che, operativamente, si può considerare come un indice di borsa come tutti gli altri solo che rappresenta il livello di volatilità e non valori come invece avviene con i panieri azionari classici.

Un broker che consente di fare trading con i CFD sul VIX è eToro. Sul nostro sito suggeriamo spesso questa piattaforma poichè essa offre sempre la demo gratuita per fare pratica che, nel caso specifico del trading sul VIX, può essere molto utile anche a chi ha già una certa esperienza.

–REGISTRATI GRATIS SU ETORO PER AVER LA DEMO>>

Quali sono gli effetti del VIX sui mercati azionari?

E occupiamoci adesso della questione al centro del post ossia gli effetti del VIX sugli indici di borsa (mercati azionari).

Confrontando la performance dell’indice VIX così come riportato dal grafico in alto con quella dell’S&P 500 in in frame temporale di 12 mesi, si può vedere come il mercato azionario abbia registrato risultati migliori nei momenti in cui c’è stata una lettura del VIX relativamente elevata. Ovviamente questa è una tendenza media, nulla di più. Nello specifico, il VIX attualmente si muove in area 13. Si tratta di un livello che spesso è seguito da una performance media dell’S&P 500 pari a circa il 10 per cento.

E allora, a che livello può essere ritenuto normale l’indice VIX? A partire dal 1993, anno in cui l’indice è stato sviluppato sviluppato dal Chicago Board Options Exchange (CBOE), il paniere è stato inferiore a 20 circa il 62 per cento delle volte.

Forse ti può anche interessare — Indice VIX: cos’è e come funziona l’indice di volatilità. E la VIX Curve?

Come fare trading sull’indice VIX

Ci sono varie strade per investire sull’indice VIX. Tanto per iniziare si possono acquistare degli ETF che hanno come sottostante proprio l’indice della volatilità dell’S&P 500. Un esempio è l’iPath S&P 500 VIX Short Term Futures ETN (VXX) che ad oggi viene considerato il fondo più grande che investe sul VIX.

Eppure se non si vuole operare con gli Exchange-Traded Fund, allora si può optare per i CFD sul VIX. Si tratta di strumenti di tipo derivato che seguono l’andamento del paniere della volatilità consentendo di speculare sia al rialzo (long trading) che al ribasso (short trading) senza alcun possesso dell’asset sottostante.

I CFD sul VIX offrono una serie di vantaggi:

  • Leva finanziaria: si possono negoziare importi di valore superiore rispetto al capitale investito. Grazie a questo meccanismo sono amplificati i potenziali profitti (ma sale anche il livello di rischio che si corre).
  • Possibilità di guadagnare sia in mercati rialzisti che ribassisti: con i CFD sul VIX è possibile aprire posizioni sia al rialzo (posizioni long) che al ribasso (posizioni short) in base alle proprie previsioni di mercato. Ciò significa che è possibile trarre profitto dalle variazioni dei prezzi in entrambe le direzioni, consentendo di cogliere opportunità di trading anche quando l’indice della paura è in ribasso
  • Elevata liquidità: i CFD sul VIX sono strumenti molto liquidi. I trader possono aprire e chiudere posizioni in qualsiasi momento durante le ore di negoziazione dei mercati finanziari
  • Possibilità di copertura: I CFD sul VIX offrono la possibilità di utilizzare strategie di copertura (hedging) per proteggere un portafoglio da possibili perdite

Un broker che offre la possibilità di fare trading con i CFD sul VOX è eToro. Scegliendo questa piattaforma non solo è possibile speculare in entrambe le direzioni sull’andamento dell’indice ma si possono anche copiare i migliori trader sul VIX grazie all’innovativo strumento del copy trading. E tra l’altro anche questa esclusiva funzionalità può essere testate in primis con la demo gratuita in modo tale ad evitare di perdere soldi veri.

–APRI UN CONTO DEMO GRATIS CON ETORO E FAI CFD TRADING SUL VIX>>

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.