Riunione FED domani 22 marzo 2023: quali decisione sui tassi? Previsioni e analisi

Il market mover clou della settimana è la riunione della Federale Reserve. Domani 22 marzo 2023 alle ore 19 di New York, il FOMC, in assise già da oggi, renderà note le sue decisioni di politica monetaria. E la domanda che analisti e investitori si pongono è sola una: cosa farà la FED con i tassi? Ci sarà un aumento oppure una pausa che alcuni giudicano inevitabile in scia alla crisi delle banche americane? E nel caso in cui dovesse esserci un rialzo del costo del denaro, esso a quanto ammonterebbe? La FED si fermerà davvero al minimo sindacale dello 0,25 per cento per evitare di genere effetti dagli esiti imprevedibili?

Insomma come si può vedere da questo rapidissimo excursus, era davvero tanto tempo che non vi erano così tanti dubbi connessi ad una riunione della Federal Reserve.

Arrivati a questo punto (curva dell’inflazione in discesa almeno negli Usa), era lecito attendersi una strategia di uscita moderata e lineare. E invece il fallimento della Silicon Valley Bank e tutto quello che è derivato da questo evento, hanno rimischiato le carte sul tavolo. Risultato di tutto questo è che provare a tracciare delle previsioni sulla riunione FED di domani 22 marzo è diventato estremamente complesso.

Lo stesso andamento che le borse evidenziano oggi, potrebbe trarre in inganno. Senza andare troppo lontano, Borsa Italiana sta registrando una performance molto forte con il Ftse Mib che avanza del 2,46 per cento. Molto significativo il fatto che a guidare il paniere di riferimento di Piazza Affari siano le quotate del settore bancario ossia le stesse che nelle scorse sedute sono state al centro di vendite incessanti.

Il rimbalzo del Ftse Mib (abbiamo citato solo il più importante indice di Piazza Affari ma in realtà sono tutte le borse europee a muoversi in verde) non deve però trarre in inganno. Secondo Bankinter, la giornata di oggi può essere intesa come una transizione in vista proprio delle decisioni FED di domani.

Tra l’altro (quando si dice coincidenze) anche dopodomani (giovedì 23 marzo 2023) sarà una giornata molto calda sul fronte della politica monetaria visto che in agenda ci sono i board della Bank of England e della Banca Nazionale Svizzera (la cui riunione diventa determinante a causa della crisi del Credit Suisse).

Insomma saranno giorni caldi sul fronte della politica monetaria globale e questo non può che significare volatilità. Sicuramente sulle borse di tutto il mondo ma anche sul mercato del Forex. In pole position c’è sempre il cambio Euro Dollaro sul quale oggi si può investire attraverso i CFD usando broker affidabili come ad esempio eToro. Il vantaggio di questa piattaforma che sul nostro sito citiamo spesso è dato dalla possibilità di usare un conto demo gratuito da 100mila euro virtuali per imparare a fare pratica senza rischi.

–REGISTRATI SU ETORO E OTTIENI IL CONTO DEMO GRATUITO>>

portafoglio virtuale eToro

Riunione FED 22 marzo 2023: previsioni

Pur con i limiti che abbiamo indicato in precedenza, proviamo a tracciare delle previsioni sulla riunione FED di domani. Secondo Bankinter, le decisioni sui tassi saranno la chiave di svolta per tutto il mercato. L’esito più probabile è quello di un aumento del costo del denaro di 25 pb al 4,75/5,00 per cento. Tuttavia è lecito attendersi comunque delle novità (ad esempio nelle dichiarazioni), altrimenti passerebbe il messaggio che la più importante banca centrale al mondo sta ignorando la crisi delle banche che avviene dentro casa sua stessa.

L’opzione migliore ha aggiunto Bankiter è quella di una pausa ma se i tassi dovessero davvero salire dello 0,25 per cento dovrebbero per forza esserci dei cambi di passo nel messaggio e nello stesso approccio per il futuro.

Secondo Link Securities, sarà fondamentale capire se la crisi di fiducia nel settore bancario statunitense, da imputare proprio al brusco aumento dei tassi ufficiali da parte della stessa FED, abbia o no cambiato le aspettative dei membri del FOMC in merito alla futura direzione dei tassi di interesse. Proprio per questo motivo sarà il dot plot a diventare il reale termometro.

E ragionando in termini di previsioni, c’è una parte del mercato che ritiene possibile che la FED inizi a ridurre i tassi dopo l’estate, prospettiva, però, che a livello ufficiale non è riconosciuta. E’ però possibile ma non certo che alcuni membri del FOMC optino per questo nuovo scenario. In caso contrario, i mercati obbligazionari e azionari potrebbero avere una reazione molto marcata.

Per finire, da Link Securities si attendono che il presidente della Fed Jerome Powell, durante la conferenza stampa che seguirà la riunione del FOMC, possa difendere con forza la solidità del settore bancario americano ribadendo che la FED è pronta a fare la sua parte.

Anche le parole di Powell potrebbero condizionare molto l’andamento dei mercati azionari e del forex.

Come investire in vista della riunione FED di domani 23 marzo 2023

Investire dopo le decisioni di politica monetaria della FED è quasi scontato. In realtà non tutti sanno che è possibile investire anche prima sfruttando le previsioni e le stime degli analisti. La morale è grossomodo questa: se le decisioni sono in linea con le stime prevalenti, allora non ci sono da attendersi gradi ripercussioni sui mercati. Diversa è la situazione che si verrebbe a creare se ci dovessero essere decisioni differenti della attese.

I mercati che subito subiscono le conseguenze della riunione FED sono quello azionario (borsa di Wall Street in testa ma anche tutte le altre borse europee) e quello del Forex.

Forse può anche interessarti — EUR USD eToro: come fare trading (guida 2023)

Usando un broker come eToro è possibile investire su entrambi i mercati da una stessa piattaforma usando i CFD. Come detto in precedenza registrandosi su eToro è possibile avere subito un conto demo gratuito per fare pratica oltre a tanti altri strumenti di analisi.

–INVESTI SULLE DECISIONI FED CON ETORO (DEMO UFFICIALE)>>

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram

Migliori Piattaforme di Trading

Deposito minimo 50$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
* Avviso di rischio
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.

Regolamentazione Trading