Per l’S&P 500 il 2023 sarà il migliore anno degli ultimi decenni?

L'indice S&P 500 si appresta a chiudere uno dei migliori anni di sempre - BorsaInside

Stai pensando di investire sull’S&P 500 (il più importante indice della borsa americana)? Ci sono due buone notizie per te: la prima è che si può tranquillamente speculare su uno strumento derivato che riproduce l’andamento dell’indice senza possederlo realmente (si tratta dei Contratti per Differenza di cui parleremo proprio in questo articolo) e la seconda è che proprio l’S&P 500 si sta apprestando a chiudere uno dei suoi migliori anni degli ultimi decenni.

Come si può vedere dal grafico in basso, infatti, l’S&P 500 scambia in area 4350 punti e se è vero che rispetto ad un mese fa c’è un ribasso dell’1,9 per cento, è altrettanto vero che negli ultimi 6 mesi il più importante paniere azionario americano ha guadagnato il 6,9 per cento. Da inizio anno, poi, la prestazione è ancora migliore con un rialzo del 15 per cento. Giusto per avere un’idea di quello che sta accadendo, a inizio gennaio l’S&P 500 si muoveva in area 3800 punti, oggi è 500 punti più avanti.

Investire sull’S&P 500: il 2023 sarà uno degli anni migliori?

Diamo uno sguardo alla dinamica seguita dall’indice più importante di Wall Street nel 2023. Il periodo in cui c’è stata la crescita maggiore è stato quello compreso tra la primavera e l’estate. Il rally avvenuto in quel periodo si è affievolito. Nonostante nell’ultimo mese ci sia stato un calo (lo abbiamo visto in precedenza), comunque per l’S&P 500 il 2023 sarà uno dei migliori anni degli ultimi decenni. Ovviamente siamo ancora a metà ottobre e tutto potrebbe succedere, tuttavia, ad ora, le azioni Usa comunque risultano essere in forte rialzo e questo è un dato di fatto da cui non si può prescindere.

La domanda da porsi, invece, riguarda la valenza dei guadagni di quest’anno: essi si possono considerare come un rally del mercato ribassista? La tesi è tutto tranne che fuori luogo anche perchè è evidente che il mercato non ha ancora recuperato i massimi raggiunti a gennaio 2022.

Ad ogni modo (e questo lo dicono i numeri) dal 1950 ad oggi sono stati davvero pochi rally che hanno hanno battuto l’attuale rialzo. Il boom dei valori ha ovviamente avuto origine anche dalla situazione dello scorso anno: il 2022 è stato infatti caratterizzato dalle vendite e quindi il balzo di oggi è in primo luogo dovuto a ragioni tecniche.

Ma il balzo messo a segno dall’S&P 500 nel 2023 è anche nettamente più alto della variazione media ventennale del mercato. Infatti raffrontando i risultati del 2023 con quelli messi a segno in tutti gli anni dal 1950 ad oggi, si può notare come il rialzo del 2023 sia leggermente più basso del 75esimo percentile. In pratica la progressione del 2023 è stata più alta del 75 per cento dei rendimenti degli ultimi sette anni.

Tutto questo è un dato di fatto. Si tratta però di capire se il rialzo che l’S&P 500 sta mettendo a segno nel 2023 vada inteso solo come una reazione fisiologica e momentanea alla perdita registrata nel corso del 2022 oppure se si possa trattare di un evento che va oltre la reazione naturale e in tal caso si aprirebbero prospettive nuove già per il 2024.

Come investire sull’S&P 500 con i CFD

La strada più immediata per investire sull’S&P 500 è attraverso l’acquisto diretto di azioni. Si tratta di scegliere quelli che potenzialmente sono i titoli più interessanti ed inserirli nel proprio portafoglio. Tuttavia nessuno può sapere con certezza quali sono le azioni che possono fare meglio e quindi il rischio di incappare in errori è alto.

Attraverso i CFD c’è invece la possibilità di speculare su un solo asset che replica le performance di tutto l’indice senza dover possedere fisicamente nulla. Proprio per questa ragione i CFD sull’S&P 500 sono oggi uno dei modi più comuni e più usati per speculare sull’indice americano.

Facendo trading di CFD sull’S&P 500 gli investitori puntano a prevedere se il prezzo dell’indice aumenterà o diminuirà. Nel primo caso adotteranno una strategia long mentre nel secondo opteranno per lo short.

I CFD si basano sull’uso della leva finanziaria, il che significa che è possibile controllare una posizione di valore superiore al capitale effettivamente investito. Ricordiamo però che la leva finanziaria aumenta sia i potenziali profitti che le perdite, rendendo i CFD un’opzione ad alto rischio. E, per finire ma non meno importante, grazie ai CFD sull’S&P 500, gli investitori possono diversificare il loro portafoglio senza la necessità di acquistare e detenere fisicamente tutte le azioni dello stesso indice. Questo offre una maggiore flessibilità nell’allocazione di risorse.

Sul mercato ci sono tantissimi broker CFD ma quando parliamo di trading su uno dei più importanti indici Usa è meglio andare sul sicuro. Tra i più interessanti ci sono:

logo broker etoro
  • eToro: consente di investire su tantissimi mercati attraverso i CFD senza il possesso del sottostante. Uno delle ragioni alla base del successo di eToro è il copy trading, strumento grazie al quale si possono replicare le strategie dei traders più bravi. Il deposito minimo iniziale richiesto da eToro è di appena 50 dollari, tra i più bassi del settore.

Apri un account eToro virtuale da $100.000 ed esercitati gratis per incrementare le tue capacità operative più informazioni sul sito eToro <

azioni FinecoBank
  • FinecoBank: la celebre banca italiana, mette a disposizione la piattaforma NR 1 tra i traders italiani. Con Fineco si può fare trading di CFD su tantissimi asset tra cui gli indici azionari Usa. Inoltre c’è anche l’esclusivo strumento dei Super CFD. Le commissioni calano all’aumentare dell’attività di trading. Molto interessante è anche il fatto che Fineco sia sostituto di imposta per i clienti con residenza in Italia (può farlo perchè banca italiana).

Per fare trading usa la piattaforma NR in ItaliaMaggiori info sul sito ufficiale, clicca qui >

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram

Migliori Piattaforme di Trading

Deposito minimo 50$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
* Avviso di rischio
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.

Regolamentazione Trading